Breaking News
Home / Autori emergenti / Senza più paura, di Roberto Fancellu

Senza più paura, di Roberto Fancellu

Senza più paura (Lettere Animate, 2016) è il romanzo d’esordio di Roberto Fancellu, giovane autore lurese laureato in Psicologia. Il protagonista della storia è Massimo, musicista di strada alla soglia dei quarant’anni, che sta provando a raggiungere finalmente un equilibrio nella sua vita, dopo anni da alcolista e un periodo da barbone per le strade di Firenze. Ad aiutarlo a risollevarsi ci pensano i professionisti dell’Officina, centro che si occupa del recupero di persone in difficoltà a causa di gravi dipendenze, e soprattutto Sara, la psicologa con la quale ha una relazione segreta. Ma il fragile equilibrio raggiunto da Massimo viene scosso dalla notizia del suicidio del padre (chiamato nel romanzo il Maestro), con il quale non ha rapporti da anni, e dalla comparsa di un misteriosostalker, nascosto sotto lo pseudonimo di Starsky, che perseguita Massimo, lasciando intuire un desiderio di vendetta che trae le sue radici dal passato. Starsky fa irruzione in casa di Sara per lasciare un messaggio scritto sul muro e rivela a tutti, in via anonima, la relazione fra lei e Massimo, provocando il successivo allontanamento di Sara dall’Officina. Fra pacchi anonimi e regali inquietanti nasce in Massimo il desiderio di scoprire chi lo segue nell’ombra, minacciando la sua vita e quella della donna che ama.

In Senza più paura, Roberto Fancellu traccia i contorni di un’ ambientazione ben riuscita in cui tutti i personaggi, anche quelli secondari, sono delineati con accuratezza, grazie soprattutto all’uso di epiteti e soprannomi: Jimmi due dita, NedFlanders, Er monnezza. Questa scelta stilistica, insieme al presente storico, contribuisce a far immergere il lettore nella storia e a creare la cornice che da senso alla trama: i sobborghi di Firenze, terra di emarginati e falliti. La struttura di Senza più paurarisulta, però, eccessivamente riflessiva e introspettiva per appartenere a un thriller, i lunghi monologhi e i flashback collegati al passato di Massimo rendono lenta la lettura e stonano con quelle che dovrebbero essere le caratteristiche proprie del genere: suspense e ritmo incalzante.

About Ornella De Luca

Mi chiamo Ornella De Luca e sono nata il 26 Maggio 1991 a Messina. Sono laureata in 'Editoria e giornalismo', e oltre che per '900 letterario scrivo sul mio blog ornelladelucabooks.wordpress.com/. Sogno di fare la scrittrice e ho anche pubblicato un romanzo per l'Onirica Edizioni: 'La consistenza del bianco'.

Check Also

Cristalli

‘Tre di uno’, la raccolta poetica di ricerca e ragionamento di Beatrice Cristalli

E' una raccolta poetica dagli echi luziani e ungarettiani quella della giovane autrice piacentina Beatrice Cristalli per la quale la parola è fatto, realtà ed ha un peso. Le poesie di Beatrice Cristalli ci consegnano un'autrice che trova prima ancora di cercare, riflettendo sul significato della parola nella nostra magmatica contemporaneità. Come nota giustamente Giovanna Rosadini nella prefazione dellopera, da un lato si ha, quindi, la scissione postmoderna fra la parola-realtà e un soggetto sempre più disancorato da evenienze oggettuali (ovvero i contesti che tradizionalmente lo definivano: modelli, relazioni, ruoli ecc., ormai “liquefatti”, per dirla con le parole del grande sociologo Zygmunt Bauman, e in continua trasformazione); dall’altro quel «voler essere / a tutti i costi» a cui «non c’è tuttavia rimedio», anche se «non è poi / così male essere e basta – le parole non frugano più». Se l’esistenza è sotto il segno della precarietà, infinite sono le possibili declinazioni, e rifrazioni, del soggetto: «Guarda che sei libero, verrà un ladro / E vorrà rubarti perché non potrà mai capire. O anche: «Non potevo essere altro se non / Questo / Il giusto riconoscersi del dito che / Punta lo specchio». Anche se, forse, questa condizione esistenziale, che l’autrice referta con una lingua sobria, asciutta e priva di orpelli retorici, ha origini remote: «Tutto sta in un’antica ferita / Che parla di una storia mai esistita / come di te che sei solo un uomo / Anche se le iniziali sono di Dio»: una ormai impossibile metafisica, in quella che non a caso Lipovetsky ha battezzato “ère du vide”, dove la ricerca della verità è sempre in bilico sul suo rovescio, il concetto di vuoto. «Sulla linea 90 / Ci sono solo due fatti / e il compimento non ci sarà»; «Ma io me ne vado / A cercare / o morirò negli assiomi»; «Non è vero niente».