Breaking News
Home / Autori emergenti / “Dal verde chiaro al verde scuro”: l’Irlanda del cuore di Francesco Memoli
Dal verde chiaro al verde scuro

“Dal verde chiaro al verde scuro”: l’Irlanda del cuore di Francesco Memoli

Dal verde chiaro al verde scuro, con sottotitolo (o meglio avvertimento), Le conseguenze dell’Irlanda dello scrittore Francesco Memoli non è una semplice cronaca di un viaggio tra amici, un diario di viaggio, o meglio, non ha la pretesa di essere altro, ma riesce ad esserlo ugualmente. Un viaggio in auto e zaino in spalla alla scoperta dell’Irlanda, tra pub e panorami mozzafiato, musica e baci rubati, chiacchiere con gli sconosciuti e amori fugaci riscoprono il piacere dello stare insieme. Un libro dedicato soprattutto a tutti quelli che amano viaggiare, anche solo con la mente.

La narrazione del viaggio in Irlanda di quattro amici, Daniele, Marco, Antonello e Alberto, parte in realtà da lontano: nel loro caso inizia molti mesi prima della partenza effettiva, inizia nei sogni e nei progetti di Daniele che spinge per intraprendere questa avventura. In effetti quella che ha in mente è proprio una avventura: tre giorni a Dublino, fittare un’auto e poi via in giro per l’Irlanda.

Tra scetticismi, timori, pian piano tutti i partecipanti si convincono dell’idea, si convicono soprattutto sul bisogno impellente di concedersi un periodo di libertà assoluta dopo un anno pesante. Ognuno dei quattro ha buoni motivi per volersi lasciare alle spalle, almeno per un po’, incomprensioni, fallimenti, disillusioni: viaggiare e conoscere aiuta lo spirito, e di questo se ne renderanno conto.

Tra viaggi in auto, posti magnifici, Daniele scopre la vera complicità, la fiducia che si cementa pian piano in quel gruppo di amici: ma per tutti arriverà presto una dura prova da affrontare. Già in aereoporto notano due ragazze. Arrivati in Irlanda, le incontrano di nuovo e, in un impeto di sfrontatezza, decidono di avvicinarle: si scopriranno essere di Bari e fanno quasi il loro stesso giro per l’Irlanda. Destino? Forse. Da quel momento inizia un rincorrersi per le città irlandesi, tra gli arrivederci e i bentrovati. Il rincorrersi però non è solo “ambientale”, ma anche emotivo: Daniele e Alberto saranno impegnati con loro stessi per capire davvero quanto queste due ragazze hanno fatto breccia e cosa può significare per loro. Tra disillusioni, speranze, momenti di esaltazione, la storia nella storia cresce sempre di più. Le descrizioni delle emozioni sono nitide e precise (Memoli si dimostra inoltre, un abile descrittore di paesaggi, peccando però troppo spesso di volgarità), anche quando la confusione nella mente di Daniele sfoca le immagini e turba le certezze dell’innamoramento, dell’essere ricambiato, dell’aver compreso o meno l’essenza di Cristina, la ragazza che lo ha stregato pian piano.

Storia nella storia perché da un lato c’è il viaggio, senza mete precise (tematica largamente battuta) quasi da nomadi, dei quattro amici, e dall’altro perché è anche un altro viaggio, tumultuoso al pari, nell’ intimità dei due ragazzi, soprattutto di Daniele. E le due storie si somigliano: senza mete precise, senza obiettivi prefissati, lasciarsi portare dal sentimento e dall’istinto. Tutto ciò dominerà sia il viaggio “interiore” che quello attraverso la verde Irlanda, in un incrociarsi e perdersi di luoghi e di destini.

Alla fine del viaggio l’Irlanda rimarrà nel cuore dei protagonisti, come ci rimarranno le due ragazze di Bari: forse proprio perché i luoghi e le persone, in fondo, si somigliano.


About Mario De Angelis

Check Also

Cristalli

‘Tre di uno’, la raccolta poetica di ricerca e ragionamento di Beatrice Cristalli

E' una raccolta poetica dagli echi luziani e ungarettiani quella della giovane autrice piacentina Beatrice Cristalli per la quale la parola è fatto, realtà ed ha un peso. Le poesie di Beatrice Cristalli ci consegnano un'autrice che trova prima ancora di cercare, riflettendo sul significato della parola nella nostra magmatica contemporaneità. Come nota giustamente Giovanna Rosadini nella prefazione dellopera, da un lato si ha, quindi, la scissione postmoderna fra la parola-realtà e un soggetto sempre più disancorato da evenienze oggettuali (ovvero i contesti che tradizionalmente lo definivano: modelli, relazioni, ruoli ecc., ormai “liquefatti”, per dirla con le parole del grande sociologo Zygmunt Bauman, e in continua trasformazione); dall’altro quel «voler essere / a tutti i costi» a cui «non c’è tuttavia rimedio», anche se «non è poi / così male essere e basta – le parole non frugano più». Se l’esistenza è sotto il segno della precarietà, infinite sono le possibili declinazioni, e rifrazioni, del soggetto: «Guarda che sei libero, verrà un ladro / E vorrà rubarti perché non potrà mai capire. O anche: «Non potevo essere altro se non / Questo / Il giusto riconoscersi del dito che / Punta lo specchio». Anche se, forse, questa condizione esistenziale, che l’autrice referta con una lingua sobria, asciutta e priva di orpelli retorici, ha origini remote: «Tutto sta in un’antica ferita / Che parla di una storia mai esistita / come di te che sei solo un uomo / Anche se le iniziali sono di Dio»: una ormai impossibile metafisica, in quella che non a caso Lipovetsky ha battezzato “ère du vide”, dove la ricerca della verità è sempre in bilico sul suo rovescio, il concetto di vuoto. «Sulla linea 90 / Ci sono solo due fatti / e il compimento non ci sarà»; «Ma io me ne vado / A cercare / o morirò negli assiomi»; «Non è vero niente».