Breaking News
Home / Altri mondi / Wonder Woman: La supereroina DC che conquisterà le sale italiane dal 1 giugno
wonder woman

Wonder Woman: La supereroina DC che conquisterà le sale italiane dal 1 giugno

Diana Prince in arte Wonder Woman è un personaggio mutuato dall’universo della DC Comics, celebre casa editrice americana di fumetti. L’eroina nata dall’idea di William Marston nel 1941 è stata chiamata fin da subito a compiere una missione non di poco conto: rappresentare un modello a cui ispirarsi come già avevano fatto precedentemente Superman e Batman. La sfida lanciata da Marston viene vinta con successo; non solo questa riesce a raggiungere pari livello di fama con gli eroi sopracitati, ma finisce per costituire un vero e proprio simbolo della forza delle donne.

La Storia di Diana e la sua trasformazione in Wonder Woman

La protagonista è Diana, principessa delle amazzoni e figlia “divina” di Hippolyta. Nata infatti dal desiderio di maternità espresso dalla regina alla dea Afrodite che decise di realizzarlo. Hippolyta però capì ben presto che sua figlia era destinata a grandi imprese. Venuta dunque a conoscenza del suo “dono” e spaventata dall’eventuale minaccia futura, decide di proteggerla privandola di ogni contatto con il mondo esterno. Tutto cambia quando sulle coste dell’isola incontra il pilota americano Steve Trevor, precipitato lì in seguito ad un incidente aereo. L’amicizia con Steve la porta a scontarsi con un mondo nuovo, a lei sconosciuto, minacciato da un enorme conflitto mondiale. Diana decide quindi di abbracciare il suo destino di supereroina, veste i panni di Wonder Woman e si schiera in prima linea ad aiutare.

I due volti di Wonder Woman: passato e presente

La prima a impersonare la supereroina fu Lynda Carter, icona femminile degli anni ‘80 divenuta famosa in seguito a numerose comparse in serie televisive come “Partners in Crime (1984)”, “Law & Order (2005)”, “Hawkeye (1994-1995)” e numerose altre. Ma fu proprio la serie sull’omonima eroina, prodotta da Douglas S. Cramer e andata in onda negli Stati uniti dal 1975-1979 per la durata di tre intere stagioni, che le procurò fama internazionale. Affianca la bellissima e talentuosa Lynda, Lyle Waggoner il suo Steve Trevor, che fu scritturato per caso, infatti l’attore aveva fatto il provino per Batman ma non era stato scelto.

A rappresentare Diana Prince nel nuovo film diretto da Patty Jenkins, sarà Gal Gadot nota per il suo ruolo nella saga “Fast and Furious” dove interpretava Gisele Harabo una ex agente del Mossad. Il suo esordio nell’universo DC si realizza proprio con la presentazione del personaggio di Wonder Woman nel film Batman vs Superman: Dawn of Justice (2016 – diretto da Zack Snyder). Accanto ai due protagonisti interpretati rispettivamente da Ben Affleck e Henry Cavill, la Gadot brilla di luce propria e il suo personaggio con lei non teme rivali.

Nella nuova pellicola l’attrice avrà come co-protagonista Chris Pine, famoso per le sue numerose e differenti vesti: da quella del principe Nicholas Deveraux in “Principe azzurro cercasi (The Princess Diaries 2: Royal Engagement, 2004)” a quella del capitano James T. Kirk in “Star Trek Beyond” (2016). Nei panni della regina Ippolita invece, troviamo Connie Nielsen che interpretò la principessa Lucilla de Il gladiatore accanto a volti noti come quelli di Russell Crowe e Joaquin Phoenix.

Cosa dunque aspettarsi dalla Jenkins? Precedentemente regista del film Monster (2003) la storia vera dell’assassina Aileen Wuornos ricercata per l’omicidio di diversi uomini e infine giustiziata, interpretata da Charlize Theron, e fautrice di altre prove come la serie tv poliziesca The Killing (2011) ancora una volta al femminile: una giovane ragazza uccisa e le indagini alla ricerca dell’assassino. Questa volta la regista si è cimentata nella rappresentazione di una supereroina in carne ed ossa che, si spera, vinca non solo il conflitto mondiale, ma anche il plauso del pubblico nel vedere un personaggio diverso dagli altri supereroi.

 

 

 

vai al sito macrolibrarsi

About Elisabetta Rossi

Mi chiamo Elisabetta Rossi. Sono Laureata in Lettere Moderne presso L'università di Napoli Federico II. Sin dai tempi del liceo sono sempre stata affascinata dalle materie letterarie da qui deriva la scelta del mio corso di studi all'università. Il mio sogno è di poter trasmettere la mia passione per le lettere ai giovani.

Check Also

secessione catalana

La secessione catalana: un’analisi economica e finanziaria

La vicenda della secessione catalana, se osserviamo gli eventi degli ultimi anni, fa parte sicuramente di un processo di accelerazione di conflitti territoriali e politici che è un effetto diretto del crack globale del 2008.  Il referendum scozzese, la Brexit, la stessa primavera araba si possono riassumere in questo tratto unitario di spiegazione. Poi ogni vicenda ha il proprio retroterra storico ma, fatto sta, che quando la grande finanza esplode la geopolitica ne risente.