Breaking News
Home / Eventi / “La vendetta di Gaia”, di J. Lovelock
earth day

“La vendetta di Gaia”, di J. Lovelock

James Lovelock
James Lovelock

In occasione dell “Earth Day”, giornata che ha celebrato ieri il nostro amato e maltrattato  pianeta liamo segnalare il libro di James Lovelock, “La vendetta di Gaia” . “La Giornata Mondiale della Terra” è nata il 22 aprile 1970 con l’intento di onorare la Terra che ci ospita ricordando che è un dovere da buon cittadino oltre che una delle priorità di ogni governo,  tutelare l’ambiente.

Sono decenni che si sente parlare di sviluppo sostenibile, di questione ambientale, del buco dell’ozono,dell’effetto serra, dell’emissione di anidride carbonica, del surriscaldamento del pianeta, dell’ inquinamento ma ogni volta che si affronta il problema ambientale sembre che lo si faccia per la prima volta,  si pronunciano  la medesime frasi retoriche: << Dobbiamo rispettare il nostro Pianeta>>, <<Bisogna cambiare le nostre pessime abitudini>>, <<Il clima sta cambiando per colpa nostra>>, ecc..

In effetti la Terra pare proprio volersi vendicare dell’uomo come recita il titolo dell’inquietante libro dell’ambientalista internazionale  James Lovelock,  “La vendetta di Gaia”(2006); secondo lo scienziato, che 30 anni fa ha  ipotizzato l’esistenza di un unico organismo planetario in grado di regolare i propri equilibri,il nostro Pianeta è ormai giunto ad un punto di rottura. La situazione quindi sarebbe compromessa con i ghiacciai che si sciolgono e le industrie che inquinano, ma siamo certi che non si tratti solo di catastrofismo come se ci trovassimo in uno di quei disaster movie americani?Certamente il preoccupato professor Lovelock ha fatto il suo dovere a lanciare l’allarme, ma allora sarebbe inutile promuovere misure, eventi, decreti per salvaguardare la Terra se il nostro destino è segnato. Le polemiche attorno alle dichiarazioni apocalittiche dello scienziato non sono mancate; Tony Juniper, che dirige “Friends of the Earth” ha replicato a Lovelock: «Il professor Lovelock fa bene a tirare l’allarme ma è presto perportare l’umanità all’obitorio».

Noi essere umani viviamo e prosperiamo a spese  di un altro  organismo ( Gaia appunto, come lo definisce Lovelock)come se fosse un qualcosa da plasmare come vogliamo, siamo dei parassati distruttori. Tutto questo è vero; è come se dopo anni e anni e anni di sfruttamento e violenze subite, un uomo si ribellasse ed  attaccasse. Secondo Lovelock come non possiamo comprendere il funzionamento del corpo umano esaminando gli organi separatamente, allo stesso modo non possiamo nemmeno capire i cambiamente che subisce il nostro pianeta attraverso lo studio sterile delle componenti fisiche e biologiche, trascurando le loro relazioni.

Il biofisico britannico, lucido nella sua analisi che procede con l’uso di molti esempi, stime e numeri, sembra abbastanza convinto del triste scenario che abbiamo davanti proprio perché i fenomeni legati ai mutamenti ambientali sono stati sottovalutati. In effetti se si pensa solo all’ uragano Kathrina, notiamo come l’intensità di tali fenomeni sia aumentata. Anche il Premio Nobel Paul Crutzen, è concorde con Lovelock e ha proposto di definire «era dell’Antropocene» il periodo geologico cominciato con la rivoluzione industriale: «Siamo diventati una forza geologica in grado di modificare l’aspetto globale della Terra».

Ma come convincere i Paesi più industrializzati e popolati a ridurre, tanto per fare un esempio, l’uso delle automobili? O le  grandi aziende a produrre rispettando l’ambiente?E’ chiaro che c’è bisogno di una sensibilizzazione al tema, è una questione culturale e non tutti sono disposti ad aumentare i costi in questo senso a scapito del profitto: utilizzare i pannelli solari, sfruttare l’energia eolica, rispettare la fauna. Non ci resta altra scelta.


Ma davvero è tutto perduto? Fare gli eco- pessimisti è troppo facile, sarebbe più prudente e di buon senso vestire i panni dell’eco- scettico, in fondo il dubbio lascia sempre aperto uno spiraglio positivo…

Nel dubbio ringraziamo gli “eroi” (WWF, Greenpeace, i Rangers, ecc)che ogni giorno lottano per difendere il nostro Pianeta anche rischiando la vita.

 

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Master in Critica giornalistica Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico: al via le iscrizioni

L’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” apre le iscrizioni per l’edizione 2017/2018 del Master di primo livello in Critica Giornalistica. Il progetto vanta sin dal suo esordio nel 2006 la partnership del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani; nel 2008 il patrocinio del Consiglio Internazionale dell’UNESCO per il Cinema, la Televisione e la Comunicazione Audiovisiva (CICT), nel 2009 ha ricevuto il nulla osta dal Ministero dell’Istruzione – Direzione Generale per l’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica - che lo ha accreditato come Master di I Livello in grado di offrire un titolo di studio riconosciuto e l’attribuzione di 60 crediti formativi.