Breaking News
Home / Pensieri&frammenti / Il caso Rolling Stone e la banalità del bene, la nota rivista rotola e finisce gambe all’aria
rolling stone

Il caso Rolling Stone e la banalità del bene, la nota rivista rotola e finisce gambe all’aria

La rivista Rolling Stone ultimamente è balzata agli onori della cronaca per una campagna, con tanto di manifesto, contro l’italica cattiveria, personificatasi sotto le demoniache sembianze di Matteo Salvini.
Nel documento, scritto con toni a metà tra l’apocalittico e il moraleggiante, si vaneggia un richiamo ai valori di civiltà e convivenza, infarciti di richiami all’abbandono di paure ancestrali, già sperimentate nel corso della storia. Ora, tralasciando il fatto che questi signori possano conoscere veramente o meno la storia, fa sorridere come essi si sentano inconfutabilmente dalla “parte giusta della barricata”.

Leggendo il testo in questione, sembra che sia in corso un ritorno alla barbarie e all’età della pietra. Ciò aiuta a comprendere come siano spaesati e furenti tali soggetti, pronti ad accanirsi su un uomo che è in carica da poche settimane, descrivendolo come un criminale della peggior risma.

Dov’erano lor signori, piuttosto, quando l’onorevole – e venerabile – Mario Monti affamava gli italiani in nome dell’austerity imposta da Bruxelles; oppure quando il “Rottamatore” andava in giro per l’Europa a lustrare le scarpe dei suoi pari, riducendo l’Italia ad un magazzino? Lì non si sono sentiti in dovere di alzare la voce per difendere i più deboli, in un paese che colava – e ancora rischia di andarci – a picco?
Attenzione particolare, inoltre, merita l’elenco delle “grandi firme” che hanno sottoscritto il documento. Oltre alla più che scontata presenza di Fabio Fazio(so), per esempio, troviamo gente del calibro di Ernia e di Emma Marrone, personaggi che hanno sempre fornito un contributo imprescindibile alla cultura nostrana, e che rende bene l’idea della autorevolezza dei soggetti scesi in campo per questa battaglia di civiltà.

Come se non bastasse, a rendere ancor più comica l’iniziativa, è stato l’episodio che ha visto protagonista il direttore del tg di La7, Enrico Mentana. Egli, come ha spiegato sui social, era stato contattato dal direttore di Rolling Stone, che gli aveva proposto di diventare firmatario del documento. Ma, nonostante il diniego ricevuto dal re delle maratone tv, è stato inserito comunque nella ambitissima lista dei buoni. Mentana ha così chiarito di non voler prendere parte a prese di posizione solo per ottenere un poco di pubblicità gratuita in più. Da ultimo, magistralmente, ha ricordato a queste teste vuote che Salvini è ministro poiché è stato legittimamente eletto dalla maggioranza del popolo, dando, così, una lezione di saggezza e di democrazia a chi democratico lo è solo quando prevale la sua idea.

Per concludere è spendibile per questi banali “filantropi”, fedeli perlopiù al modello liberal a stelle e strisce, una citazione del filosofo francese Alain De Benoist: “L’immigrazione è un fenomeno padronale. Chi critica il capitalismo approvando l’immigrazione, di cui la classe operaia è la prima vittima, farebbe meglio a tacere. Chi critica l’immigrazione restando muto sul capitalismo, dovrebbe fare altrettanto”. È bene che tengano a mente queste parole in futuro, prima di aprir bocca.

 

Andrea Salerno

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

mediocrazia

Moriremo eleganti! La tirannia della mediocrazia in tutti gli ambiti del vivere civile

L’anno scorso è stato pubblicato il saggio di un filosofo canadese saggiamente intitolato Mediocrazia, ma non è del libro che si vuole parlare, semmai del titolo. La mediocrazia come cifra del nostro tempo, il trionfo o anzi la tirannia della mediocrità in tutti gli ambiti del vivere civile. Gli esempi abbondano, non è difficile individuarla in ogni ambito della vita pubblica, dalla inappellabile medietà della politica alla generale incuria della produzione artistica e letteraria, per non parlare della volgarizzazione della lingua parlata e scritta, della condotta pubblica e privata, dell’abbigliamento e dell’oggettivo decadimento dell’architettura. Materiale di scarto, riciclo di avanzi estetici e politici presentati come novità. Ci siamo dentro tutti, nessuno escluso. Philippe Daverio, uomo d’eleganza sopraffina, ha definito il nostro tempo l’epoca del trash: Il trash è una cosa semplicissima: è l’opposto della complessità. Si prende un tema, lo si riduce al minimo dei suoi contenuti e quando si è superato il minimo di tollerabilità del banale, la sua capacità di comunicazione diventa vastissima. Portare un tema qualsiasi alla portata di tutti, indistintamente, operando solo con la carta vetrata fino a mostrarne le ossa e iniziando poi a rosicchiare anche quelle. L’intento fu nobile: rendere la complessità alla portata dei semplici. Peccato però che la realizzazione si è rivelata un disastro: invece di abituare ed educare alla complessità, si è ridotta questa ai minimi termini fino a non renderla più concepibile se non come affettazione, come posa o atteggiamento di aristocratica alterità.