Breaking News
Home / Pensieri&frammenti / Leggi del “giorno dopo”: oltre il danno anche la beffa nel Paese dei ritardi

Leggi del “giorno dopo”: oltre il danno anche la beffa nel Paese dei ritardi

Tutto scorre fino a quando accade qualcosa che, ci costringe a ricorrere a leggi adeguate. Questo è praticamente il mode dei giorni nostri. Gli eventi, le catastrofi o i fatti di cronaca risultano i campanelli d’allarme dai quali scattano promulgazioni di norme e di misure.

Recentemente, ad esempio, è stata approvata in via definitiva la legge contro il cyberbullismo: si profilano rigidi controlli sul web, sportelli anti-bullismo, punizioni esemplari per tutti i contravventori. Ma, quanti casi di bambini bullizzati si sono susseguiti nel corso del tempo? Quanti, hanno riportato traumi e danni psicologici irreversibili prima che qualcosa cambiasse?

La medesima storia si è ripetuta dopo i 1500 feriti in Piazza San Carlo a Torino, in occasione della finale di Champions League. In pochi giorni sono arrivate, puntuali, nuove norme da tenere in considerazione per ogni evento e manifestazione come: la capienza della piazza, le vie di fuga, il divieto di introdurre bibite in vetro, la presenza obbligatoria di postazioni sanitarie e controlli ferrati all’ingresso delle piazze.

Anche la legge per la legittima difesa è stata emanata dopo che alcuni cittadini sono stati costretti a difendersi all’interno delle proprie mura domestiche o dei proprio esercizi commerciali. In una duplice veste, carnefici e poi vittime, si sono ritrovati ad essere il capro espiatorio di questo sistema legislativo che, da lontano sembra quasi beffarli.

Le città crollano per il terremoto e le valanghe travolgono i resort. La preoccupazione imminente è sempre quella di scaricare il barile, tanto domani ci si preoccuperà di prendere misure e promulgare leggi in merito. Questi sono solo alcuni dei fatti di cronaca che sfortunatamente, hanno presagito quelle che potremmo definire, le leggi del giorno dopo.

“E’ giusto cautelarsi per evitare che eventi simili si ripetano”. Questa frase risuona come un mantra ogni volta che si verificano questi accadimenti. Tutte queste norme, leggi e contromisure risultano essere post-hoc e non ad-hoc come dovrebbero essere: sarebbe opportuno che si lavori con zelo per tutelare i cittadini e non per offrire un riparo in caso di pericolo e di necessità.

Si dovrebbe prediligere il principio “prevenire anziché curare” invece che “meglio tardi che mai” che, risulta essere irrispettoso, infruttuoso e dispendioso di energia e di denaro pubblico.

 

 

 

 

 

 

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono laureanda in Lettere presso l'Università Federico II di Napoli. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense,la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano. In futuro mi piacerrebbe essere anche una gionalista.

Check Also

antifascismo

L’antifascismo dei cretini affogati nel ridicolo che tirano in ballo persino Dante

Abbiamo sempre avuto pazienza con i cretini non cattivi e con i cattivi ma intelligenti. Non riusciamo però ad averne con i cretini cattivi, magari in origine solo cretini poi incattiviti oppure solo cattivi poi rincretiniti. Ma sono cresciuti a dismisura e si sono aggravati. Sto parlando del nuovo antifascismo, collezione autunno-inverno, che si alimenta di fascistometri per misurare il grado di fascismo che è in ciascuno di noi e di istruzioni per (non) diventare fascisti, di Anpi posticce che sventolano l’antifascismo anche il 4 novembre, non più costituite da partigiani ma da militanti dell’odio perenne; e poi di mobilitazioni, manifestazioni e mascalzonate, veicolate da giornaloni, telegiornaloni, talk show e da tante figurine istituzionali. Come quel Figo che alterna dichiarazioni d’antifascismo a dichiarazioni surreali d’amore a proposito degli stupri e i massacri tossico-migranti. Per lui le violenze si combattono con l’amore, come dicevano i più sfigati figli dei fiori mezzo secolo fa. Lui ci arriva adesso, cinquant’anni dopo e a proposito di un fatto così terribile come uno stupro mortale a una ragazzina.