Breaking News
Home / Opere del '900 / Ricorda con rabbia, di John Osborne
Osborne- ricorda con rabbia

Ricorda con rabbia, di John Osborne

Londra, 1956.  Un giovane di nome John Osborne finisce un’opera teatrale che da il via ud un movimento che verrà presto riconosciuto dalla critica con il nome di Angry Young Men – i Giovani Arrabbiati. Una società che non funziona, ingranaggi usciti dai cardini e nessuno che dimostri il coraggio o la voglia di riparare: sono queste le ragioni della rabbia che investe Jimmy Porter, il giovane protagonista di Look Back in Anger- Ricorda con rabbia.

Osborne, che proseguirà sulla linea degli Arrabbiati con l’opera The entertainer, già l’anno successivo alla fortunata rappresentazione di Look Back in Anger, modella alla perfezione un personaggio controverso in una situazione che esso stesso rende asfissiante. Non ci sono cambi di scena nel corso dei tre atti, la sceneggiatura non varia se non in piccoli dettagli, a sottolineare come l’immobilità apparente caratterizza i monologhi e lo scorrere dei giorni dei personaggi. Ma niente resta fermo e sotto alla superficie le vicende si intrecciano e viene soffocato un amore, si perde qualcosa, si sfrutta un’amicizia, si perde ancora qualcosa e solo alla fine il cerchio si richiude. Ma non più uguale a se stesso.

Un salotto spoglio, due uomini seduti a leggere i quotidiani della domenica e una giovane donna che stira in silenzio. Un fumo lento e pesante riempie la stanza. Jimmy l’Arrabbiato, Alison la moglie da lui etichettata come pusillanime e Cliff, il coinquilino mediatore, una sorta di valvola di sfogo e collante al tempo stesso per la coppia. Perchè la quotidianità, la realtà, i rapporti umani sono difficili da sopportare e la mancanza di comunicazione finisce sempre col distruggere tutto.

Non vi è una vera e propria conversazione in Ricorda con rabbia, ci sono solo commenti velenosi di un quasi ininterrotto monologo scagliati da Jimmy alla moglie per il suo carattere passivo, per le sue origini, per la sua famiglia, per il suo non reagire a tutta questa rabbia. Rabbia. Rabbia che il primo scarica sulla seconda, rabbia che lei si lascia piovere addosso e assorbe, o finge di assorbire, come terra secca. Ma la pioggia non può durare a lungo prima che la capacità di drenarla ceda, ed una volta che si arriva al limite, nella terra si aprono delle crepe, diventa fango e la situazione cambia.

Ma cosa c’è dietro alla rabbia? Un disperato bisogno di amore e protezione, di complicità e sicurezza. La voglia di sentirsi accettati senza riserve. Un posto dove nascondersi quando quello che c’è fuori è troppo da sopportare e la sensazione di essere sull’orlo del precipizio si fa sentire. Ed ecco che uno strano amore, incomprensibile agli occhi degli amici, della famiglia, della società e persino a quelli sbalorditi degli amanti stessi diventa l’unico posto sicuro in cui rifugiarsi ed aspettare che torni il sole. O che almeno smetta di piovere. È l’amore del grosso orso e del scoiattolo fragile che si nascondono nella loro tana e si nutrono di miele e nocciole. È questo l’amore che lega Alison e Jimmy: un amore palliativo ma ardente, che vive del fuoco della rabbia e della rassegnazione disperata.

About Silvia Ziliotti

Check Also

Kirino

‘Una storia crudele’, il thriller psicologico di Natsuo Kirino che fa trapelare una giustificazione per l’autoalienazione

Non è usanza di Hatsuo Kirino andarci leggera con le storie truci e con questo Una storia crudele, romanzo thriller del 2004, ce ne da ulteriore conferma, non è un libro per stomaci delicati. La trama stessa, e non solo la grande capacità introspettiva dell’autrice, lo suggeriscono. La storia parte infatti con una lettera, tanto semplice quanto crudele. Anzi da due. La prima è quella che il marito della protagonista (Ubukata Keiko, conosciuta con lo pseudonimo di Koumi Narumi) invia all’editore di lei, che è una scrittrice, avvertendolo che la donna è scomparsa ormai da due settimane e che ha lasciato quel manoscritto per lui. La seconda lettera è la causa scatenante di tutti gli eventi, che viene inserita dalla stessa Keiko in testa al suo nuovo romanzo, Una storia crudele appunto. Quest’ultima le è stata inviata da Abekawa Kenji, l’uomo, da poco uscito di prigione, che l’aveva rapita quando aveva appena dieci anni. Da qui ci immergiamo nel romanzo di Keiko, che decide di raccontare dopo più di vent’anni la storia del suo sequestro.