Breaking News
Home / Altri mondi / Gianfranco Rosi vince l’Orso d’oro a Berlino
Gianfranco Rosi
Gianfranco Rosi vince L'orso d'oro a Berlino

Gianfranco Rosi vince l’Orso d’oro a Berlino

Non sorprende la vittoria di Gianfranco Rosi al Festival di Berlino 2016 con il suo Fuocoammare, commovente docu-dramma politicamente corretto dei migranti, complice l’assenza della concorrenza. Gianfranco Rosi, già premiato a Venezia 2013 grazie ad un altro docu-film, Sacro GRA, racconta Lampedusa attraverso la storia di Samuele, un ragazzino che ama tirare sassi con una fionda e andare a caccia di uccelli; gioca sulla terraferma anche se tutto intorno a lui parla di mare, quel mare, teatro di tragica attualità, attraversato da chi è alla ricerca di una vita migliore e che invece, spesso, ha trovato la morte. Grazie a Samuele, lo spettatore entra nella quotidianità delle vite di chi abita un luogo che è continuamente in emergenza, ma lui non incontra mai i migranti, a differenza del dottor Bartolo, unico medico di Lampedusa che non può fare altro che constatare decessi.

Il mio pensiero va a tutti coloro che non sono mai arrivati a Lampedusa nel loro viaggio di speranza, e alla gente di Lampedusa che da venti trenta anni apre il suo cuore a chi arriva”, queste sono state le parole di Gianfranco Rosi pronunciate al momento della consegna del prestigioso riconoscimento, concludento un discorso che il regista aveva avviato i giorni scorsi lungo il red carpet della Berlinale: “L’accoglienza non deve essere fatta dalle singole nazioni, ma dall’Europa. L’esempio che ieri ha dato l’Austria, che sta iniziando a chiudersi, non è un grande esempio, l’Italia ha fatto tantissimo, per venti anni ha fatto da sola, ora non è più il momento di agire singolarmente”.

Il regista nato in Eritrea è il sesto italiano a vincere l’Orso d’oro, gli ultimi a trionfare in terra tedesca erano stati i fratelli Taviani con Cesare non deve morire, anch’essa pellicola che trattava tematiche sociali e di grande attualità. La sensazione è che il cinema italiano per vincere all’estero abbia purtroppo bisogno troppo spesso di film prevedibili, spesso noiosi e politicamenti corretti. Se Sacro GRA aveva piacevolmente sorpreso per il suo taglio grottesco, Fuocoammare tra atmosfere suggestive e stranianti e una narrazione poco avvincente, si adagia sull’ovvio limitandosi a presentare una realtà, senza fornire possibili rimedi.

Per quanto riguarda le interpretazioni, quello per la migliore attrice è andato alla danese Trine Dyrholm, protagonista di Kollektivet (La comunità) di Thomas Vinterberg, l’Orso d’argento per il miglior attore protagonista è andato al giovane tunisino Majd Mastoura protagonista di Inhebbek Hedi, film che si è aggiudicato anche il premio per la miglior opera prima, per la regia di Mohamed Ben Attia. Al polacco Tomasz Wasilewski è andato l’Orso d’argento per la sceneggiatura di Zjednoczone stany Milosci mentre quello per il contributo artistico al direttore della fotografia taiwanese Mark Lee Ping-Bing del film Chang Jiang Tu (Crosscurrent) del cinese Yang Chao.

 

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

gilliam

‘L’uomo che uccise don Chisciotte’ di Terry Gilliam: la rivendicazione del primato della fantasia sulla realtà

Un film atteso 25 anni, realizzato tra molte difficoltà e che nella prima stesura, la quale si basava su un semplice viaggio indietro nel tempo da realizzarsi con un budget colossale, vedeva nel cast un giovane Johnny Depp, Jean Rochefort (scomparso lo scorso anno) e Vanessa Paradis, che rende onore allo spirito e al linguaggio della geniale e celeberrima opera di Cervantes, Don Chisciotte, il libro più giocondo e allo stesso tempo assennato che il lettore possa mai immaginare, come recita il prologo. Il regista visionario Terry Gilliam per il quale la follia, il grottesco e l'irrazionalità sono il sale della vita e la cifra dei suoi film (l'indimenticabile serie di esilaranti gag dei Monty Python, Brazil, La leggenda del re pescatore, Le avventure del Barone di Münchausen, L'esercito delle dodici scimmie, Paura e delirio a Las Vegas, Parnassus-L'uomo che voleva ingannare il diavolo), nel suo L'uomo che uccise Don Chisciotte, riflette sul senso della follia, dell'illusione, del credere fermamente alle propria immaginazione per sentirsi utili a questo mondo.