Breaking News
Home / Autori emergenti / “Nella fine… il principio”: la ricerca della felicità secondo Paolo Santamaria
Nella fine...il principio di Paolo Santamaria

“Nella fine… il principio”: la ricerca della felicità secondo Paolo Santamaria

Il romanzo Nella fine…il principio (Lettere animate editore, 2015) dello scrittore marchigiano classe 1987 Paolo Santamaria è un profondo e allo stesso tempo rapido squarcio nella vita di Adam Calden: la vita di un bambino sensibile, timido e introverso dall’ età infantile a quella adulta. Santamaria riesce a far capire i dettagli più difficili e scomodi della vita di Adam: un’infanzia per niente facile, tra disagi scolastici, incomprensioni con il fratello Chad e il divorzio dei propri genitori. Adam riesce a convivere con le sue fragilità e gli ostacoli che gli pone la vita: denominatore comune sono le ragazze che incontra e di cui si innamora, soprattutto due di queste, Julie e Peyton. Conosciute in circostanze e periodi diversi della sua vita, Adam riuscirà a fare i conti con entrambe (e con se stesso) solo alla fine della sua storia.

La vita difficile che attraversa che il padre di famiglia Adam e la sua indole fin troppo sensibile finiscono per schiacciarlo: a seguito di un grave evento cade in l’infanzia, l’eterna complice, Carter, il suo primo vero grande amico, il fratello gemello Chad. E anche il dott.Stuart Drake, il suo analista, col quale stringerà un rapporto speciale durante gli anni della terapia e sarà grazie a lui che Adam vivrà il colpo di scena finale della sua vita, delle sue ultime pagine.

Dall’essere figlio all’ essere padre, attraversando conoscenze complesse, soprattutto con l’altro sesso, la storia di Adam, ambientata dagli anni settanta agli anni duemila, è un qualcosa a cui ogni lettore può facilmente rifarsi e compenetrarsi: narrare la vita, anche se per finzione, richiede un grande sforzo di realtà, più che di fantasia. Ed è proprio questo che Paolo Santamaria riesce a trasmettere, seppur con risultati altalenanti. Descrivere la realtà della vita senza smettere di sognare non è compito facile: il tempo della narrazione ora descrive dei lunghi periodi dilatati, ora ha delle impicchiate temporali, forse troppo frettolose, ma che riescono comunque a dare degli squarci efficaci di realtà. Questa storia, che scorre con ritmo lento e inesorabile tra le pagine, sprona a riconsiderare il concetto di “fine” delle cose: quando qualcosa finisce, non bisogna perdersi d’animo, ma invece essere attenti, in quel momento, a capire i segnali della fortuna, interpretarli e agire. Quei segnali che molte volte Adam non riesce da subito, nella corso della sua vita, ad interpretare: ma è un personaggio che nella narrazione cresce e si evolve: il lettore diventa quindi un silenzioso compagno di “vita” o, meglio, di pagine.

Il risultato fianle è che Paolo Santamaria, seppur in maniera a volte macchinosa, riesce comunque nell’intento di coinvolgere il lettore attraverso un’accurata analisi psicologica del protagonista, e di fargli capire le difficoltà che Adam, come tutti, incontra nella vita: la sua fragilità riesce però ad avere un risvolto positivo. Proprio la sua debolezza sarà fonte di rivalsa e capovolgerà la sua esistenza, ma solo nelle ultime pagine di questo romanzo di formazione acerbo ma emozionante che ci fa sperare in un nuovo inizio dopo un evento doloroso.

 

 

About Mario De Angelis

Check Also

Cristalli

‘Tre di uno’, la raccolta poetica di ricerca e ragionamento di Beatrice Cristalli

E' una raccolta poetica dagli echi luziani e ungarettiani quella della giovane autrice piacentina Beatrice Cristalli per la quale la parola è fatto, realtà ed ha un peso. Le poesie di Beatrice Cristalli ci consegnano un'autrice che trova prima ancora di cercare, riflettendo sul significato della parola nella nostra magmatica contemporaneità. Come nota giustamente Giovanna Rosadini nella prefazione dellopera, da un lato si ha, quindi, la scissione postmoderna fra la parola-realtà e un soggetto sempre più disancorato da evenienze oggettuali (ovvero i contesti che tradizionalmente lo definivano: modelli, relazioni, ruoli ecc., ormai “liquefatti”, per dirla con le parole del grande sociologo Zygmunt Bauman, e in continua trasformazione); dall’altro quel «voler essere / a tutti i costi» a cui «non c’è tuttavia rimedio», anche se «non è poi / così male essere e basta – le parole non frugano più». Se l’esistenza è sotto il segno della precarietà, infinite sono le possibili declinazioni, e rifrazioni, del soggetto: «Guarda che sei libero, verrà un ladro / E vorrà rubarti perché non potrà mai capire. O anche: «Non potevo essere altro se non / Questo / Il giusto riconoscersi del dito che / Punta lo specchio». Anche se, forse, questa condizione esistenziale, che l’autrice referta con una lingua sobria, asciutta e priva di orpelli retorici, ha origini remote: «Tutto sta in un’antica ferita / Che parla di una storia mai esistita / come di te che sei solo un uomo / Anche se le iniziali sono di Dio»: una ormai impossibile metafisica, in quella che non a caso Lipovetsky ha battezzato “ère du vide”, dove la ricerca della verità è sempre in bilico sul suo rovescio, il concetto di vuoto. «Sulla linea 90 / Ci sono solo due fatti / e il compimento non ci sarà»; «Ma io me ne vado / A cercare / o morirò negli assiomi»; «Non è vero niente».