Breaking News
Home / Autori emergenti / I Due Regni, La Città Intera, di Alessia Palumbo

I Due Regni, La Città Intera, di Alessia Palumbo

Nella regione del Delos con capitale Voros, in uno spazio temporale che è quello del Medioevo, si muove quella che potremmo chiamare ”l’eroina” Farwel, protagonista del romanzo fantasy I Due Regni-La città intera (primo volume della saga), opera della giovane scrittrice Alessia Palumbo, classe 1994.

Studentessa al terzo anno di Lettere Moderne, esordisce con questo primo romanzo con la casa editrice Ekt-Edi-Kit.
I Due Regni è ambientato nella Città Intera, regno popolato da personaggi magici ma umani e teatro di costanti conflitti. Da una parte ci sono i buoni, dall’altra i cattivi ma spesso i ruoli sembrano rovesciarsi e stupirci in un romanzo che nulla ha a che vedere con la ”canonica tradizione’, come la stessa scrittrice tiene a precisare nella sua introduzione.
I maghi descritti sono, in realtà, persone emarginate che non somigliano per niente agli elfi o ai mostri a cui ci ha abituati il genere fantasy; persone che faticano a scrollarsi di dosso anni ed anni di pregiudizi.
In un gioco di richiami e corrispondenze, da sola contro un mondo sempre più ostile, Farwel , che non sempre riesce a dare risposte alle sue domande, tenterà in tutti i modi di distruggere questa città che ha come unico scopo la distruzione dei maghi, quasi sempre considerati inferiori e non paragonabili ai veri guerrieri, e di chiunque abbia sangue magico:
“In un regno devastato dai conflitti fra maghi e guerrieri, la Città Intera è sorta, baluardo nella lotta contro chiunque possieda sangue magico.
In questo scenario si muove Farwel, decisa a riportare pace ed equilibro in un luogo dove imperversa solo timore e morte.
In un fantasy certamente non canonico, si muove la sfera umana dell’interiorità e di ogni sua sfumatura, non trovando il malvagio o il corrotto in un mostro da debellare o in una antica maledizione che pende sul capo indistinto della razza umana, ma dentro quegli stessi personaggi che creano e distruggono.
Parallelamente alla vicenda, altri filoni narrativi si intrecciano, mostrando eventi del passato privi del dolore della Città Intera, ma carichi già di un nefasto presagio”.
Le voci narranti sono quattro e parlano tutte in prima persona, anche questo ci aiuta ad addentrarci con più entusiasmo nei due regni. Con il suo stile semplice e scorrevole, Alessia Palumbo, è come se ci aprisse la porta di quel mondo così accuratamente raccontato,  quel mondo nato, come sostiene, da un sogno ispiratore fatto nel Marzo 2011, mondo senza ombra di dubbio affascinante e stimolante per una lettura niente affatto noiosa, sebbene il genere sia molto battuto.

About Anna Vitiello

Sono laureata in Lettere e Filosofia. Ho sempre scritto per diverse testate. Alcune mie poesie sono state pubblicate nell'antologia ''Di tanta rabbia''. Attualmente scrivo per il Wall Street International Magazine, dove mi occupo delle sezioni ''cultura'' e ''viaggi''. Vivrei viaggiando, con il cuore sempre ad Est e i miei quaderni.

Check Also

Cristalli

‘Tre di uno’, la raccolta poetica di ricerca e ragionamento di Beatrice Cristalli

E' una raccolta poetica dagli echi luziani e ungarettiani quella della giovane autrice piacentina Beatrice Cristalli per la quale la parola è fatto, realtà ed ha un peso. Le poesie di Beatrice Cristalli ci consegnano un'autrice che trova prima ancora di cercare, riflettendo sul significato della parola nella nostra magmatica contemporaneità. Come nota giustamente Giovanna Rosadini nella prefazione dellopera, da un lato si ha, quindi, la scissione postmoderna fra la parola-realtà e un soggetto sempre più disancorato da evenienze oggettuali (ovvero i contesti che tradizionalmente lo definivano: modelli, relazioni, ruoli ecc., ormai “liquefatti”, per dirla con le parole del grande sociologo Zygmunt Bauman, e in continua trasformazione); dall’altro quel «voler essere / a tutti i costi» a cui «non c’è tuttavia rimedio», anche se «non è poi / così male essere e basta – le parole non frugano più». Se l’esistenza è sotto il segno della precarietà, infinite sono le possibili declinazioni, e rifrazioni, del soggetto: «Guarda che sei libero, verrà un ladro / E vorrà rubarti perché non potrà mai capire. O anche: «Non potevo essere altro se non / Questo / Il giusto riconoscersi del dito che / Punta lo specchio». Anche se, forse, questa condizione esistenziale, che l’autrice referta con una lingua sobria, asciutta e priva di orpelli retorici, ha origini remote: «Tutto sta in un’antica ferita / Che parla di una storia mai esistita / come di te che sei solo un uomo / Anche se le iniziali sono di Dio»: una ormai impossibile metafisica, in quella che non a caso Lipovetsky ha battezzato “ère du vide”, dove la ricerca della verità è sempre in bilico sul suo rovescio, il concetto di vuoto. «Sulla linea 90 / Ci sono solo due fatti / e il compimento non ci sarà»; «Ma io me ne vado / A cercare / o morirò negli assiomi»; «Non è vero niente».