Breaking News
Home / Autori di successo / Il peso della farfalla, di Erri De Luca
il peso della farfalla

Il peso della farfalla, di Erri De Luca

Al primo e superficiale sguardo che cade sul piccolo Il peso della farfalla (2009), di Erri De Luca, ciò che automaticamente accade, ad un livello più o meno conscio della mente, sarà l’applicazione di svariate etichette quali “libretto”, “storia leggera”, “libricino”, “sotto all’ombrellone”, “davanti al camino”. In qualche modo, l’apparenza indurrà il cervello impreparato a sottovalutare l’opera che si trova davanti. Si verrà indotti a crederlo una specie di opera minore dello scrittore partenopeo Erri de Luca, un elaborato prodotto nei ritagli di tempo tra un articolo e l’altro, tra la pubblicazione di maestose traduzioni bibliche e l’ispirazione che conduce a storici e indimenticabili romanzi. Un errore di valutazione banale, di cui il lettore anche meno esperto o attento si accorgerà in meno di due pagine.

Il peso della farfalla è la storia di un’ascesa e di un declino, l’intrecciarsi unico e irrecuperabile di due vite opposte ma speculari e simili, la storia di due anime libere. Protagonisti un capriolo orfano e maestoso e il cacciatore che lo rese tale; filo conduttore della storia è la lotta della vita, lo scontro finale tra uomo e animale, dopo una vita di battaglie e di rincorse, colme di antico rispetto e basate sull’amore per la vita solitaria e montana.

Due esseri appartenenti a specie diverse, ma accomunate da uno spirito che rifugge la compagnia, e che spinge a preferire l’isolamento freddo dell’inverno, per nascondere i propri segreti di potenza. Il peso della farfalla è un racconto di vite parallele, purtroppo destinate ad uno scontro che distrugge, anziché creare. Una storia che fa riflettere, in un periodo storico in cui cresce sempre più la consapevolezza dell’importanza dell’ambiente ma, con essa, aumenta esponenzialmente anche il distruttivo menefreghismo e la noncuranza dei governi, e delle grandi istituzioni internazionali, che ancora non si spingono a muoversi con gesti decisi e coraggiosi, con atti che possano salvaguardarlo mettendo la parola “fine” a questo capitolo autolesionista della storia umana.

Il piccolo libro è anche uno spunto di riflessione forte anche per l’aspetto del rispetto nei confronti del nemico, dell’avversario. Un rispetto raro, con pochi predecessori. L’esempio più alto e celebre si trova forse in Achille, che concede al vecchio re Priamo, inginocchiato e umanamente sconfitto nella tenda del semidio, di riportare a casa il corpo del figlio da lui assassinato, anziché tenerlo come trofeo di gloria. Un rispetto agli antipodi dell’odio cieco e famoso del capitano Achab che conduce i suoi uomini e la sua nave verso la morte, pur di inseguire un’insensata vendetta contro un animale, la balena, Moby Dick.

Il peso della farfalla è un’opera che non va sottovalutata, questa è la conclusione finale del lettore, che arriverà al punto finale della storia con una velocità disarmante, guidato da una prosa peculiare ed incalzante, che sembra un susseguirsi logico di aforismi, affatto banali, sulla natura, sull’essenza della vita, sul rispetto. Non ci sono capitoli, ma brevi e spezzati paragrafi, in cui si confondono quasi i soggetti, le due anime simili; paragrafi che trascinano il lettore nella vita intrecciata della preda e del cacciatore, fino all’ultimo canto del cigno, fino all’ultimo battito d’ali della farfalla bianca, senza sbilanciarsi in posizioni estremiste, bensì con grande equilibrio ed incanto, con richiami semplici e poetici e per questo meravigliosi e forti alla quotidianità della vita umana.

Consigliato soprattutto a chi ama montagna e conosce le sue leggi e la spietatezza. Un piccolo sussidiario di vita che ci ricorda come uomini e animali siano entrambi il risvolto della stessa medaglia, sebbene De Luca lasci sottointendere (cadendo purtroppo nella frequente retorica antropocentrica di chi pretende di applicare le categorie del bene e del male in natura ) che l’animale è sempre migliore dell’uomo. La natura è profondamente amorale.

About Silvia Ziliotti

Check Also

Erasmus

‘Generazione Erasmus’, l’utile compendio filosofico sulla società del libero mercato di Paolo Borgognone

Il volume a firma di Paolo Borgognone, pubblicato lo scorso anno per i tipi di OAKS, dal titolo Generazione Erasmus, è un vero compendio filosofico attinente la società di “libero mercato” e i suoi avidi fiancheggiatori. Ponendo al centro della trattazione l’esperienza dei giovani universitari che si recano all’estero per un periodo di studio, delinea con ricchezza di particolari quei processi che hanno condotto inesorabilmente alla costruzione della moderna società “liquida”: il totalitarismo nichilista del consumo; il giovanilismo come apologia della mobilità illimitata e accettazione passiva del precariato; il nuovo conflitto di classe post-moderno fra vincitori e vinti della globalizzazione; il genderismo come rinuncia alla propria identità anche nella sfera sessuale; il Sessantotto come controrivoluzione ultra-capitalista. Nella seconda parte, non mancano acute analisi geopolitiche. Stando ai contenuti strettamente filosofici, osserviamo che il risorgere dell’interesse per il pensiero di Hegel e Marx nell’ultimo decennio ha un’importanza rilevante in relazione ai problemi sorti con l’evoluzione del capitalismo dopo il 1989 e dell’economia post-moderna; in effetti, siamo di fronte ad un’opera pregevole, concepita da un giovane studioso, che si inserisce in un più ampio circuito di ripensamento del ruolo della politica e dello Stato nei confronti dell’economia, della comunità di fronte all’individualismo, delle radici tradizionali contro il mondialismo dell’omologazione planetaria.