Breaking News
Home / Autori emergenti / Due fari nella notte, di Cristina Vicino
Due fari nella notte romanzo

Due fari nella notte, di Cristina Vicino

Due fari nella notte è il romanzo d’esordio, un thriller dai contorni sentimentali e passionali, di Cristina Vicino, 40 anni, sposata, madre di due figli, infermiera professionale che vive ad Alba.

Marta e Nicolas sono i due protagonisti al centro delle vicende del romanzo Due fari nella notte, romanzo pervaso da un profondo desiderio di raccontare la forza della morte, sentimento che ha ispirato la scrittrice piemontese.

Attorno alle loro vite ingarbugliate e complicate ruotano quelle di altre persone, a loro modo protagoniste di un oscuro destino che sembra non risparmiare nessuno. Una grande ruota che gira, di azioni e conseguenze che somiglia a quella di tutti noi, quando lascia,o vincere a volte l’istinto, altre la ragione. A fare da sfondo la città di Nizza con i suoi colori, allo stesso tempo accogliente ed ostile. Ma cosa accade a Marta e Nicolas? In quale occasione s’innamorano e cosa li tiene uniti, nonostante tutto? Cosa farà precipitare il loro amore?

Due fari nella notte: trama e stile del romanzo

Nicolas Andolfi, uomo bellissimo e statuario, s’insinua all’improvviso nella vita caotica di Marta, già fidanzata con Alexander, un imprenditore che, un tempo, aveva saputo come conquistarla. Sin da subito il loro è un amore che sembrerebbe non realizzabile, ostacolato da un legame, anche se debole. L’amore nei confronti del suo Alex, si è ormai deteriorato. Un vincolo che le causerà non pochi problemi. E così anche Nicolas, ”nelle grinfie” di Lisa che ormai non ama più e che lo ricatta con i suoi tentativi di suicidio. Indagati entrambi per la morte di Lisa, assieme ad altri presunti colpevoli, vedranno continuamente minacciata la loro esistenza. Lo stile adottato da Cristina Vicino è molto scorrevole, chiaro, che sicuramente coinvolgerà soprattutto le donne. La narrazione è ricca di colpi di scena, avvenimenti, che raggiunge l’acme durante il drammatico dibattimento processuale finale. Tuttavia il linguaggio, a tratti, risulta essere troppo circoscritto alla soap opera, troppo semplicistico soprattutto per quanto riguarda il racconto della storia d’amore tra Nicolas e Marta:

<<No mamma, amo perdutamente un uomo che conosco a malapena e temo che tutta questa storia delle minacce sia legata proprio a lui. Nik è molto bello e pieno di doti, è la persona giusta che ogni donna vorrebbe al suo fianco. Penso di aver provocato la gelosia di qualche sua spasimante che, misteriosamente, è venuta a conoscenza della mia identità ed ha cominciato a perseguitarmi>>.

C’è poi Francine, altra carismatica figura che ad un certo punto smette di essere amica di Marta. Ci sono Alfred, Amelie e Michelle. Le vite di ognuno dei protagonisti di Due fari nella notte che, man mano compariranno nelle pagine, sono legate tra un loro dal sottile filo delle coincidenze. Conquiste, tradimenti, inganni e le tante verità taciute sono gli ingredienti di questo giallo che riserva non pochi colpi di scena e che mantiene viva l’attenzione del lettore, come se fosse partecipe del più grave delitto.

Il romanzo è aperto da un prologo che stimola ogni curiosità ed è diviso in capitoli come se una lente di ingrandimento focalizzasse le personalità che danno vita al romanzo, senza appesantirlo.

About Anna Vitiello

Sono laureata in Lettere e Filosofia. Ho sempre scritto per diverse testate. Alcune mie poesie sono state pubblicate nell'antologia ''Di tanta rabbia''. Attualmente scrivo per il Wall Street International Magazine, dove mi occupo delle sezioni ''cultura'' e ''viaggi''. Vivrei viaggiando, con il cuore sempre ad Est e i miei quaderni.

Check Also

Cristalli

‘Tre di uno’, la raccolta poetica di ricerca e ragionamento di Beatrice Cristalli

E' una raccolta poetica dagli echi luziani e ungarettiani quella della giovane autrice piacentina Beatrice Cristalli per la quale la parola è fatto, realtà ed ha un peso. Le poesie di Beatrice Cristalli ci consegnano un'autrice che trova prima ancora di cercare, riflettendo sul significato della parola nella nostra magmatica contemporaneità. Come nota giustamente Giovanna Rosadini nella prefazione dellopera, da un lato si ha, quindi, la scissione postmoderna fra la parola-realtà e un soggetto sempre più disancorato da evenienze oggettuali (ovvero i contesti che tradizionalmente lo definivano: modelli, relazioni, ruoli ecc., ormai “liquefatti”, per dirla con le parole del grande sociologo Zygmunt Bauman, e in continua trasformazione); dall’altro quel «voler essere / a tutti i costi» a cui «non c’è tuttavia rimedio», anche se «non è poi / così male essere e basta – le parole non frugano più». Se l’esistenza è sotto il segno della precarietà, infinite sono le possibili declinazioni, e rifrazioni, del soggetto: «Guarda che sei libero, verrà un ladro / E vorrà rubarti perché non potrà mai capire. O anche: «Non potevo essere altro se non / Questo / Il giusto riconoscersi del dito che / Punta lo specchio». Anche se, forse, questa condizione esistenziale, che l’autrice referta con una lingua sobria, asciutta e priva di orpelli retorici, ha origini remote: «Tutto sta in un’antica ferita / Che parla di una storia mai esistita / come di te che sei solo un uomo / Anche se le iniziali sono di Dio»: una ormai impossibile metafisica, in quella che non a caso Lipovetsky ha battezzato “ère du vide”, dove la ricerca della verità è sempre in bilico sul suo rovescio, il concetto di vuoto. «Sulla linea 90 / Ci sono solo due fatti / e il compimento non ci sarà»; «Ma io me ne vado / A cercare / o morirò negli assiomi»; «Non è vero niente».