Breaking News
Home / Autori emergenti / Francesco Palma: “Passato immortale”
passato immortale di Francesco Palma

Francesco Palma: “Passato immortale”

Francesco Palma, classe 1974 , è un giovane scrittore calabrese, cultore della storia antica,  e della numismatica (sia antica che moderna) e questi  studi  portati avanti con passione emergono dal  suo  primo  libro “Passato immortale”, una storia fantastica proiettata verso un passato atavico piuttosto che sul futuro.

Il passato che alimenta la memoria e la storia personale che diventa Storia da rievocare alle prossime generazioni spingono la vicenda dei protagonisti sorretta, più che da dialoghi incisivi da accadimenti incalzanti, rivelatori di un altro mondo cui appartengono Christin e Manuel.

Christin è una ragazza inglese bella , molto sensibile ed  intelligente che  perde prematuramente la madre a causa di una malattia incurabile, evento che inciderà profondamente sull’importante passaggio dall’età adolescenziale a quella della maturità. Dopo questa triste circostanza la sua vita cambia troppo in fretta per via del dolore interiore, di misteriose coincidenze e fenomeni inspiegabili dei quali non riesce a decifrarne il senso e, tra questi, quello più incomprensibile è l’apparizione di un fantasma  che sembra perseguitarla. Non riesce ad  arrivare ad una soluzione e di conseguenza nemmeno la  propria esistenza e, in breve tempo, la vita inizia a controllare lei. Giunge in  l’Italia dove troverà Manuel, un giovane archeologo, con il quale,  divide un’affinità mentale ed emotiva totale, dimenticandosi del suo fidanzato Peter. Affinità che con il tempo si tramuterà in amore.

Prima con la forza dell’amicizia e poi con quella dell’amore, Christin e Manuel si lasciano trasportare dagli eventi caotici nei quali riescono a vedere nella vastità dei secoli luoghi sconosciuti e imperscrutabili dove si trova la soluzione del mistero che devono ricondurre nel presente per ridare pace a un passato lontano e alle loro stesse esistenze.

Il filo rosso della trama è rappresentato dalle frasi “Fidati dell’ombra della sera” pronunciata dalla madre di Christin e “Le risposte sono nei libri” che accompagnano Christin e Manuel durante il loro percorso conoscitivo in cui sono coinvolti fortemente anche il padre e la nonna di Christin.

Francesco Palma unisce con una certa disinvoltura la storia d’amore (che ha poco a che vedere con i tipici approcci dei ragazzi di oggi) tra i due giovani protagonisti e il tema oscuro ed inquietante del passato che ritorna sempre, non ci abbandona mai, ‘immortale’ appunto il reale con il soprannaturale,attraverso divagazioni storiche, frasi misteriose, e avvenimenti dal sapore mitologico.

Un buonissimo esordio letterario.

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Calì

Vincenzo Calì: ‘la mia poesia contempla e accetta la realtà’

Secondo Platone la poesia ha un suo statuto di dignità ontologica, e merita di più di essere relegata a una certa, divina pazzia. Nello Ione Platone, mostra come vi sia un’intimità tra l’anima cosmica e il ritmo poetico. Vi è poi il divino la cui veridicità esce dalla bocca di un poeta. A questa concezione dell'ispirazione poetica non sfugge un interessante autore siciliano che nel tempo libero va alla ricerca delle conoscenza dell'amore e lo mette nero su bianco. Il suo nome è Vincenzo Calì, classe 1973, di professione analista chimico. L'autore milazzese prenderà parte il prossimo 21 luglio ad un evento nella splendida cittadina barocca di Caltagirone, Angeli a Calatagèron, dove saranno esposte le opere d'arte del maestro Lorenzo Chinnici accompagnate dai versi di Calì che ne raccontano l'essenza e il sentimento. Ha pubblicato due raccolte poetiche: Vincikalos nel 2011 e Intro del 2013, aggiudicandosi il premio MT Bignelli per la Poesia d’Amore della XXI edizione del concorso “Garçia Lorca” 2010/2011.