Breaking News
Home / Opere del '900 / Best seller / ‘Peter Pan’, di James M. Barrie_ verso l’isola che non c’è
Peter Pan

‘Peter Pan’, di James M. Barrie_ verso l’isola che non c’è

J. M. Barrie
J. M. Barrie

“Un pò di polvere di fata, un pensiero felice, e via che si va”. James M. Barrie, ci porta con il cuore e con l’anima, verso l’isola che non c’è. Un luogo incantato, magico, pronto a esaudire ogni desiderio, pronto ad accogliere quei bimbi smarriti che, di crescere, non ne hanno alcuna intenzione. Un romanzo in cui riusciamo a immergerci dalle prime parole, da quelle prime immagini che “volano” nella nostra mente, in compagnia di quell’eterno bambino che, mai, sarà pronto a crescere.

Una notte fredda, Londra, la neve, i sogni di tre bambini, i sogni di ogni bambino. Quelli che, ancora oggi, non ci abbandonano mai. Perché infondo lui, Peter Pan, non è solo una favola, o un luogo. E’ una parte di noi. Quella piccola parte ancora nascosta infondo al cuore. Quella parte che non mostriamo, siamo adulti ormai. Ma non per lui. Non per Peter. Per lui, saremo sempre pronti a volare, sognare, combattere contro i pirati, guardare le sirene, ascoltare il loro canto notturno, mentre Capitan Uncino prepara la prossima battaglia.

“E così chiudiamo gli occhi. Siamo pronti a volare. Siamo pronti ad andare in quel luogo in cui potremo, finalmente, stare lontani …dalle cose dei grandi”.

Mi sono sempre chiesta se, come Wendy, sarei stata pronta ad afferrare quella mano, a dimenticare ogni cosa, a lasciare andare un mondo in cui i sogni sembrano irrealizzabili, senza sostanza, privi di una qualsiasi consistenza. La mia risposta è si. E non credo possa essere diversa da quella di qualunque altro essere umano. Perchè questa favola ha forse più sostanza di tutti i nostri sogni. Ma per Wendy non è un sogno. Per Wendy, questa è la realtà. Una realtà che ti porta via, una realtà che vive di desideri, favole e avventure ancora da vivere, ancora da raccontare. Sono state molte le produzioni in cui, il nostro eterno bambino, il nostro “bambino mai nato” è stato trasportato. Film, cartoni animati, fumetti.

Peter Pan appare per la prima volta in The Little White Bird (L’uccellino bianco), un romanzo scritto nel 1902 da Barrie per un pubblico adulto. In seguito al largo successo dell’opera, gli editori di Barrie eliminano i capitoli dal 13º al 18º e la ripubblicano nel 1906 sotto il titolo” Peter Pan nei giardini di Kensington”, con l’aggiunta delle illustrazioni di Arthur Rackham.

Il debutto dell’opera risale al 27 dicembre 1904, “Peter Pan, or The Boy Who Wouldn’t Grow Up”(“Peter Pan, o il ragazzo che non voleva crescere”). La storia è poi trasformata da Barrie in un romanzo pubblicato nel 1911 con il titolo Peter e Wendy, poi Peter Pan e Wendy e infine semplicemente Peter Pan.

Ciò che colpisce  di questo personaggio, nell’opera di Barrie, è la sua mancata descrizione fisica. O per meglio dire, non abbiamo una reale descrizione. Accenni, poche parole che ci aiutino a capire chi fosse questo eterno bambino. Ma, infondo, la cosa non dovrebbe stupirci. In questa splendida favola, Barrie, permettere ai suoi lettori di vedere, sentire, quel bambino che non crescerà mai, attraverso quell’unica facoltà con la quale possiamo avvicinarci a un capolavoro della storia letteraria di inizio ‘900: l’ Immaginazione.

Io ho sempre immaginato un folletto. Un sorriso splendente, uno sguardo accattivante e arguto, due occhi penetranti e la capacità innata di portarti con se. E poi lei, quella sincerità che sfocia quasi nella cattiveria, che solo i bambini possiedono. Perchè, se porrai a un bambino una domanda, puoi star certo che non ti mentirà mai.

Ma poi, quella sincerità, quella voglia di volare, ancora e ancora e ancora, svanisce con gli anni. Le responsabilità, le decisioni da prendere, i conti da pagare. Il mondo degli adulti. Il mondo dei grandi.

Nel secondo film creato dalla Walt Disney, c’è una frase in apertura, che non abbandona mai la mia testa. Vaga e vola, come farebbe Peter.

<<La storia finisce sempre così, Peter Pan che grida “Addio Wendy.” E poi, Wendy che gli risponde “Crederò sempre in te Peter Pan”. E mantenne la parola, sempre…>>

La mia parola è questa. Terrò, custodito nel mio cuore, in quell’angolo nascosto, un desiderio, un sogno. L’immagine di un bambino che vola. Nell’attesa che sia lui a giungere da me per prendere quel bacio, quello nascosto sull’angolo destro della bocca che, solo a lui appartiene. “Crederò sempre in te Peter…

 Ognuno di noi ha bisogno di lui, di volare, di credere, di continuare a farlo fino all’ultimo respiro, fino a quell’ultimo momento. Perchè lui tornerà ancora, non li abbandonerà, i nostri sogni. Non ci lascerà mai, perchè lui vive in noi.E così sarà.”…così via via avverrà, sempre, finchè i bambini saranno spensierati, innocenti e senza cuore.”

About Gabriella Monaco

Check Also

Le due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329, € 18). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati. Ma l’infanzia finisce e l’adolescenza stravolge tutto, Lila non può proseguire gli studi perché i genitori sono troppo poveri. Solo Lenù continuerà la scuola e sarà l’unica sua ricchezza, l’unica forza. E se per un po’ Lila tenta di starle dietro studiando latino e greco sulla panchina del giardino pubblico, e divorando romanzi presi in prestito nella biblioteca della scuola, ben presto comincerà a infuocarsi per altro, ad esempio per la politica che sembra finalmente dare “motivazioni concrete, facce comuni al clima di astratta tensione” che avevano respirato nel quartiere. “Il fascismo, il nazismo, la guerra, gli Alleati, la monarchia, la repubblica, lei li fece diventare strade, case, facce, don Achille e la borsa nera, Peluso il comunista, il nonno camorrista dei Solara, il padre Silvio, fascista peggio ancora di Marcello e Michele, e suo padre Fernando lo Scarparo, e mio padre, tutti tutti tutti ai suoi occhi macchiati fin nelle midolla da colpe tenebrose”. Quelle di Lila sono passioni brucianti che si consumano in un baleno. Ma se la scuola non è più per lei un modo per mostrare al mondo quel suo stile da fuoriclasse nel frattempo Lila è diventata bella, sensuale e corteggiatissima, sempre al centro dell’attenzione, immischiata più che mai nei meccanismi violenti del rione, tra spasimanti, fidanzati, fratelli, progetti imprenditoriali per arricchire la famiglia e un matrimonio ambiguo tra amore e convenienza. Questa è la storia dell’evolversi della vita attorno a quella stretta di mano nata durante l’infanzia. Le bambine crescono, cambiano, si osservano, si invidiano, si stimano, si amano. Sono l’una l’amica geniale dell’altra, lo specchio dentro cui osservare se stesse e la povertà di Napoli. Contro ogni aspettativa Lila, ribelle e fulminante, sembra affondare sempre più le sue radici tra i palazzi del quartiere, Lenù invece, nella sua insicura pacatezza comincia a desiderare di diventare altro, volare via. Non è questo un romanzo dalle grandi rivelazioni, di quella violenza del sud incancrenita e tramandata di generazione in generazione s’è già parlato molto, da Sciascia fino a Saviano. Eppure la scrittura luminosa di Elena Ferrante imbriglia la lettura e la trascina. E la storia è viva più che mai, le due ragazzine crescono sotto i nostri occhi con tutte quelle sfumature psicologiche che danno un’impronta profonda alla narrazione. La casa editrice e/o ha annunciato per i prossimi mesi altri volumi di Elena Ferrante sulla giovinezza, la maturità e la vecchiaia delle due amiche ‘geniali’. Sarà un raro esempio di romanzo di formazione italiano?

‘L’amica geniale’: il romanzo del ricordo sulle età della vita, di Elena Ferrante

Due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati.