Breaking News
Home / Autori di successo / Storie di fantasmi per il dopocena, di Jerome Klapka Jerome

Storie di fantasmi per il dopocena, di Jerome Klapka Jerome

Durante le vacanze natalizie, noi tutti ci lasciamo suggestionare dalla magia che si respira per strada e nei luoghi che frequentiamo, magia  che spesso rievoca il passato e fa affiorare i ricordi più cari. Le festività rappresentano momenti per stare assieme condividendo anche esperienze di vita. Forse c’è modo migliore di raccontare aneddoti divertenti e curiosi dello stare assieme, radunati in un salotto londinese, magari accanto ad un camino, nell’intimità e nel calore dell’amicizia?

E’, immancabilmente, una delle notti più tetre per uscire – fredda, fangosa e piovosa. E oltre tutto, a Natale, ognuno ha già il suo bel da fare a sopportare una casa piena di parenti, senza bisogno che ci si mettano pure gli spettri di quelli defunti a ciondolare in giro, ne sono più che certo.

L’umorista inglese Jerome Klapka Jerome (WalSall, 2 Maggio 1859- Northampton, 14 Giugno 1927) ci offre un quadro davvero colorato di suggestioni, racconti avvincenti, imprese goliardiche ma anche spaventose e macabre, nelle sue Storie di fantasmi per il dopocena (pubblicato nel 1891). Si tratta di brevi racconti avventurosi rivolti al diletto del lettore medio, che lo avvicinano alla lettura grazie alla rappresentazione del quotidiano. Questo tipo di lettura, veloce e comprensibile, poteva essere fatta in treno o mentre ci si recava a lavoro, ad esempio. Si può dire che Jerome K. Jerome appartiene a quella cerchia di autori riconosciuti come scrittori ”da treno”, assieme ad Arthur Conan Doyle, Rider Haggard e molti altri.

L’autore conosce il successo a trent’anni, con la sua opera più famosa Tre uomini in barca (per non parlare del cane) seguita poi dal proseguio Tre uomini a zonzo (di successo inferiore) ma si dedica, durante tutti gli anni della sua carriera, alle ghost-stories sviluppandone le più inattese trame, come vedremo proprio in Storie di fantasmi per il dopocena.

Molti hanno parlato di sottile e fine umorismo e sicuramente ne troviamo riscontro pagina dopo pagina, storia dopo storia, fino ad affezionarci ai personaggi che entrano in scena e che somigliano, appunto, a personaggi teatrali (nei primi anni della  giovinezza è proprio il teatro a riempire la vita di Jerome K. Jerome, la vita ma certamente non le tasche )

La cena ”sui fantasmi” ha tra gli invitati,  lo zio John, Mr Samuel Coombes, Teddy Biffles. Quest’ultimo è il primo a raccontare la sua storia, quella del fantasma fedele ma credo sia la storia narrata da Mr Coombes a catturare l’attenzione del lettore, ossia  quella del fantasma del mugnanio avaro che appare nelle notti a suo cognato Mr Parkins e che lascia tutti nella curiosità e nel dubbio fino alla fine. Il ricco mugnanio pare non voglia mostrare l’effettivo luogo in cui è nascosto il suo oro, forse semplicemente per punire Mr Parkins, in quanto per lungo tempo si è rifiutato di credere alla storia del fantasma in quella casa e al tesoro.

Segue poi l’episodio della camera azzurra, la stanza nella casa dello zio, vicina a quella dei bambini in quanto tutto ciò che riguardava la toilette era di colore azzurro. In questa  camera azzurra bazzica il fantasma di un criminale, un uomo che con un pezzo di carbone uccise uno di quei cantanti che, proprio durante quelle giornate, avevano l’abitudine di passare di casa in casa esibendosi in una delle ballate da repertorio. Il criminale in questione, precedentemente, aveva ucciso un solista di cornetta e vantava più di un omicidio alle spalle. Per lo zio, la camera azzurra era preferibile quindi che restasse inutilizzata, dato che i fantasmi amavano ritrovarsi lì per gridare la loro vendetta. Dopo essersi addentrato nella storia, l’ autore rilascia una sua personale cronaca nel capitolo che lui stesso titola Una spiegazione personale in cui si riscatta da alcune calunnie, tenendoci a specificare che non è ”nel suo stile” parlare di sè. Ecco che comincia La mia storia, non altro che il racconto del suo incontro avvenuto con i fantasmi in questa camera azzurra. Il fantasma del criminale gli racconta, soddisfatto, i dettagli dei suoi omicidi e diventano addirittura amici, finquando il nostro temerario accompagna il fantasma in strada, dopo che il canto del gallo gli ricorda che è l’ora di andare, dunque deve svanire! Il nostro protagonista resta senza pantaloni, dopo averli dimenticati in camera. La situazione è inspiegabile. Come difendersi da accuse e sospetti? Come giustificare il suo assurdo incontro con il fantasma del criminale?

Insomma, tutto puo’ succedere nella notte della Vigilia. E Jerome K.Jerome ci tiene con il fiato sospeso fino all’ultimo canto del gallo.

About Anna Vitiello

Sono laureata in Lettere e Filosofia. Ho sempre scritto per diverse testate. Alcune mie poesie sono state pubblicate nell'antologia ''Di tanta rabbia''. Attualmente scrivo per il Wall Street International Magazine, dove mi occupo delle sezioni ''cultura'' e ''viaggi''. Vivrei viaggiando, con il cuore sempre ad Est e i miei quaderni.

Check Also

Le due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329, € 18). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati. Ma l’infanzia finisce e l’adolescenza stravolge tutto, Lila non può proseguire gli studi perché i genitori sono troppo poveri. Solo Lenù continuerà la scuola e sarà l’unica sua ricchezza, l’unica forza. E se per un po’ Lila tenta di starle dietro studiando latino e greco sulla panchina del giardino pubblico, e divorando romanzi presi in prestito nella biblioteca della scuola, ben presto comincerà a infuocarsi per altro, ad esempio per la politica che sembra finalmente dare “motivazioni concrete, facce comuni al clima di astratta tensione” che avevano respirato nel quartiere. “Il fascismo, il nazismo, la guerra, gli Alleati, la monarchia, la repubblica, lei li fece diventare strade, case, facce, don Achille e la borsa nera, Peluso il comunista, il nonno camorrista dei Solara, il padre Silvio, fascista peggio ancora di Marcello e Michele, e suo padre Fernando lo Scarparo, e mio padre, tutti tutti tutti ai suoi occhi macchiati fin nelle midolla da colpe tenebrose”. Quelle di Lila sono passioni brucianti che si consumano in un baleno. Ma se la scuola non è più per lei un modo per mostrare al mondo quel suo stile da fuoriclasse nel frattempo Lila è diventata bella, sensuale e corteggiatissima, sempre al centro dell’attenzione, immischiata più che mai nei meccanismi violenti del rione, tra spasimanti, fidanzati, fratelli, progetti imprenditoriali per arricchire la famiglia e un matrimonio ambiguo tra amore e convenienza. Questa è la storia dell’evolversi della vita attorno a quella stretta di mano nata durante l’infanzia. Le bambine crescono, cambiano, si osservano, si invidiano, si stimano, si amano. Sono l’una l’amica geniale dell’altra, lo specchio dentro cui osservare se stesse e la povertà di Napoli. Contro ogni aspettativa Lila, ribelle e fulminante, sembra affondare sempre più le sue radici tra i palazzi del quartiere, Lenù invece, nella sua insicura pacatezza comincia a desiderare di diventare altro, volare via. Non è questo un romanzo dalle grandi rivelazioni, di quella violenza del sud incancrenita e tramandata di generazione in generazione s’è già parlato molto, da Sciascia fino a Saviano. Eppure la scrittura luminosa di Elena Ferrante imbriglia la lettura e la trascina. E la storia è viva più che mai, le due ragazzine crescono sotto i nostri occhi con tutte quelle sfumature psicologiche che danno un’impronta profonda alla narrazione. La casa editrice e/o ha annunciato per i prossimi mesi altri volumi di Elena Ferrante sulla giovinezza, la maturità e la vecchiaia delle due amiche ‘geniali’. Sarà un raro esempio di romanzo di formazione italiano?

‘L’amica geniale’: il romanzo del ricordo sulle età della vita, di Elena Ferrante

Due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati.