Breaking News
Home / Pensieri&frammenti / Poesie inedite dell’autore emergente Fabio Strinati
Fabio Strinati poeta

Poesie inedite dell’autore emergente Fabio Strinati

BREVI ACCENNI

I

Gli alberi sembrano virgole le foglie
attaccate ai rami una mandria
di pensieri l’autunno
dai colori i tessuti
le rime e i baci attaccati
sulle brine. Noi, siamo
in un abbraccio la carezza,
forme come in un campo
l’erba spunta al cielo
un letto largo
di colore: per te un verso
d’acqua delineato
scende sulla penna
il sipario spettacolo
teatrale.

II

Montagne fuse in cielo le alte
sembianze invase le nuvole
dai pianti acerbi, figure
del creato eterno. Per me sei anche tu
lampo smuovermi dentro
vene di bosco l’anima libera
di espandersi;

gli occhi, angolo di posto
isolato uniti in fuga su di te,
vicina isola rifugio
incubazione l’inverno.

III

Forza centripeta ci assorbe integri
due alberi di remi i nostri abbracci
al porticciolo una panchina
stabile immortale;
due mani scivolano sui particolari
schiena indossa vibrazione
a fianco in burrasca è il mare…
col suo flauto traverso
melodia invernale
infuria e raro sguardo ai volti
l’amore in volo una rondine
e un gabbiano.

IV

Pensiamo ai nostri ormoni, strani, strani
impazziti prospera natura c’invade e
piomba come in una stanza planano
spartiti autoctoni.

Pensiamo ai nostri sentimenti raffinati
le baionette i baci sulla lingua sulla punta,
arruolati alla vita fremiti e fusi i cuori
armati dei loro resti rigogliosa rendita
l’amore, somma di battaglie
due corpi astratti mossi dalla voglia.

V

Brevi accenni di te che al mio sguardo sospiri,
che inclini movenza sul mio corpo
superstite come naufrago al pensiero
della terraferma. Sei per me, letteratura,
forma d’arte al sangue evoluta;
proiezione in me del tuo sussurro, geometria
distillato di frantoio l’insieme fondersi
in un liquido perché vitale…

Fabio Strinati

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

antifascismo

L’antifascismo dei cretini affogati nel ridicolo che tirano in ballo persino Dante

Abbiamo sempre avuto pazienza con i cretini non cattivi e con i cattivi ma intelligenti. Non riusciamo però ad averne con i cretini cattivi, magari in origine solo cretini poi incattiviti oppure solo cattivi poi rincretiniti. Ma sono cresciuti a dismisura e si sono aggravati. Sto parlando del nuovo antifascismo, collezione autunno-inverno, che si alimenta di fascistometri per misurare il grado di fascismo che è in ciascuno di noi e di istruzioni per (non) diventare fascisti, di Anpi posticce che sventolano l’antifascismo anche il 4 novembre, non più costituite da partigiani ma da militanti dell’odio perenne; e poi di mobilitazioni, manifestazioni e mascalzonate, veicolate da giornaloni, telegiornaloni, talk show e da tante figurine istituzionali. Come quel Figo che alterna dichiarazioni d’antifascismo a dichiarazioni surreali d’amore a proposito degli stupri e i massacri tossico-migranti. Per lui le violenze si combattono con l’amore, come dicevano i più sfigati figli dei fiori mezzo secolo fa. Lui ci arriva adesso, cinquant’anni dopo e a proposito di un fatto così terribile come uno stupro mortale a una ragazzina.