Breaking News
Home / Altri mondi / Il ministro Bonisoli, l’abolizione delle domeniche gratuite al museo e gli slogan mistificatori di Maurizio Martina
Bonisoli

Il ministro Bonisoli, l’abolizione delle domeniche gratuite al museo e gli slogan mistificatori di Maurizio Martina

Il Ministro della Cultura Bonisoli vuole abolire le domeniche gratuite al museo. Solo nel 2017 3,5 milioni di persone hanno visitato gratis il nostro patrimonio. Vogliono le bellezze d’Italia per pochi e non come bene pubblico. È già pronto lo slogan: meno cultura per tutti. Maurizio Martina ha twittato. L’apocalisse è giunta, siamo alla fine della civiltà e le orde barbariche gialloverdi hanno ormai invaso le culle della cultura -i musei- e ne hanno sbarrato le porte al grande pubblico. Siamo rovinati. Addio chilometriche code, addio affollatissime sale, addio schiamazzi, addio spintoni, addio. Non vedremo più l’attonita sorpresa sul volto dei turisti alla vista del biglietto gratuito; niente più sgomitate davanti a un’opera d’arte; e – orrore! – i giovani annoiati e intellettualoidi la prima domenica del mese saranno costretti a pagare per poter immortalare le loro epifanie davanti a un’opera d’arte, per poi immancabilmente postarle sui social con tanto di hashtag e didascalie ad effetto.

Eppur non pare una grave perdita: checché ne dica il caro Maurizio Martina – abile mistificatore della realtà e delle parole altrui -, il ministro Bonisoli non ha intenzione di precludere a nessuno l’accesso alle bellezze d’Italia. «Non si tratta di vietare in assoluto la possibilità di aprire le porte dei musei in modo gratuito, ma semplicemente di superare l’obbligo di farlo ogni prima domenica del mese. Per tutti. Da Pompei a Milano. Dando più libertà ai musei di scegliere secondo le proprie necessità». Superare l’obbligo di gratuità stabilito per ogni prima domenica del mese (tra l’altro giudicato positivamente dallo stesso ministro Bonisoli come iniziale lancio pubblicitario – come se l’arte avesse bisogno di pubblicità! -), non abolire la possibilità di giornate gratuite. Il messaggio è chiaro, eppure Martina lo stravolge: Nessun attentato alla cultura, solo una mistificazione propagandistica per il Maurizio Martina Show. Anche perché l’ingresso gratuito a musei e monumenti, per tutti, in un giorno imposto non è il miglior mezzo per la diffusione della cultura: molto più indicate sarebbero riduzioni – o gratuità – mirate: per i residenti, per gli studenti, per le fasce di reddito più deboli… Oppure giornate gratuite per tutti, ma nei periodi di minor affluenza.

Per assaporare l’arte e la cultura – e tutto il loro valore – c’è bisogno di tempo, di spazio, di silenzio. Per assaporare l’arte bisogna interiorizzarla: e ciò diventa impossibile se i visitatori di un museo sono ammassati come il pubblico di un concerto al parterre dello Stadio Olimpico. Inutile difenderle a spada tratta: le domeniche gratuite nei musei non danno accesso alla cultura, ma ad una sua misera e illusoria parvenza.

 

Alessandra Vio

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

gilliam

‘L’uomo che uccise don Chisciotte’ di Terry Gilliam: la rivendicazione del primato della fantasia sulla realtà

Un film atteso 25 anni, realizzato tra molte difficoltà e che nella prima stesura, la quale si basava su un semplice viaggio indietro nel tempo da realizzarsi con un budget colossale, vedeva nel cast un giovane Johnny Depp, Jean Rochefort (scomparso lo scorso anno) e Vanessa Paradis, che rende onore allo spirito e al linguaggio della geniale e celeberrima opera di Cervantes, Don Chisciotte, il libro più giocondo e allo stesso tempo assennato che il lettore possa mai immaginare, come recita il prologo. Il regista visionario Terry Gilliam per il quale la follia, il grottesco e l'irrazionalità sono il sale della vita e la cifra dei suoi film (l'indimenticabile serie di esilaranti gag dei Monty Python, Brazil, La leggenda del re pescatore, Le avventure del Barone di Münchausen, L'esercito delle dodici scimmie, Paura e delirio a Las Vegas, Parnassus-L'uomo che voleva ingannare il diavolo), nel suo L'uomo che uccise Don Chisciotte, riflette sul senso della follia, dell'illusione, del credere fermamente alle propria immaginazione per sentirsi utili a questo mondo.