Breaking News
Home / Autori emergenti / Massimo Sacco: “L’ultimo segreto di Roma”
L'ultimo segreto di Roma

Massimo Sacco: “L’ultimo segreto di Roma”

L'autore Massimo Sacco
L’autore Massimo Sacco

Massimo Sacco nasce a Genova, luogo in cui tuttora vive, il 14 dicembre 1956. Frequenta il Liceo Classico “G. Mazzini” e si laurea nel 1983 in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso l’Università di Genova. Nel 1999 consegue il Diploma Universitario di Educatore professionale. Dal 1986 lavora presso una Cooperativa di Servizi Sociali come educatore professionale: inizialmente con i minori e in seguito con i disabili. Dal 2012 diventa direttore tecnico con funzioni di coordinamento della struttura per disabili; è appassionato di musica, in particolare classica e jazz, ama la lettura, la fotografia ed è appassionato di viaggi.

 “L’ultimo segreto di Roma” è il romanzo d’esordio dell’autore genovese edito da “Imprimatur”.

Il VI secolo d.C. vede l’Europa in balia delle invasioni barbariche e il disfacimento dell’impero romano d’occidente. Alla morte dell’imperatore Teodorico, il nipote Atalarico prende il trono, ma essendo troppo piccolo per governare, si affida alla madre Amalasunta, favorevole ad un accordo con Giustiniano ma osteggiata dai Goti che non vedono di buon occhio la rinascita dell’impero in Italia. Morto Atalarico, Amalasunta, essendo donna, non può regnare ed è costretta a sposare il cugino Teodato, favorevole a un accordo con i Goti. Teodato fa strangolare la moglie, vista come un ostacolo. L’Italia diventa una provincia di Bisanzio, fino al 568 quando fu conquistata dai Longobardi. La storia si snoda attraverso monasteri e città, la Gallia e la lontana Britannia fino a perdersi nelle brumose nebbie del nord. La storia di Martinus monaco e guerriero, ci conduce in un emozionante viaggio ai confini del mondo, verso luoghi non ancora conosciuti dalla civiltà. Solo grazie ad un recente ritrovamento archeologico, la sua storia è svelata, sconvolgendo parte delle certezze del mondo occidentale. Come può un castrum romano risalente al VI secolo d.C. affiorare dalle acque di un lago canadese?

E chi sono i barbari guerrieri che dopo averlo fatto prigioniero alla fine di una furibonda battaglia, lo conducono in schiavitù a latitudini dove mai nessun essere civilizzato ha messo piede? Che rapporto ha Martinus con il sito archeologico scoperto in Canada?

Il lettore lo scoprirà trascinato in un’appassionante odissea in cui barbarie e passione, amore e avventura s’intrecciano all’insegna di una rigorosa ricostruzione storica del periodo.  Martinus, il monaco guerriero, Titus lo schiavo liberato, la tenera Claudia e il burbero Cornelius ci faranno rivivere un’epoca scomparsa e affascinante, in cui il mondo della realtà e quello della fantasia si fondono armoniosamente. Martinus, giunto alla fine dei suoi giorni, ci racconta la sua storia in prima persona.

 Martinus, il protagonista del romanzo, è nato nel 511 e all’inizio del libro ha 19 anni, la storia dunque si svolge tra il 530 e il 580. Martinus vive ad Attetium, dove il padre, un aristocratico romano già foederatus di Teodorico, possiede vaste terra.

A seguito della morte di un mugnaio avvenuta per causa sua, Martinus, che ha ereditato una profonda sensibilità dalla madre Valeria, sconvolto, decide di recarsi in penitenza presso l’abbazia di C. a dieci giorni di cammino verso Nord. Qui rimarrà tre anni sotto la tutela del frate Simeone, l’ideatore del complesso monastico, che lo invoglierà a perfezionare la sua cultura.

Martinus prende, infine  i voti e si appassiona a molti libri di geografia e di astronomia che a quel tempo ancora si potevano trovare nei monasteri. trova alcuni progetti romani di architettura riguardanti la costruzione di castra, acquedotti e ponti che lo affascineranno. Grazie alla innata passione per i viaggi, accetta la missione di Legatus affidatagli dall’abate, di portare un prezioso reliquiario presso l’abbazia del fratello, abate anch’egli, in un monastero nei pressi di Acquae Sulis (Bath) in Britannia. Al suo ritorno verso la Gallia, la nave sulla quale viaggiava viene assalita da guerrieri nordici, progenitori dei vichinghi che lo rapiscono e lo conducono a nord.

Dopo molti anni di schiavitù Martinus, con un manipolo di compagni riesce a fuggire nel tentativo di tornare in patria. Diversi fortunali, però, fanno naufragare la nave prima in Groenlandia a poi in Canada, dove fonda una colonia di tipo romano.

L’introduzione del romanzo storico datata 1994, viene rappresentata da alcuni articoli di giornale che annunciano una scoperta sensazionale in Canada: presso un lago in cui si stanno allestendo dei magazzini vengono rinvenute delle mura, che si scoprirà poi essere esempi rudimentali di architettura romana del VI sec. d.C. Più avanti verrà trovato anche un manoscritto di un tal Martinus.

Questo ovviamente sconvolge tutte le teorie storiche sulla scoperta dell’America. “L’ultimo segreto di Roma” ovvero: “C’è un mistero da scoprire”. Consigliato soprattutto a chi  volesse imparare un pò di storia medievale senza annoiarsi.

About Angelo Panico

Check Also

Cristalli

‘Tre di uno’, la raccolta poetica di ricerca e ragionamento di Beatrice Cristalli

E' una raccolta poetica dagli echi luziani e ungarettiani quella della giovane autrice piacentina Beatrice Cristalli per la quale la parola è fatto, realtà ed ha un peso. Le poesie di Beatrice Cristalli ci consegnano un'autrice che trova prima ancora di cercare, riflettendo sul significato della parola nella nostra magmatica contemporaneità. Come nota giustamente Giovanna Rosadini nella prefazione dellopera, da un lato si ha, quindi, la scissione postmoderna fra la parola-realtà e un soggetto sempre più disancorato da evenienze oggettuali (ovvero i contesti che tradizionalmente lo definivano: modelli, relazioni, ruoli ecc., ormai “liquefatti”, per dirla con le parole del grande sociologo Zygmunt Bauman, e in continua trasformazione); dall’altro quel «voler essere / a tutti i costi» a cui «non c’è tuttavia rimedio», anche se «non è poi / così male essere e basta – le parole non frugano più». Se l’esistenza è sotto il segno della precarietà, infinite sono le possibili declinazioni, e rifrazioni, del soggetto: «Guarda che sei libero, verrà un ladro / E vorrà rubarti perché non potrà mai capire. O anche: «Non potevo essere altro se non / Questo / Il giusto riconoscersi del dito che / Punta lo specchio». Anche se, forse, questa condizione esistenziale, che l’autrice referta con una lingua sobria, asciutta e priva di orpelli retorici, ha origini remote: «Tutto sta in un’antica ferita / Che parla di una storia mai esistita / come di te che sei solo un uomo / Anche se le iniziali sono di Dio»: una ormai impossibile metafisica, in quella che non a caso Lipovetsky ha battezzato “ère du vide”, dove la ricerca della verità è sempre in bilico sul suo rovescio, il concetto di vuoto. «Sulla linea 90 / Ci sono solo due fatti / e il compimento non ci sarà»; «Ma io me ne vado / A cercare / o morirò negli assiomi»; «Non è vero niente».