Breaking News
Home / Altri mondi / In morte di Anna Marchesini, numero 1 della comicità italiana
Anna Marchesini
Anna Marchesini

In morte di Anna Marchesini, numero 1 della comicità italiana

Il 31 Luglio scorso, all’età di 62 anni, nella sua Orvieto si è spenta l’attrice comica, doppiatrice, imitatrice, autrice e scrittrice Anna Marchesini. Da anni infatti l’attrice, considerata da molti la sola degna erede di Franca Valeri, lottava contro una caparbia artrite reumatoide che l’aveva costretta a ritirarsi dalle scene. Si può dire che Anna Marchesini abbia vissuto due vite: una sul palcoscenico e un’altra dietro le quinte. Nata ad Orvieto, la Marchesini, dopo aver frequentato il liceo classico, si laurea a Roma in Psicologia. Successivamente entra nell’<<Accademia di Arte drammatica Silvio d’Amico>>, dopo essere stata rifiutata per due volte e dove si diploma come attrice di prosa e nello stesso anno, entrando a far parte della compagnia teatrale al piccolo di Milano. Grazie a fortuiti incontri, nasce l’amicizia con Tullio Solenghi e Massimo Lopez e il loro successivo sodalizio ne “Il Trio”, dove la Marchesini è stata non solo comica di razza ma anche fonte di idee per i divertenti sketch con Solenghi e Lopez. Un’escalation di successi li travolge conducendoli a calcare palcoscenici importanti come quello di <<Domenica in>>, <<Fantastico 7>> e il <<Festival di Sanremo>>. La loro comicità raggiunge l’apice del successo nel 1990 con i Promessi Sposi, sceneggiato televisivo in chiave parodica dell’omonimo romanzo manzoniano. Nel 1995 il Trio si scioglie e i tre amici proseguiranno  la loro carriera autonomamente.

In questi anni, Anna Marchesini comincia ufficialmente la sua brillante carriera da solista militando tra tv  e teatro. La sua comicità arguta, travolgente ma mai irriverente e soprattutto volgare, ha divertito milioni di persone, portando alla ribalta personaggi indimenticabile come la signorina Carlo, con la sua celebre frase: “siccome che so cecata”, la conturbante sessuologa, la Lollobrigida, calzandone i panni come un’esperta modella. La carriera della Marchesini è proceduta a gonfie vele fino a che un vento avverso ha cominciato a rallentare la sua “navigata”: un attacco di artrite reumatoide l’ha costretta ad assentarsi dalla scene.

Da quel momento in poi è cominciata la sua seconda vita, dietro le quinte. Anna Marchesini si è dimostrata un grande esempio di forza di volontà, con estremo coraggio non si è lasciata abbattere dal quel vento. Nel 2007 diventa insegnante dell’Accademia di Arte drammatica e nel 2008 in occasione dei 25 anni di attività de Il Trio ritorna in tv con i due amici. Sé è pur vero che il decorso sprezzante dell’artrite  abbia invalidato la qualità della sua vita, è altrettanto vero il fatto che non abbia scalfito minimamente la sua anima e il suo spirito. Anna non si è mostrata invincibile, per timore di distruggere un mito, o per paura che evaporasse quell’aura di successo che aleggiava intorno alla sua persona. Nonostante quel sassolino nella scarpa fosse così doloroso, ha continuato a camminare senza paura di soccombere. Ha mantenuto rapporti sociali, si è mostrata in pubblico sorridente in più di un occasione in particolare nel salotto di Fabio Fazio, dove ha mostrato di essere una vera guerriera, sprezzante del pericolo. Lei stessa soleva affermava che “la vita è piena di complicazioni, perciò bisognava amarla con tutte le nostre forze”, provando per la vita un amore smisurato, nonostante tutto. Proprio per questo, la Marchesini più che come donna di spettacolo, va ricordata come esempio di vita per tutti, come una meravigliosa regista che alla fine del suo film ha lasciato un messaggio importante :“Se un vento avverso soffia nella tua direzione, non arrenderti, afferra il timone  lascia che  il vento ti sospinga verso nuove mete, trasformando ciò che poteva sembrava avverso, in un’occasione favorevole”.

Ed è proprio quello che ha fatto quando non ha più potuto calcare il tanto amato palcoscenico: come una famelica osservatrice ha continuato a  “guardare all’interno delle pieghe delle cose” come lei stessa aveva dichiarato in alcune interviste, sperimentando nuovi orizzonti come quelli della scrittura. Ha pubblicato infatti due romanzi, Il terrazzino dei gerani timidi , Di mercoledì, un libro di racconti intitolato Moscerine e infine una raccolta di poesie Fiori di Fitolacca, in cui Anna si definisce “il tramonto di un giorno speciale”. E adesso che il sipario è ormai calato definitivamente, possiamo affermare con certezza che Anna è quel tramonto che non tramonterà mai e che l’ironia sulle nostre paranoie e manie della più grande comica italiana, continueranno ad accompagnarci.

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono laureanda in Lettere presso l'Università Federico II di Napoli. Amo la Letteratura, la Scienza forense,la Poesia,la Musica,il Teatro. I miei sogni nel cassetto: diventare una giornalista e pubblicare una mia raccolta di poesie.

Check Also

Demme

In morte di Jonathan Demme, eclettico regista degli indimenticabili “Il silenzio degli innocenti” e “Philadelphia”

Il segreto della versatilità di un cineasta come Jonathan Demme, morto lo scorso 26 aprile a New York a causa di un tumore all’esofago di cui era affetto da tempo, sta nell’impronta decisiva della sua formazione professionale. Nato a Rockville Centre nello stato di New York il 22 febbraio 1944 e trasferitosi a Long Island in Florida con la famiglia all’età di quindici anni, sostituisce subito, infatti, allo scarso interesse per l’università la passione per il cinema e per la critica cinematografica in particolare e dopo avere terminato il servizio militare riesce ad entrare nello staff del celebre produttore Joseph E. Levine in qualità di agente pubblicitario. Facendo la spola tra New York e Londra per procacciare investimenti alla United Artists ha la fortuna d’essere presentato alla fine degli anni Sessanta al connazionale Roger Corman, creatore e gestore della mitica Factory, la più prolifica macchina da cinema indipendente mai esistita che ha allevato una nutrita serie di maestri da Coppola a Scorsese e prodotto centinaia di film commerciali, un tempo liquidati con l’etichetta della serie B o dell’”exploitation” e oggi rivalutati nel segno del gusto dell’invenzione linguistica e dell’efficacia della serialità a basso costo. Proprio il vulcanico e geniale Corman, dopo averlo utilizzato in varie mansioni, gli offrirà così la possibilità di scrivere e dirigere “Femmine in gabbia”, il film ribellistico dai risvolti voyeuristici che nel 1974 segna il suo esordio.