Breaking News
Home / Opere del '900 / ‘Il Palio dei buffi’, il grottesco di Palazzeschi
Il palio dei buffi

‘Il Palio dei buffi’, il grottesco di Palazzeschi

Il Palio dei buffi è un volume del 1937 che raccoglie i racconti di Aldo Palazzeschi (diciotto, per la precisione) e viene da pensare che i personaggi di queste novelle potessero parlare con l’autore, dovrebbero riprendere l’attacco di una vecchia cantilena di Ardengo Soffici: “Palazzeschi, eravamo tre/ noi due e l’amica ironia…” Ecco, rintracciare quel terzo è forse la chiave per scoprire il segreto dei racconti di Palazzeschi.

Se la narrativa tradizionale, dopo aver creato un personaggio, lo impegnava in un’avventura  che finiva con il diventare la prncipale di tutta una vta; Palazzeschi al personaggio fa capitare qualcosa a cui questi era impreparato. Lo colpisce in un punti inatteso con un’arma infallibile e non senza aver ammiccato a quella presenza che fa da terza nel trio “Palazzeschi eravamo tre”. Nei racconti del Palio dei buffi si denunciano l’alterazione che costituisce lo stile e la personalità dello scrittore fiorentino. C’è una novella che si intitola, come ai tempi del naturalismo, Una vita che per protagonista un pittore emigrato da giovane a Parigi e che si riduce a legatore di libri; gli è morta di tisi la sua compagna di viaggio, nonché il cane e la gatta in cui aveva cercato compagnia. Di ritorno si trova a passare per il Quaiaux fleurs:

<<Sostò davanti ad un gruppo d gerani scarlatti, vi girò intorno e non seppe resistere all’impulso di prenderne uno e di alzarlo da terra, come si prende un fanciullo per stringere e baciare>>.

Incuriosita o forse impietosita, la fioraia gli offre il vaso per la metà del prezzo. Questo stacco ritmico che inaugura un nuovo clima potrebbe essere letto come una liberazione dal penoso “frammento di vita” che le pagine avevano evocato, oppure come una risoluzione lirica di quel dramma. Questo gesto appare gratuito e apre un nuovo “tempo” che si contrappone alla durata intima del racconto.

Il Palio dei buffi: Palazzeschi e il rapporto con i suoi personaggi

Il mondo e la gente di Palazzeschi, nel Palio dei buffi sono gli stessi delle Stampe dell”800 e delle Sorelle Materassi; un mondo in cui si potrebbe mandare come rappresentante il personaggio rinsecchito che è protagonista della novella Gloria che presenta ambienti di una piccola borghesia provinciale e prigioniera di se stessa. Ma Palazzeschi ad un certo punto, volta le spalle alle conclusioni naturali di quest’ambiente respingendo la sua epica grigia e sottopone i suoi impacciati personaggi alla prova dell’assurdo, e, anziché facendolo cozzare contro un ostacolo, glielo toglie e mostra come la prima a cadere la tipica legge di quel mondo: il gusto, il conformismo.

Le novelle di Palazzeschi non si assumono incarichi di constatazione o dimostrazione sociale; esse sono grottesche e liberate n pura fantasia. Ma il grottesco è solo nel gioco meccanico, dove solitamente la combinazione fantastica è destinata a verificare un concetto o un paradosso; Palazzeschi invece porta un interesse lirico: il suo momento è proprio quando il personaggio parte per la tangente. L’autore, che non coincide narrativamente con il suo personaggio, però non lo disumana e lo trattiene a sé con oscuri legami, affidandogli il compito d evadere.

La novella più significativa del Palio dei buffi in questo senso è Lo zio e il nipote dove si descrive come al solito un piccolo mondo provinciale , senza luce, simboleggiato dal signor Luigi, venditori di oggetti religiosi. Una volta morto Luigi si fa avanti la figura del nipote, un uomo che si rovina per amore della vita. Ma lui non vive, vuole vedere la vita e parteciparvi di riflesso. Quest’uomo semplice simboleggia l’evasione da tutte le strettoie: il suo amore indistinto per la vita è grido verso ciò che non si può o che non si dovrebbe fare, ma verso cui tutto l’essere si protende.

La scrittura di Palazzeschi è urbana e pungente  dove si annida l’aggettivo più imprevisto. Il grande merito di Palazzeschi sta, come ha  giustamente notato Debenedetti, nell’aver composto nel Palio dei buffi una serie di figure narrative libere pur essendo compromesse, il sogno di un prigioniero.

vai al sito macrolibrarsi

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Uno, nessuno e centomila

‘Uno, nessuno e centomila’: l’intuizione pirandelliana diviene misticismo cosmico

Il romanzo Uno, nessuno e centomila, come tutta l'opera di Pirandello, può essere guardato da due lati: quello del chiarimento filosofico in quanto non esige necessariamente la rappresentazione artistica, ma può sostenersi, ed essere considerato per se, e il lato artistico, che è tale in quanto il fondo dell'opera, si è concretizzato in caratteri e figure. La divergenza nasce da questo duplice punto di vista che si può facilmente assumere di fronte alla sua opera di pensatore e di poeta. Il lato più filosofico di Uno, nessuno e centomila si configura nella presunzione che la realtà debba essere e sia ugualmente per tutti gli altri. Tutti gli eroi pirandelliani hanno più o meno chiara, la coscienza di questa presunzione.