Breaking News
Home / Altri mondi / Dal Metropolitan di New York a Palazzo Zevallos di Napoli: ‘I Musici’ di Caravaggio in mostra fino al 16 luglio

Dal Metropolitan di New York a Palazzo Zevallos di Napoli: ‘I Musici’ di Caravaggio in mostra fino al 16 luglio

“I Musici” è un’opera del 1595, la prima delle tele dipinte da Caravaggio per il cardinale e mecenate Francesco Maria Bourbon Del Monte. Il dipinto non deve essere interpretato come la rappresentazione di un concerto contemporaneo, ma come un’allegoria di Musica e Amore (quest’ultimo simboleggiato dal Cupido che tiene in mano l’uva). Gli storici dell’arte concordano nel ritenere che il suonatore di cornetto sia l’autoritratto di Caravaggio.

Prosegue dunque l’attività di scambio di opere con i più prestigiosi musei mondiali che la Fondazione Intesa San Paolo ha instaurato, in virtù della rassegna L’Ospite illustre, per il Palazzo Zevallos Stigliano di Napoli, ospitando di volta in volta capolavori universali. Dal 6 maggio al 16 luglio 2017 è infatti la volta de “I Musici” di Caravaggio, in prestito dal Metropolitan Museum of Art di New York, al quale invece, è andato Il Martirio di Sant’Orsola, l’ultimo dipinto del maestro milanese, esposto nella mostra “Caravaggio’s Last Two Paintings”.

Il dipinto di Caravaggio in mostra a Napoli

L’opera in questione, un olio su tela raffigura un giovinetto nudo posto a sinistra che è senza dubbio una rappresentazione dell’amore: non solo ha le ali, ma anche una faretra: è una presenza significante ed è estraneo al gruppo, ma allo stesso tempo è indicativo del clima erotico e giovanile del gruppo espresso attraverso le tematiche musicali dei primi dipinti di Caravaggio cui si richiama anche Il suonatore di liuto dell’Ermitage di Leningrado. È possibile che i due quadri La Musica e Il suonatore si trovassero nella stessa stanza, un camerino da musica che utilizzava il Cardinale dove dovevano trovarsi gli stessi strumenti che dovevano essere gli stessi raffigurati dal pittore, un liuto, un violino ed un cornetto.

I bellissimi giovanetti rimandano ad una poetica giorgionesca e si apprestano a fare musica come era consuetudine durante le feste in casa di alti prelati e dello stesso cardinale Del Monte. Essi rappresentano giovinezza, musica, armonia e amore. L’illiutista dallo sguardo trasognato al centro sembra in atto di accordare lo strumento come rapito da una commossa emozione; il giovanetto in secondo piano, pronto a suonare il cornetto, è ritenuto un autoritratto al pari del Fruttaiolo, mentre non ha trovato molti consensi l’ipotesi che lo sia anche il vicino suonatore di liuto. Sulla destra, un altro giovane è intento a leggere lo spartito che tiene fra le mani.

I Musici di Caravaggio: prezzi, orari e date

Quando:  6 maggio – 16 luglio 2017
Dove:  Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano Via Toledo 185 Napoli
Orari: Da martedì a venerdì dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso alle 17:30)
Sabato e domenica dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso alle 19:30)

Lunedì chiuso

Prezzo biglietto: intero 5€, ridotto 3€, gratuito clienti gruppo Intesa e minori di 18 anni.
Contatti e informazioni: Numero verde: 800.454229

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l’arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d’arte contemporanea.

Check Also

maxi installazioni

Sei maxi installazioni presso il Palazzo delle esposizioni a Roma fino al 7 gennaio 2018

L’installazione rappresenta un moderno Purgatorio in cui afro-musulmani, uomini d’affari asiatici, preti cattolici di colore, skinheads, camerieri e famiglie sono trattati come sculture in movimento, come se lo spazio-tempo stesso fosse plastico. Tra tagliente ironia e visionaria poesia, il collettivo russo AES+F costruisce un universo pop che ribalta la percezione della realtà in un paesaggio virtuale. Allegoria Sacra è un racconto provocatorio del presente e delle sue future derive, riflette i problemi socio-culturali globali come se non fossero ancora manifesti, ma in attesa di compiersi. AES+F costringe lo spettatore a sentire e concepire il presente come qualcosa che deve accadere prima del tempo.