Breaking News
Home / Altri mondi / ‘L’ora più buia’ di Wright: la ricostruzione dei venti giorni che determinarono le sorti delle democrazie occidentali durante la seconda guerra mondiale
l'ora più buia

‘L’ora più buia’ di Wright: la ricostruzione dei venti giorni che determinarono le sorti delle democrazie occidentali durante la seconda guerra mondiale

Imperniato sulla ricostruzione dei venti giorni che determinarono le sorti dell’Inghilterra e conseguentemente delle democrazie occidentali nella Seconda guerra mondiale, il film del londinese Wright (Anna Karenina, per citare uno dei suoi film più celebri), L’ora più buia, ha praticamente ipotecato la statuetta per il miglior attore alla prossima edizione degli Oscar. Gary Oldman, infatti, al di là dello strenuo lavoro del truccatore, è superlativo nello scolpire Winston Churchill anche sul piano del carattere, lo spirito e il pensiero per la cui attendibilità non sarebbe bastata la sola performance mimetica.

Il regista de L’ora più buia, inoltre, deve parte del merito che gli sarà attribuito dalla maggioranza del pubblico e la critica alla sceneggiatura scritta senza guizzi di genio, ma con impeccabile senso del mestiere dal drammaturgo neozelandese Anthony McCarten. La prima parte, in particolare, esibisce il nerbo di una solidità classica, sia per quanto riguarda il senso del ritmo, sia per la misura divulgativa: l’aula del parlamento dove i partiti si combattono per designare la figura di un nuovo primo ministro in grado di guidare la nazione in procinto di essere invasa dai nazisti diventa, in effetti, una sorta di quinta teatrale o meglio di luogo prettamente cinematografico, credibile perché fittizio e viceversa. Infastidisce poco, in questo senso, l’inevitabile dose di retorica patriottica perché –come succedeva anche in un titolo affine come Il discorso del re– Wright ha girato un film di parole (dialoghi tambureggianti, battute trancianti, lettere cruciali scritte a macchina dalla segretaria, discorsi storici memorabili) con la tecnica di un film d’azione puntando, così, a restituire il senso del transfer del destino di una singola vita in quello collettivo di un popolo.

A volere essere fiscali quando, nella seconda parte de L’ora più buia, gli avvenimenti si focalizzano quasi esclusivamente su Churchill indeciso se rischiare l’olocausto dell’esercito inglese accerchiato a Dunkerque nel segno dell’ostinato dovere della resistenza oppure dichiararsi perdenti in partenza e accettare di trattare un armistizio con l’inaffidabile Hitler, gli andirivieni al Gabinetto di Guerra appaiono ripetitivi sul piano dell’efficacia narrativa e persino un po’ buffi sul piano di quella emotiva. Per fortuna, però, arriva la divertente sequenza del bagno di folla in metropolitana che consentirà al mattatore di rimettersi in sella e al film d’uscire dall’impasse. Malgrado, dunque, il rallentamento in sottofinale, la spinta propulsiva del film, supportata dalle magnifiche presenze di caratteristi all’altezza, si mantiene attiva sino alla battuta sul Churchill supremo oratore pronunciata da un avversario politico pro-trattativa: “Ha mobilitato la lingua inglese e l’ha mandata in guerra”. Alla quale gli spettatori odierni potrebbero allegare la chiosa “e adesso anche al cinema”.

L’ORA PIU’ BUIA
Regia: Joe Wright
Con: Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Ben Mendelsohn

 

L’ora più buia

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Gioventù perduta di Germi

‘Gioventù perduta’, storia tipica del dopoguerra italiano, di Pietro Germi: un inizio travagliato tra scarti della Commissione del GUF di Genova e censura

Il primo impatto di Pietro Germi con il mondo del cinema è all’insegna dello scontro. Scartato dalla commissione del Guf di Genova, incaricata di effettuare una prima selezione di candidati ammissibili al concorso indetto dal Centro Sperimentale di Cinematografia, Branca Registi, non si dà per vinto e scrive una lunga lettera1 per protestare contro quel risultato a suo avviso sommamente ingiusto. Siamo nel 1937, Germi ha 23 anni e un bellicoso talento per l’esercizio dello sdegno, accompagnato da un’indole ribelle che il tempo potrà solo confermare. A dieci anni esatti da quella bocciatura, al “caso” del candidato Germi si aggiunge il “caso” Gioventù perduta, scatenato da un’altra lettera e destinato a rimanere unico, nella carriera del regista genovese, per il massiccio sostegno trasversale ottenuto anche – soprattutto – a sinistra, nel corso di una vera e propria campagna di stampa contro la censura. Portato a termine nell’autunno del 1947, il secondo lungometraggio di Germi ne è il protagonista indiscusso e forse ottiene il nulla osta, nel gennaio del 1948, anche grazie a questa imponente mobilitazione.