Breaking News
Home / Altri mondi / I Musei Vaticani aprono le porte all’arte russa fino al 16 febbraio 2019
musei vaticani

I Musei Vaticani aprono le porte all’arte russa fino al 16 febbraio 2019

Dal 20 novembre al 16 febbraio 2019, nella suggestiva cornice dei Musei Vaticani, l’esposizione dà spazio al messaggio spirituale e culturale della Russia al centro del mondo cristiano occidentale.

Autentici capolavori, testimonianza di secoli d’arte, provenienti dalla collezione della Galleria Statale Tretyakov e musei Russi saranno protagonisti dell’attesissimo evento “VELINA, il tratto Russo. Dal Dionisio a Malevic”, dal 20 novembre al 16 febbraio 209, nella suggestiva cornice dei Musei Vaticani, Braccio di Carlo Magno. L’esposizione , per la prima volta a Roma, è stata inaugurata con un grande successo di pubblico.

La mostra è stata concepita come una degna riposta al generoso gesto dei Musei Vaticani e per questo gli organizzatori hanno dato vita ad un progetto ambizioso, decisamente significativo in termini di livello artistico, e dedicato al messaggio spirituale e culturale della Russia al centro del mondo cristiano occidentale. Come concepito dal curatore la mostra racchiude l’unicità della mentalità artistica della nazione e pone l’accento sulla continuità delle tradizioni, sulle profonde connessioni interne dell’iconografia e sul realismo russo del XIX secolo. E’ stato sviluppato un concetto originale e in molti modi innovativo del progetto, sono stati selezionati oggetti di eccezionale pienezza figurativa e valore artistico.

Nell’esposizione si è deciso di abbandonare il principio cronologico. Nello spazio espositivo due tradizioni storiche e culturali entrano in dialogo: l’arte antica russa , la pittura della seconda metà del XIX e il primo terzo del XX secolo. L’idea della mostra (arte e dipinti) è quella di mostrare la loro parentela, che si è rivelata inestirpabile, nonostante la rottura dei legami culturali durante il regno di Pietro I; La mostra è realizzata grazie al Ministero della Cultura di Federazione Russa, alla Galleria Tretyakov, uno dei più grandi e più visitati musei risalente al 1856, e ai Musei Vaticani.

Il progetto e stato finanziato dalla Fondazione benefica del filantropo russo Alisher Usmanov “Arte , scienza e sport”, insignito qualche giorno fa a Milano della “Excellence Guirlande d’Honneur”, la più alta onorificenza della FICTS (Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs) considerata l’“Oscar della TV e del Cinema sportivo”, che si occupa di sostenere delle iniziative socialmente significative nel campo della cultura, dell’arte e dello sport, nonché progetti scientifici, educativi e sociali. Quest’anno il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, gli ha anche riconosciuto l’Ordine al merito per la Repubblica Italiana del grado di comandante. Il premio è stato assegnato per il suo contributo allo sviluppo delle relazioni russo-italiane e come segno di una grande stima per la partecipazione di Usmanov nei progetti di restauro della tenuta di Berg a Mosca, dove si trova l’Ambasciata italiana, il restauro della Sala degli Orazi e dei Curiazi presso i Musei Capitolini, la navata della Basilica di Ulpia, la fontana Dioscuri sulla piazza del Quirinale e il Foro di Traiano a Roma.

 

LibreriamoNetwork

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

cold war

‘Cold war’ di Pawlikowski: l’amore incandescente tra un pianista e una cantante dentro un blocco di ghiaccio

Il soggetto è antico quanto il mondo, ma Cold War suscita sentimenti così intensi da fare sì che irrompano nel cuore dello spettatore nel preciso momento in cui lo sta vedendo. L’aspetto più stupefacente, però, del film del polacco emigrato a Londra Pale Pawlikowski -già gratificato dal meritato successo mondiale di “Ida”- sta nel fatto che sembra sia riuscito a scolpire un’incandescente storia d’amore all’interno di un blocco di ghiaccio: girato in 16mm, nel desueto formato dell’1,33:1 e in un prezioso bianco e nero che si rimodella continuamente eliminando le sbavature e variando le sfumature, questo film imperdibile riesce a catturare i dettagli più impercettibili senza cedere al manieristico, al melodrammatico o al ricattatorio bensì ricostruendo i fatti con una cadenza asciutta ed ellittica, come se l’assoluta sobrietà espressiva fosse l’unico modo possibile per recuperare i frammenti di un sogno per metà realistico e per l’altra onirico.