Breaking News
Home / Altri mondi / ‘Florence’, la storia di un desiderio fatale dal 22 dicembre nelle sale italiane
Florence-Streep

‘Florence’, la storia di un desiderio fatale dal 22 dicembre nelle sale italiane

Dopo essere stato distribuito lo scorso 6 maggio nelle sale britanniche, finalmente giovedì 22 dicembre anche nelle sale italiane debutterà Florence il nuovo film di Stephen Frears tratto dalla storia vera dell’omonima cantante lirica, il cui “dono” era quello di non saper cantare. Nelle vesti della protagonista di Florence ci sarà il premio Oscar Meryl Streep che già nel musical Mamma mia aveva dimostrato le sue  grandi doti canore. La sfida questa volta sarà al contrario.

Ambientato nella New York degli anni ’40 del ‘900 il film narra le vicende della cantante Florence Foster Jenkins che, incoscia delle sue scarse capacità, si diletta a esprimere il proprio talento in ambienti privati con un pubblico scelto composto in prevalenza da amici. Supportata nel suo sogno dall’ amico compositore Cosmé McMoon (interpretato da Simon Helberg noto per il ruolo di Howie nella serie tv “The Big Bang Theory”) e dal marito Clair Bayfield (interpretato da Hugh Grant), primo sostenitore e manager, riesce a debuttare alla Carnegie Hall, il teatro più ambito di New York. Sarà proprio in questa occasione che verrà messa dinanzi ad un’amara verità. Il film vanta ben 4 candidature al Golden Globe per i protagonisti Meryl Streep e Hugh Grant, il non-protagonista Simon Helberg e come miglior film o commedia musicale.

Florence: Una storia vera

Florence Foster Jenkins nacque il 19 luglio 1868 a Wilkes-Barre. Sin da piccola aveva mostrato la volontà di intraprendere la carriera musicale. Il padre, uomo austero e severo, non voleva pagarle gli studi all’estero. Dopo la sua morte, Florence ereditò un ricco patrimonio che le permise di seguire il sogno tanto agognato. Nonostante i suoi sforzi però riuscì ad ottenere il successo sperato, non per il suo talento, ma per la sua vivacità e ottimismo. Si dice fosse così sicura delle proprie doti da paragonarsi addirittura a cantanti di fama internazionale. Florence divenne la cantante lirica stonata più famosa al mondo. Il suo debutto alla Carnegie Hall del 1944 grazie al suo manager e marito Clair Bayfield, l’unico che la sosterrà fino alla fine, segnerà una tappa fondamentale per la sua carriera.

Florence è la drammatica storia di come una melomane non dotata possa, con la sua ostinazione e con la compiacenza del proprio consorte e di un maestro, perseguire quello che non è, come si può facilmente pensare, un capriccio, ma un bisogno: per la facoltosa donna infatti, il bel canto funge da terapia.

Aspettiamoci da Frears, passato agli annali del cinema per la pellicola Le relazioni pericolose, non un semplice e bizzarro biopic trasferito nella New York degli anni quaranta, che ci consegna la caricatura della pseudo cantante lirica, ma, sulla scia della precedente pellicola Marguerite di Xavier Giannoli, del 2015, il regista britannico racconta il desiderio fatale, la fantasia ossessiva di una donna (che siamo certi sarà interpretata da una sempre strepitosa Meryl Streep) realmente esistita, ma dominato totalmente dal suo desiderio, riflettendo sul ruolo che l’arte ha nella nostra società. Da non perdere.

 

About Elisabetta Rossi

Mi chiamo Elisabetta Rossi. Sono Laureata in Lettere Moderne presso L'università di Napoli Federico II. Sin dai tempi del liceo sono sempre stata affascinata dalle materie letterarie da qui deriva la scelta del mio corso di studi all'università. Il mio sogno è di poter trasmettere la mia passione per le lettere ai giovani.

Check Also

Milos Forman

Addio a Milos Forman, sarcastico ed umanissimo narratore di celebrità ribelli, premio Oscar per l’indimenticabile ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morto a 86 anni il regista di origine ceca Miloš Forman, vincitore di due premi Oscar come miglior regista nel 1976 per Qualcuno volò sul nido del cuculo e nel 1985 Amadeus, per i quali vinse anche due Golden Globe. A questi se ne aggiunge un terzo, vinto nel 1996, per Larry Flynt - Oltre lo scandalo. Ma l'eccezionale carriera di Miloš Forman affonda le radici nella Cecoslovacchia comunista, quando, assieme a un gruppo di altri giovani registi diede vita alla Nouvelle Vague praghese, la Nová VIna. Jan Tomas Forman, quello il suo vero nome, era nato a Cáslav, una piccola citta ad est di Praga, il 18 febbraio 1932 nella allora Cecoslovacchia, suo padre fu arrestato dalla Gestapo quando il bambino aveva 8 anni e deportato nel campo di concentramento di Buchenwald, dove morì. Stesso tragico destino anche per la madre morta a Auschwitz, il ragazzo e i suoi fratelli vennero cresciuti dagli zii. Dopo avere studiato regia alla Scuola di Cinema di Praga, negli anni Sessanta Forman si fece conoscere per alcuni film premiati ai principali festival internazionali; L'asso di picche (1963), a Locarno, Gli amori di una bionda (1965), manifesto della Nova Vlna praghese, e Al fuoco, pompieri! (1967), che fece scandalo suscitando le proteste dei vigili del fuoco cecoslovacchi e vietato dal presidente Novotny.