Breaking News
Home / Autori emergenti / Domani niente scuola, di Andrea Bajani
Andrea Bajani

Domani niente scuola, di Andrea Bajani

index

Domani niente scuola (2008) dello scrittore e giornalista romano, classe 1975, Andrea Bajani rappresenta un tentativo di decostruzione attraverso la testimonianza dello scrittore, l’immagine che sociologi e psicologi costruiscono degli adolescenti di oggi, un’immagine intrisa di violenza, di bullismo e di vandalismo, denunciata con toni allarmistici.

Liceo. Liceo è una di quelle parole con la peculiare capacità di saper evocare le più disparate emozioni, diverse da persona a persona. Ci sono persone che lo ricordano con la gioia dei primi amori, con la leggerezza dei pomeriggi passati con gli amici, chi con la spavalderia adolescenziale. Ci sono persone che lo ricordano con la sempre più forte sensazione di dover decidere come progettare la propria vita, chi con la pressione di dimostrare qualcosa a genitori, amici, al mondo. E poi, ci sono persone che, un po’ come Peter Pan, una volta cresciute, semplicemente dimenticano.

Andrea Bajani (Ogni promessa, Cordiali saluti, Mi spezzo ma non m’impiego) è una di quelle persone che non vuole dimenticare. Non vuole guardare i ragazzi dall’alto in basso con sguardi ricchi di rimproveri, senza riuscire a spiegarsi i loro comportamenti e i loro fluttuanti umori.  Andrea Bajani vuole tornare a capire come vivono, sentono, urlano gli adolescenti, per poter spiegare al mondo adulto il terreno ricco che ha riscoperto.

Per questo motivo lo scrittore e giornalista romano ha deciso di tentare un’avventura forse bizzarra, forse geniale: rivivere una delle esperienze più attese dagli studenti, la gita scolastica. Per ben tre volte, con classi di tre diverse scuole di tre diverse città, Bajani si è messo letteralmente lo zaino in spalla per condividere con ragazzi e professori qualche giornata di musei e passeggiate all’estero.

“In un mese ho fatto quello che ogni adolescente di questa terra pagherebbe per fare, e che ogni adulto non farebbe nemmeno con una pistola puntata alla tempia. Per tre volte mi sono trovato prigioniero volontario di tre scolaresche in gita, tre plotoni di ragazzi che da un anno aspettavano solo quel momento.”

Queste le parole con cui lo scrittore descrive la sua esperienza ma, attraverso le pagine, al lettore arriva forte la sensazione che non siano solo i ragazzi ad essersi divertiti e non solo lo scrittore ad aver imparato qualcosa.

Domani niente scuola è il risultato dell’ avventura di Bajani, una sorta di diario, un taccuino usato per raccogliere momenti, sensazioni e reazioni. La porta per accedere non alla vita di un gruppo di adolescenti con il mito della vita facile, delle marche, degli stereotipati “velina e calciatore”, bensì un percorso fatto con persone che hanno deciso di abbassare i muri della diffidenza ed accogliere tra loro un ex studente, rendendolo in modo complice uno di loro.

A Bajani va riconosciuto sicuramente il coraggio di presentarsi davanti a centinaia di giovani volti sconosciuti e diffidenti per dire: “Ragazzi, verrò in gita con voi”, ricevendo chissà quante occhiate incredule e musi lunghi, ma ancor più la voglia di affrontare le risate stupite del mondo adulto da cui proviene, insomma: una doppia chiusura che il giornalista è riuscito ad affrontare e annullare, dando vita ad un libro interessante e leggero, scorrevole e capace di passare dai toni più scherzosi a quelli maggiormente riflessivi e profondi, seguendo la vita degli studenti.

È una fissazione degli adulti, esattamente come è una fissazione degli adulti quella di smettere di cantare a voce alta, o di smettere di correre. O come quella di smettere di fidarsi”.

 

 

About Silvia Ziliotti

Check Also

Cristalli

‘Tre di uno’, la raccolta poetica di ricerca e ragionamento di Beatrice Cristalli

E' una raccolta poetica dagli echi luziani e ungarettiani quella della giovane autrice piacentina Beatrice Cristalli per la quale la parola è fatto, realtà ed ha un peso. Le poesie di Beatrice Cristalli ci consegnano un'autrice che trova prima ancora di cercare, riflettendo sul significato della parola nella nostra magmatica contemporaneità. Come nota giustamente Giovanna Rosadini nella prefazione dellopera, da un lato si ha, quindi, la scissione postmoderna fra la parola-realtà e un soggetto sempre più disancorato da evenienze oggettuali (ovvero i contesti che tradizionalmente lo definivano: modelli, relazioni, ruoli ecc., ormai “liquefatti”, per dirla con le parole del grande sociologo Zygmunt Bauman, e in continua trasformazione); dall’altro quel «voler essere / a tutti i costi» a cui «non c’è tuttavia rimedio», anche se «non è poi / così male essere e basta – le parole non frugano più». Se l’esistenza è sotto il segno della precarietà, infinite sono le possibili declinazioni, e rifrazioni, del soggetto: «Guarda che sei libero, verrà un ladro / E vorrà rubarti perché non potrà mai capire. O anche: «Non potevo essere altro se non / Questo / Il giusto riconoscersi del dito che / Punta lo specchio». Anche se, forse, questa condizione esistenziale, che l’autrice referta con una lingua sobria, asciutta e priva di orpelli retorici, ha origini remote: «Tutto sta in un’antica ferita / Che parla di una storia mai esistita / come di te che sei solo un uomo / Anche se le iniziali sono di Dio»: una ormai impossibile metafisica, in quella che non a caso Lipovetsky ha battezzato “ère du vide”, dove la ricerca della verità è sempre in bilico sul suo rovescio, il concetto di vuoto. «Sulla linea 90 / Ci sono solo due fatti / e il compimento non ci sarà»; «Ma io me ne vado / A cercare / o morirò negli assiomi»; «Non è vero niente».