Breaking News
Home / Altri mondi / “Remedios”: la grande anima di Gabriella Ferri

“Remedios”: la grande anima di Gabriella Ferri

Remedios-RCA-1974
Remedios-RCA-1974

Gabriella Ferri è Roma. La sua voce, ogni nota o verso, trasudano romanità. Ogni canzone descrive l’atmosfera della Città Eterna come un’incisione di Piranesi, un sonetto del Belli o un film di Luigi Magni. La  personalità enorme e sfaccettata, unitamente allo straordinario percorso artistico, hanno inoltre sdoganato definitivamente la cultura romana, portandola ben oltre le mura Aureliane fino a farle assumere una dimensione internazionale. Grazie al suo essere cantante, attrice, conduttrice televisiva (ricordiamo le celebri trasmissioni Dove Sta Zazà e Mazzabubù”  che segnarono l’epoca d’oro della TV nostrana) ha trasmesso l’amore per la sua città a milioni di persone. La Ferri, però, è stata soprattutto una cantante “popolare” ma non nel senso dispregiativo del termine, bensì nel senso di una cantante del popolo e per il popolo. La straordinaria intuizione dell’esistenza di un minimo comun denominatore tra la musica tradizionale di tutto il mondo ha spinto l’artista romana a concepire ed incidere quello che può essere considerato il suo capolavoro: Remedios

“Potrà forse stupire questo disco “a due facce” una ancora una volta dedicata alla canzone romana, e l’altra a melodie di vari paesi (Cile , Cuba, Messico, Spagna) di lingua spagnola. La ragione di questa singolare accoppiata nasce da una vecchia e profonda convinzione, cioè che certi canti, siano essi arabi, gitani, sudamericani, napoletani, romani, hanno tutti una comune matrice, sanguigna popolare, con l’obbligo del gorgheggio, con la quasi necessità di voci poco limpide, violente e dolci, usate sempre entro certi giri melodici come fosse un unico canto” (Gabriella Ferri– note di copertina di Remedios)

Mirabilmente arrangiato da Guido e Maurizio De Angelis (anche noti come Oliver Onions), Remedios riesce nell’impossibile impresa di trasformare brani tipici della canzone latina in classici della tradizione romana e viceversa inventando, di fatto, la world-music. Il resto lo fa la Ferri che con la sua voce a volte dolce e soave, a volte dura e urlata, riesce ad interpretare degli standard musicali abbastanza stereotipati nella loro essenza, restituendoli completamente stravolti nella struttura e nel significato.

Gabriella Ferri-1974
Gabriella Ferri-1974

La splendida rivisitazione de La Paloma, pietra miliare del sòn cubano, spiana la strada alla struggente Grazie Alla Vita, traduzione ad opera della stessa Gabriella Ferri del brano Gracias A La Vida della cantante cilena Violeta Parra vero simbolo di ribellione nei confronti della dittatura militare cilena instaurata  da Pinochet nel 1973. La spensierata Cielito Lindo, la meravigliosa Remedios (composta in spagnolo proprio dalla Ferri), la drammatica Malaguena fino alla travolgente Cucaracha danno prova di una duttilità musicale che pochissime altre artiste hanno dimostrato di possedere (in Italia forse solo Mina). Il lato B è Roma allo stato puro. Da Semo In Centoventitrè, fino a Fiori Tresteverini, passando per Nina Si Voi Dormite, Canto De Malavita e la tenerissima E Dormi Pupo Dorce, l’anima di Roma si dispiega tra le note del disco facendo trapelare a tratti il suo lato ironico, gioioso ed anche volgare ed a tratti il suo lato malinconico, sensibile dolente. Qui, ovviamente, Gabriella Ferri mette in mostra tutto il suo strapotere nel padroneggiare la canzone romana. D’altro canto, quando si parla del repertorio romanesco, la Ferri non doveva dimostrare niente a nessuno. Ma la sua voglia di guardare oltre le mura di Roma, oltre le cupole e le antiche rovine l’ha portata ad individuare un’unica grande anima della musica mondiale, un torrente sotterraneo che partendo dai sette colli arriva a toccare luoghi e culture lontanissime (geograficamente e antropologicamente parlando) in un continuo scambio di influenze che da allora non ha più potuto essere ignorato.

About Gabriele Gambardella

Check Also

Demme

In morte di Jonathan Demme, eclettico regista degli indimenticabili “Il silenzio degli innocenti” e “Philadelphia”

Il segreto della versatilità di un cineasta come Jonathan Demme, morto lo scorso 26 aprile a New York a causa di un tumore all’esofago di cui era affetto da tempo, sta nell’impronta decisiva della sua formazione professionale. Nato a Rockville Centre nello stato di New York il 22 febbraio 1944 e trasferitosi a Long Island in Florida con la famiglia all’età di quindici anni, sostituisce subito, infatti, allo scarso interesse per l’università la passione per il cinema e per la critica cinematografica in particolare e dopo avere terminato il servizio militare riesce ad entrare nello staff del celebre produttore Joseph E. Levine in qualità di agente pubblicitario. Facendo la spola tra New York e Londra per procacciare investimenti alla United Artists ha la fortuna d’essere presentato alla fine degli anni Sessanta al connazionale Roger Corman, creatore e gestore della mitica Factory, la più prolifica macchina da cinema indipendente mai esistita che ha allevato una nutrita serie di maestri da Coppola a Scorsese e prodotto centinaia di film commerciali, un tempo liquidati con l’etichetta della serie B o dell’”exploitation” e oggi rivalutati nel segno del gusto dell’invenzione linguistica e dell’efficacia della serialità a basso costo. Proprio il vulcanico e geniale Corman, dopo averlo utilizzato in varie mansioni, gli offrirà così la possibilità di scrivere e dirigere “Femmine in gabbia”, il film ribellistico dai risvolti voyeuristici che nel 1974 segna il suo esordio.