Breaking News
Home / Poesia / Attilio Bertolucci: “Vento”, la carica dinamica del mondo
Attilio Bertolucci

Attilio Bertolucci: “Vento”, la carica dinamica del mondo

La vocazione alla poesia del parmense Attilio Bertolucci, nasce sin dall’infanzia e la sua vita è costellata da importanti impegni letterari; dirige infatti varie riviste che parlano di cinema, arte e letteratura e stringe molte amicizie con colleghi illustri della letteratura, come quella con Gadda e Pasolini. Viene considerato dalla critica del novecento un autore che ha saputo innovare il panorama poetico e letterario del secolo. Vive per molto tempo a Roma, dove morirà nel 2000. Tra le sue raccolte figurano: Sirio (1929), Fuochi in novembre (1934), La capanna indiana (1951), Viaggio di inverno (1971), Verso le sorgenti del Cinghio (1993), La lucertola di Casarola (1997).

La poetica di Bertolucci si fonda soprattutto sulle esperienze personali e su un’ idilliaca interpretazione della vita campestre, affettiva e naturale. Essa si contrappone a una visione della poesia pura, visione di radice ermetica.

La poesia che prendiamo in esame, Vento, è contenuta nella raccolta Sirio, la cui composizione inizia nel 1925, quando Bertolucci ha solo 14 anni e pubblicata nel 1929. La raccolta è celebre per un carattere naturalistico di fondo e per la sua poetica semplice e lineare:

Come il lupo è il vento

Che cala dai monti al piano.

Corica nei campi il grano

Ovunque passa è sgomento.

Fischia nei mattini chiari

Illuminando case e orizzonti

Sconvolge l’acqua nelle fonti

Caccia gli uomini ai ripari.

Poi, stanco s’addormenta

e uno stupore prende le cose.

 

Come il lupo è il vento

Che cala dai monti al piano.

 

Il dinamismo e la feroce essenza del lupo vengono a manifestarsi nel vento, che proprio come la silvestre belva è veloce, forte e spietato. Come il lupo che scende dai monti per infestare le valli e le pianure con la paura a incutere ancestrale timore negli uomini e nelle bestie, così il vento scende con prepotenza e ineluttabilità a sconvolgere la pace di tutti. L’immagine poetica ricalca l’origine naturale del vento, che è figlio della montagna e dell’aria.

 

Corica nei campi il grano

Ovunque passa è sgomento.

 

Al suo passaggio il grano sembra inchinarsi, per paura e timore più che per rispetto e viene sottomesso dalla grande potenza del vento. Ed è in questo inchinarsi e in questo “farsi da parte” al suo passaggio che si traduce il verso “ovunque passa è sgomento”.

 

Fischia nei mattini chiari

Illuminando case e orizzonti

 

La voce del vento è melodica e allo stesso tempo possente, e sembra come quella di un bambino spensierato che fischia nella limpida mattina a far compagnia al sole. Tale immagine di campestre felicità e leggerezza rivela un altra componente del vento: esso è coautore dello spettacolo della natura, non nasce per distruggere, bensì per portare scompiglio dove c’è calma, smuovere le giornate della terra. In questa veste il vento rivela tutta la sua energia dinamica, che si manifesta pienamente nella sua funzione di “luce”; esso non porta solo il suono nella vita del mattino, che diventa metafora della giornata del mondo, bensì anche la luce, poiché senza vento tutto sembrerebbe morto.

 

Sconvolge l’acqua nelle fonti

Caccia gli uomini ai ripari.

 

Tale interpretazione trova conferma nei due versi successivi, il chiasso e la forza dell’aria smossa dal vento, scuote anche l’acqua che rappresenta un elemento statico della natura e caccia gli uomini nei loro ripari, riconfermando quindi la sua essenza di motore dell’azione.

 

Poi, stanco s’addormenta

e uno stupore prende le cose.

 

Una volta che la carica del vento si esaurisce, esso, placido, cade in un sonno improvviso, così che tutto il mondo si stupisce. Qui lo stupore ha duplice significato, uno presente e uno passato. Nel presente immediato infatti lo stupore riguarda la fine stessa del vento. Lo stupore passato invece è quello che è nato quando lo stesso vento ha cominciato a scuotere il mondo, un genere di stupore che si può capire solo quando il vento ha smesso, contando quindi tutti i danni e le paure che ha saputo provocare. La poesia comunica la disarmante dinamicità della natura, del mondo e dell’esistenza che attraverso i suoi elementi rinnova e ricrea se stessa. La potente carica ideale del vento, questo essere che parte dall’alto e scende in basso rende bene questo concetto, infatti esso rivoluziona la terra tutta al suo passaggio, fa muovere l’acqua, rende stupore agli uomini e trasforma il mattino chiaro in luce e suoni splendenti.

La meraviglia che gli uomini e le cose avvertono è come quello nei confronti di una forza che li sovrasta, o di un nemico che si arrende. Il vento si oppone allo staticismo del mondo, che alla fine però sembra averla vinta. Il nostro mondo, quello degli uomini e delle “cose” non è fatto per il vento, anzi esso è stato costituito per vivere cullato dallo staticismo più puro, per cui una forza che smuove tutte le cose come il vento, diventa qualcosa di incompreso e di terribile.

La conclusione finale potrebbe presentarsi come una mezza vittoria e un interrogativo: forse il vento ha smesso di tormentare il mondo, ma il mondo ha smesso da tempo di muoversi e ora che anche il vento ha smesso di destarsi, chi muoverà il mondo?

 

vai al sito macrolibrarsi

About Domenico Cuomo

Check Also

poesie di Natale

Il Natale diventa letteratura con le poesie di Ungaretti, Saba e Quasimodo

Chritsmas is the air, tra poche ore sarà Natale, le case e i balconi si illuminano di mille colori, dalle finestre si intravedono gli abeti vestiti a festa. La gente guidata da sontuose luminarie affolla le strade, in cerca degli ultimi regali da mettere sotto l'albero. I presepi si preparano ad accogliere Gesù bambino. Anche importanti personalità della letteratura del Novecento ne aveva raccolto l'atmosfera, facendo del Natale, l'inchiostro per loro penne, redigendo capolavori immortali. In particolare tre sono le poesie di natale d'autore che hanno un prezioso lascito nella letteratura novecentesca: Natale di Giuseppe Ungaretti, Nella notte di natale di Umberto Saba e Natale di Salvatore Quasimodo.