Breaking News
Home / Autori di successo / “I (don’t) love shopping”, di Sophie Kinsella
I love shopping

“I (don’t) love shopping”, di Sophie Kinsella

Pochi giorni dopo la tanto celebrata festa della donna, la speranza comune è che la società sia, finalmente, arrivata ad un punto di vita, sviluppo e maturità in cui l’associazione mentale che scatta pensando alle donne comprenda almeno un concetto tra i quali: intelligenza, forza, fierezza, tenacia, desiderio di libertà ed indipendenza.

E ci si può facilmente illudere che sia veramente così; il 2014, per esempio, ha regalato svariati esempi di personalità femminili brillanti: Samantha Cristoforetti, la prima donna italiana che raggiunge lo spazio, Fabiola Gianotti è diventata direttrice al Cern, a Ginevra, il premio nobel per la pace 2014 è andato a Malala Yousafzai, e così via.

Ma poi, nelle librerie si inciampa in Sophie Kinsella e nel suo best seller I love Shopping e si capisce come il femminismo sia grondante di eccessi e di lati oscuri e ci si ci chiede come la protagonista di tale scempio letterario possa essere così evanescente, superficiale, nonché meschina (come dimostra l’invenzione del molestatore). I love shopping altro non è che il tripudio di tutti gli stereotipi più noti per farsi beffa del genere femminile, con compiacenza delle donne stesse (cominciato con Il Diavolo veste Prada, di Lauren Weisberger), è l’incarnarsi della bionda senza cervello, è il mito corrotto del vendere il proprio corpo in cambio di denaro e successo, è l’importanza assoluta dell’aspetto esteriore e del mito del marchio, dell’abito griffato. È una bellezza falsa, lontana anni luci dalla bellezza del dandy e dell’esteta.

La trama segue le giornate di Rebecca, una giovane giornalista di provincia che, dopo essersi trasferita nella grande città in cerca di successo, resta intrappolata nel fascino delle vetrine costose e luccicanti, del lusso e degli sprechi, finendo col cedere ad una frivolezza stupida ed infantile, che la porta a nascondere la testa sotto al cuscino ad ogni difficoltà, anziché affrontare le responsabilità del quotidiano. Si tratta di un personaggio al limite della credibilità e del ridicolo, ma che non può e non riesce a provocare né empatia né sorrisi sarcastici, tantomeno simpatia o il desiderio di un lieto fine, ma soltanto sdegno con i suoi comportamenti che rappresentano un vero e proprio insulto nei confronti dei veri lavoratori, delle persone che sì, sono ambiziose, ma che comprendono che sono necessarie costanza e sforzo, orgoglio, spirito e voglia di lavorare su se stessi per raggiungere gli obiettivi che si sono preposti.

E ancora una volta, un libro alla portata di tutti, un romanzetto rosa noioso che non riesce ad essere ironico e che può facilmente finire nelle mani di menti basiche, come quelli delle ragazzine che si affacciano alla società, che sognano il principe azzurro per sistemarsi; ciò non è altro che l’immagine di una esistenza devota alla vita facile, uno specchietto per le allodole, che cadranno in trappola, come dimostrano le vendite stesse di questo volume e dei successivi, dei Best Seller. E in effetti il personaggio vacuo di Rebecca è poco credibile (nonostante l’autrice abbia spesso tenuto a sottolineare retoricamente che c’è una Rebecca in tutte noi), irritante ma che dà una speranza a tutte le ragazze senza cervello, della serie se ce la fa Rebecca ad accalappiarsi un uomo ricco pur essendo sciocca e meschina, può farcela chiunque! E non è un caso se, spulciando nel web, la maggior parte dei commenti siano positivi e provengano da donne che si immedesimano nella protagonista o che vorrebbero avere la sua fortuna.

Non solo I love shopping, ma anche I love shopping A New York, con mia sorella, in bianco, per il baby, mini shopping, a Hollywood trasposizione cinematografica annessa (brutta copia de Il diavolo veste Prada e di Sex and the City, peraltro). Insomma, l’importante è comprare, spendere, apparire. Questa è la società consumistica e del falso, in cui conta solo possedere, impegnarsi poco, essere approssimativi, ma emergere comunque. Non c’è dubbio che delle donne frivole abbiano trovato il libro divertente ed entusiasmante innalzandolo a loro manuale di vita.

L’unica speranza è che prima di questo, qualche lettore sia inciampato nel noto Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry e abbia memorizzato un unica breve frase: l’essenziale è invisibile agli occhi.

About Silvia Ziliotti

Check Also

Le due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329, € 18). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati. Ma l’infanzia finisce e l’adolescenza stravolge tutto, Lila non può proseguire gli studi perché i genitori sono troppo poveri. Solo Lenù continuerà la scuola e sarà l’unica sua ricchezza, l’unica forza. E se per un po’ Lila tenta di starle dietro studiando latino e greco sulla panchina del giardino pubblico, e divorando romanzi presi in prestito nella biblioteca della scuola, ben presto comincerà a infuocarsi per altro, ad esempio per la politica che sembra finalmente dare “motivazioni concrete, facce comuni al clima di astratta tensione” che avevano respirato nel quartiere. “Il fascismo, il nazismo, la guerra, gli Alleati, la monarchia, la repubblica, lei li fece diventare strade, case, facce, don Achille e la borsa nera, Peluso il comunista, il nonno camorrista dei Solara, il padre Silvio, fascista peggio ancora di Marcello e Michele, e suo padre Fernando lo Scarparo, e mio padre, tutti tutti tutti ai suoi occhi macchiati fin nelle midolla da colpe tenebrose”. Quelle di Lila sono passioni brucianti che si consumano in un baleno. Ma se la scuola non è più per lei un modo per mostrare al mondo quel suo stile da fuoriclasse nel frattempo Lila è diventata bella, sensuale e corteggiatissima, sempre al centro dell’attenzione, immischiata più che mai nei meccanismi violenti del rione, tra spasimanti, fidanzati, fratelli, progetti imprenditoriali per arricchire la famiglia e un matrimonio ambiguo tra amore e convenienza. Questa è la storia dell’evolversi della vita attorno a quella stretta di mano nata durante l’infanzia. Le bambine crescono, cambiano, si osservano, si invidiano, si stimano, si amano. Sono l’una l’amica geniale dell’altra, lo specchio dentro cui osservare se stesse e la povertà di Napoli. Contro ogni aspettativa Lila, ribelle e fulminante, sembra affondare sempre più le sue radici tra i palazzi del quartiere, Lenù invece, nella sua insicura pacatezza comincia a desiderare di diventare altro, volare via. Non è questo un romanzo dalle grandi rivelazioni, di quella violenza del sud incancrenita e tramandata di generazione in generazione s’è già parlato molto, da Sciascia fino a Saviano. Eppure la scrittura luminosa di Elena Ferrante imbriglia la lettura e la trascina. E la storia è viva più che mai, le due ragazzine crescono sotto i nostri occhi con tutte quelle sfumature psicologiche che danno un’impronta profonda alla narrazione. La casa editrice e/o ha annunciato per i prossimi mesi altri volumi di Elena Ferrante sulla giovinezza, la maturità e la vecchiaia delle due amiche ‘geniali’. Sarà un raro esempio di romanzo di formazione italiano?

‘L’amica geniale’: il romanzo del ricordo sulle età della vita, di Elena Ferrante

Due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati.