Breaking News
Home / Autori emergenti / Cecilia Negri:”È facile evitare gli stronzi…se sai come farlo”
copertina libro
copertina libro

Cecilia Negri:”È facile evitare gli stronzi…se sai come farlo”

copertina libro
copertina libro

Così la scrittrice modenese Cecilia Negri intitola il suo romanzo, una sorta di decalogo in cui si delineano le caratteristiche per riconoscere a quale categoria appartengono gli uomini, il tutto accompagnato da numerosi esempi che hanno caratterizzato personalmente i 35 anni di vita dell’autrice.

Attraverso una lettura molto scorrevole, le lettrice saranno portate ad aprire gli occhi e a capire quali siano i campanelli d’allarme “il sesto e anche settimo senso che cerca ogni volta di salvarci la pelle…”per riconoscere ed evitare determinati uomini, così come quelli affetti dalla sindrome di Peter Pan, il Negazionista o lo Stronzo Seriale.

Si eviteranno in questo modo illusioni, il classico principe azzurro che ancora crediamo di poter trovare, ma che alla fine si scoprirà essere un rospo zoppo!

Divertente, non si prende troppo sul serio, ma “è un libro già letto”. Si astengano dalla lettura quelli che ricercano profondità psicologica e maggiore attenzione sull’interazione tra i due sessi..

About Ilaria Formisano

Check Also

Cristalli

‘Tre di uno’, la raccolta poetica di ricerca e ragionamento di Beatrice Cristalli

E' una raccolta poetica dagli echi luziani e ungarettiani quella della giovane autrice piacentina Beatrice Cristalli per la quale la parola è fatto, realtà ed ha un peso. Le poesie di Beatrice Cristalli ci consegnano un'autrice che trova prima ancora di cercare, riflettendo sul significato della parola nella nostra magmatica contemporaneità. Come nota giustamente Giovanna Rosadini nella prefazione dellopera, da un lato si ha, quindi, la scissione postmoderna fra la parola-realtà e un soggetto sempre più disancorato da evenienze oggettuali (ovvero i contesti che tradizionalmente lo definivano: modelli, relazioni, ruoli ecc., ormai “liquefatti”, per dirla con le parole del grande sociologo Zygmunt Bauman, e in continua trasformazione); dall’altro quel «voler essere / a tutti i costi» a cui «non c’è tuttavia rimedio», anche se «non è poi / così male essere e basta – le parole non frugano più». Se l’esistenza è sotto il segno della precarietà, infinite sono le possibili declinazioni, e rifrazioni, del soggetto: «Guarda che sei libero, verrà un ladro / E vorrà rubarti perché non potrà mai capire. O anche: «Non potevo essere altro se non / Questo / Il giusto riconoscersi del dito che / Punta lo specchio». Anche se, forse, questa condizione esistenziale, che l’autrice referta con una lingua sobria, asciutta e priva di orpelli retorici, ha origini remote: «Tutto sta in un’antica ferita / Che parla di una storia mai esistita / come di te che sei solo un uomo / Anche se le iniziali sono di Dio»: una ormai impossibile metafisica, in quella che non a caso Lipovetsky ha battezzato “ère du vide”, dove la ricerca della verità è sempre in bilico sul suo rovescio, il concetto di vuoto. «Sulla linea 90 / Ci sono solo due fatti / e il compimento non ci sarà»; «Ma io me ne vado / A cercare / o morirò negli assiomi»; «Non è vero niente».