Breaking News
Home / Altri mondi / ‘L’ora più buia’ di Wright: la ricostruzione dei venti giorni che determinarono le sorti delle democrazie occidentali durante la seconda guerra mondiale
l'ora più buia

‘L’ora più buia’ di Wright: la ricostruzione dei venti giorni che determinarono le sorti delle democrazie occidentali durante la seconda guerra mondiale

Imperniato sulla ricostruzione dei venti giorni che determinarono le sorti dell’Inghilterra e conseguentemente delle democrazie occidentali nella Seconda guerra mondiale, il film del londinese Wright (Anna Karenina, per citare uno dei suoi film più celebri), L’ora più buia, ha praticamente ipotecato la statuetta per il miglior attore alla prossima edizione degli Oscar. Gary Oldman, infatti, al di là dello strenuo lavoro del truccatore, è superlativo nello scolpire Winston Churchill anche sul piano del carattere, lo spirito e il pensiero per la cui attendibilità non sarebbe bastata la sola performance mimetica.

Il regista de L’ora più buia, inoltre, deve parte del merito che gli sarà attribuito dalla maggioranza del pubblico e la critica alla sceneggiatura scritta senza guizzi di genio, ma con impeccabile senso del mestiere dal drammaturgo neozelandese Anthony McCarten. La prima parte, in particolare, esibisce il nerbo di una solidità classica, sia per quanto riguarda il senso del ritmo, sia per la misura divulgativa: l’aula del parlamento dove i partiti si combattono per designare la figura di un nuovo primo ministro in grado di guidare la nazione in procinto di essere invasa dai nazisti diventa, in effetti, una sorta di quinta teatrale o meglio di luogo prettamente cinematografico, credibile perché fittizio e viceversa. Infastidisce poco, in questo senso, l’inevitabile dose di retorica patriottica perché –come succedeva anche in un titolo affine come Il discorso del re– Wright ha girato un film di parole (dialoghi tambureggianti, battute trancianti, lettere cruciali scritte a macchina dalla segretaria, discorsi storici memorabili) con la tecnica di un film d’azione puntando, così, a restituire il senso del transfer del destino di una singola vita in quello collettivo di un popolo.

A volere essere fiscali quando, nella seconda parte de L’ora più buia, gli avvenimenti si focalizzano quasi esclusivamente su Churchill indeciso se rischiare l’olocausto dell’esercito inglese accerchiato a Dunkerque nel segno dell’ostinato dovere della resistenza oppure dichiararsi perdenti in partenza e accettare di trattare un armistizio con l’inaffidabile Hitler, gli andirivieni al Gabinetto di Guerra appaiono ripetitivi sul piano dell’efficacia narrativa e persino un po’ buffi sul piano di quella emotiva. Per fortuna, però, arriva la divertente sequenza del bagno di folla in metropolitana che consentirà al mattatore di rimettersi in sella e al film d’uscire dall’impasse. Malgrado, dunque, il rallentamento in sottofinale, la spinta propulsiva del film, supportata dalle magnifiche presenze di caratteristi all’altezza, si mantiene attiva sino alla battuta sul Churchill supremo oratore pronunciata da un avversario politico pro-trattativa: “Ha mobilitato la lingua inglese e l’ha mandata in guerra”. Alla quale gli spettatori odierni potrebbero allegare la chiosa “e adesso anche al cinema”.

L’ORA PIU’ BUIA
Regia: Joe Wright
Con: Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Ben Mendelsohn

 

L’ora più buia

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Milos Forman

Addio a Milos Forman, sarcastico ed umanissimo narratore di celebrità ribelli, premio Oscar per l’indimenticabile ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morto a 86 anni il regista di origine ceca Miloš Forman, vincitore di due premi Oscar come miglior regista nel 1976 per Qualcuno volò sul nido del cuculo e nel 1985 Amadeus, per i quali vinse anche due Golden Globe. A questi se ne aggiunge un terzo, vinto nel 1996, per Larry Flynt - Oltre lo scandalo. Ma l'eccezionale carriera di Miloš Forman affonda le radici nella Cecoslovacchia comunista, quando, assieme a un gruppo di altri giovani registi diede vita alla Nouvelle Vague praghese, la Nová VIna. Jan Tomas Forman, quello il suo vero nome, era nato a Cáslav, una piccola citta ad est di Praga, il 18 febbraio 1932 nella allora Cecoslovacchia, suo padre fu arrestato dalla Gestapo quando il bambino aveva 8 anni e deportato nel campo di concentramento di Buchenwald, dove morì. Stesso tragico destino anche per la madre morta a Auschwitz, il ragazzo e i suoi fratelli vennero cresciuti dagli zii. Dopo avere studiato regia alla Scuola di Cinema di Praga, negli anni Sessanta Forman si fece conoscere per alcuni film premiati ai principali festival internazionali; L'asso di picche (1963), a Locarno, Gli amori di una bionda (1965), manifesto della Nova Vlna praghese, e Al fuoco, pompieri! (1967), che fece scandalo suscitando le proteste dei vigili del fuoco cecoslovacchi e vietato dal presidente Novotny.