Breaking News
Home / Autori emergenti / Il Musicista, il nuovo romanzo di Christiano Cerasola
Il musicista di Christian Cerasola
Il musicista di Christian Cerasola

Il Musicista, il nuovo romanzo di Christiano Cerasola

“Tenevo le note a lungo, provocando dei rumori che uscivano dallo spartito e dalla ragionevolezza, cercai di dare un suono ai miei pensieri astratti, e li feci collimare con le note, le mie dita si mossero in modo frenetico e disordinato. Uscii dai canoni della sonata, sbagliai e perseverai negli errori, esagerai e maltrattai la mia amata, sperai che non ci fosse nessuno ad ascoltarmi e uscii volutamente dalle righe del pentagramma.
La mia squallida vendetta fu scatenata dal raggiungimento della consapevolezza di quanto rumore facesse la musica in me, di quanto ingombrante fosse il suo amore e di quanto struggente il mio dolore.”

Sono poche frasi tratte dal nuovo romanzo Il musicista dello scrittore romagnolo di origini danesi, Christiano Cerasola. L’autore, al suo quarto libro, ci racconta la storia di una passione e di un talento fuori dal comune, la storia di un amore che diventa ricerca di una parte perduta di se stessi. La vicenda ha come protagonista Max, artista di provincia con un talento innato nel suonare ogni tipo di strumento. Il suo dono si scontra con un’esistenza mediocre, oppressa da una quotidianità grigia che stona con la grandezza dell’animo di Max. Ha una moglie che non ama, una madre apprensiva e nostalgica e conoscenti che promettono finte amicizie. Ma per la musica è disposto a sopportare tormenti di una vita mediocre e non desiderata. L’amore per la musica assorbe completamente il nostro protagonista portandolo lontano dalla realtà. La quotidianità è abbandonata per il sublime, in una fusione tra distruzione e rinascita. Quella di Max è una ricerca di purezza attraverso l’ amore che si fa suono; Max non sa parlare, non sa amare i suoi simili, non sa odiare. Sa solo suonare. Al limite dell’autismo la musica sembra l’unico sentimento che può provare, il solo per cui valga la pena vivere. Tra ordinarietà e imprevisti seguiamo la storia di questo singolare musicista innamorato della sua arte.

Christiano Cerasola, autore decisamente non convenzionale, coniuga il lavoro nel campo della moda alla passione di viaggiare e di scrivere. In giro per il mondo ha catturato le storie dei passanti e le leggende delle città. È un autore attento alla fragilità, al vigore, alla debolezza e alla forza umana. I suoi tre romanzi tutti pubblicati da Elmi’s World sono: O2 – Ossigeno, edito nel 2010 e tradotto anche in inglese nel 2013 col titolo Oxygen, Uova sbattute, una raccolta di racconti edita nel 2012 e vincitore del primo premio del Concorso letterario di Ostana e il più recente del 2013 Il custode di Izu, un romanzo breve sulle paure nascoste negli abissi dell’animo umano.

Come ha dichiarato lo stesso autore in un’intervista a Vogue.it “L’emozione del viaggio mi ispira a raccontare; mi piace vedere, osservare, e parlare dell’unica cosa che accomuna tutti; cioè di quando il libero arbitrio prende il sopravvento sul fluido scorrere degli eventi”. La facoltà di poter decidere cosa fare sembra un punto fondamentale nella ricerca e nella scrittura di Christiano Cerasola, così come nella vita, così nei libri a dimostrazione che, evidentemente, solo nella scelta c’è la libertà.

About Michela Iovino

Le parole aiutano la "coraggiosa traversata" della realtà, così scrisse una volta Elsa Morante. Lo credo anche io, fermamente, per questo scrivo. Amo l'arte, la musica classica, il cinema e in particolar modo la letteratura, che è essenziale punto d'appoggio. Nei frattempo della vita colleziono storie, forse un giorno ne scriverò qualcuna!

Check Also

Cristalli

‘Tre di uno’, la raccolta poetica di ricerca e ragionamento di Beatrice Cristalli

E' una raccolta poetica dagli echi luziani e ungarettiani quella della giovane autrice piacentina Beatrice Cristalli per la quale la parola è fatto, realtà ed ha un peso. Le poesie di Beatrice Cristalli ci consegnano un'autrice che trova prima ancora di cercare, riflettendo sul significato della parola nella nostra magmatica contemporaneità. Come nota giustamente Giovanna Rosadini nella prefazione dellopera, da un lato si ha, quindi, la scissione postmoderna fra la parola-realtà e un soggetto sempre più disancorato da evenienze oggettuali (ovvero i contesti che tradizionalmente lo definivano: modelli, relazioni, ruoli ecc., ormai “liquefatti”, per dirla con le parole del grande sociologo Zygmunt Bauman, e in continua trasformazione); dall’altro quel «voler essere / a tutti i costi» a cui «non c’è tuttavia rimedio», anche se «non è poi / così male essere e basta – le parole non frugano più». Se l’esistenza è sotto il segno della precarietà, infinite sono le possibili declinazioni, e rifrazioni, del soggetto: «Guarda che sei libero, verrà un ladro / E vorrà rubarti perché non potrà mai capire. O anche: «Non potevo essere altro se non / Questo / Il giusto riconoscersi del dito che / Punta lo specchio». Anche se, forse, questa condizione esistenziale, che l’autrice referta con una lingua sobria, asciutta e priva di orpelli retorici, ha origini remote: «Tutto sta in un’antica ferita / Che parla di una storia mai esistita / come di te che sei solo un uomo / Anche se le iniziali sono di Dio»: una ormai impossibile metafisica, in quella che non a caso Lipovetsky ha battezzato “ère du vide”, dove la ricerca della verità è sempre in bilico sul suo rovescio, il concetto di vuoto. «Sulla linea 90 / Ci sono solo due fatti / e il compimento non ci sarà»; «Ma io me ne vado / A cercare / o morirò negli assiomi»; «Non è vero niente».