Breaking News
Home / Pensieri&frammenti / C’est la vie, caro Sarkozy!
sarkozy

C’est la vie, caro Sarkozy!

«Siamo fatti così, Sarko-no, Sarkozy!». Recita tali parole una canzone demenziale di Simone Cristicchi, apparsa al Festival di Sanremo di nonna Pina (Antonella Clerici) nel 2010. Non trasmette sommariamente una beata ceppa, eppure ci fotografa nettamente la vicenda che nelle ultime ore squassa la Francia: l’ex presidente della Repubblica Libertè, Égalitè et Fraternitè, Nicolas Sarkozy, è in stato di fermo nell’intestino della caserma della Polizia Giudiziaria di Nanterre, mite sobborgo di Parigi. La notizia fa eiaculare i cronisti francesi di «Le Monde», che erano un po’ annoiati negli ultimi tempi a causa della tregua dell’Isis sul territorio bleu. Che cosa vuoi che ne sappiano di scandali politici i cugini francesi? L’Italia rimane il Paese dominante in questo settore, “Mani pulite”, “Cosa Nostra”, e tutte le inchieste con suffisso “opoli”, ci fanno sempre battere il cuore.

Attenzione, Sarkozy è sottoposto alla vivisezione legale di un interrogatorio, non è condannato. Però è già solo: basta un nulla per essere macchiati di inchiostro talmente tetro da non andare più via. Jean-Paul Sartre asserisce che, «se sei triste quando sei da solo, probabilmente sei in cattiva compagnia». I sentimenti non mentono mai: chissà come di sente il repubblicano Nicolas in questi minuti magmatici. Egli è stato convocato nelle scorse ore per fare lumi sull’inchiesta che ha evidenziato possibili finanziamenti da parte della Libia alla campagna elettorale presidenziale che nel 2007 lo portò a pavoneggiare dentro i marmi dell’Eliseo. L’inchiesta parigina, partita nel 2013, vede solo ora il presidente emerito appropinquarsi a una confessione confessabile. Lo stato di fermo può avere durata di quarantotto ore, prima del rischio dell’incriminazione. Fosse vivo l’imperante Napoleone Bonaparte, in merito alla vicenda si esprimerebbe così: «Bisogna sempre lasciar trascorrere la notte sulle ingiurie del giorno innanzi». Mica male.

Un uomo fedelissimo di Sarkozy, Brice Hortefeux, già ministro del suo discutibilissimo governo, è stato interrogato celermente: egli è già libero, ma ha lasciato trapelare possibili debolezze nel castello difensivo dell’accusato. Ma non tergiversiamo, entriamo nello specifico: nel 2012 il sito Mediapart aveva pubblicato una serie documenti segreti che evidenziavano finanziamenti cospicui del leader libico Muammar Gheddafi per la corsa al trono di Sarkozy. Le bustarelle, o meglio tangenti, termine per noi italiani molto affettuoso, ammonterebbero a cinque milioni di euro, distribuiti in denaro contante. L’ex capo dello Stato transalpino – ritiratosi saggiamente dalla vita politica dopo la sconfitta alle primarie repubblicane del novembre 2016 – era stato già rinviato a giudizio per non aver rispettato le regole dei finanziamenti di un’altra sua campagna elettorale, quella del 2012, nella quale aveva speso venti milioni di euro in più rispetto al tetto massimo di ventidue milioni e mezzo consentiti dalla legge francese. Perseverare è davvero diabolico.

A gennaio il maremoto è avanzato su Sarkozy: viene arrestato all’aeroporto londinese di Heathrow, il 58enne uomo d’affari francese Alexandre Djouhri, con un grasso mandato di cattura internazionale. Sarebbe lui il volano, il tramite integerrimo del denaro versato da Gheddafi nella vincente campagna elettorale del 2007. L’udienza per l’estradizione in Francia di Djouhri si avrà il 17 aprile. Si preannunciano scenari tempestosi. Sarkozy sarebbe accusato di soffrire anche del complesso di Caino, visto che nel 2011 fu proprio il suo governo a spingere perentoriamente verso l’attacco della Libia, che avrebbe poi accelerato il rovesciamento del regime di Gheddafi.

Intanto l’agnello roboante è accusato, ma rimane in silenzio. Ci si aspetta una decisa risposta, da chi ha ricoperto la carica di ventitreesimo presidente della Repubblica francese, servendo già la sua nazione – e i suoi probi ideali di destra – con una carica di ministro delle finanze prima e di doppio ministro dell’interno dopo, dentro i fasti marcianti del governo Jacques Chirac.
Sarkozy è anche uno dei due co-principi di Andorra, oltre ad essere stato insignito dei titoli di gran maestro della Legion d’onore e protocanonico d’onore della Basilica di San Giovanni in Laterano. Quelle bordate di luce che fanno effetto, per intenderci, come l’aver sposato Carla Bruni, una donna “donata da Silvio Berlusconi”. Ma intanto regna affusolato il silenzio: «Non c’è uno, ma più tipi di silenzio, ed essi fanno parte integrante delle strategie che sottendono ed attraversano i discorsi». Lo sosteneva Michel Foucault, un intellettuale vero, mica un portatore di platinate medaglie.

 

Annibale Gagliani-L’intellettuale dissidente

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Saviano

Il nuovo patetico monologo di Roberto Saviano

Volto sfatto, distrutto, espressione funerea, sospiri, toni melodrammatici, alla Barbara D’Urso: non manca proprio nulla, la sceneggiatura è pronta e il nuovo video-messaggio di Roberto Saviano può essere registrato e diffuso dai media. Il nuovo nemico diabolico da combattere è il neoministro dell’interno Matteo Salvini, reo di aver messo in dubbio la bontà disinteressata delle Ong che operano nel mar Mediterraneo. Un discorso tutto incentrato sulla difesa delle persone che salvano vite nel cimitero del mar Mediterraneo. E quel fanfarone e maleducato di Salvini, privo di capacità di analisi, comprensione e conoscenza del diritto del mare non può permettersi di usare parole disgustose (ovvero vice-scafisti) e mettere in discussione l’eroismo di queste anime belle.