Breaking News
Home / Poesia / Giorgio Vigolo, poeta “platonico”
Giorgio Vigolo

Giorgio Vigolo, poeta “platonico”

Giorgio Vigolo (Roma, 3 dicembre 1894 – Roma, 9 gennaio 1983), nome che ai più dirà poco o niente, è stato uno dei maggiori esponenti della cosiddetta Scuola Romana, formatosi sulle riviste <<La Voce>> e <<La Ronda>>. Assimilatosi, in certe fratture al sapore ungarettiano e in altre alla scrittura di Palazzeschi, Vigolo obbedisce, pur riconoscendogli una certa modernità, ad una diversa idea della poesia.

La cultura di Giorgio Vigolo potrebbe essere collocata tra l’estetismo di D’Annunzio e la dimensione demonica di Goethe, caratterizzata da un’ansia profonda di ritrovare un’armonia preesistente al tempo; si tratta di ansia filosofica? Certamente è una forma conoscitiva che dà vita ad una nuova forma di poesia molto suggestiva, fatta di immagini e di allegorie. Prendiamo il seguente frammento:

Da strade di notte

.   .    .   .

un’improvvisa porta

s’illumina di statue.

Al centro della poesia vi è il mito platonico della caduta di un ordine supremo, con il desiderio di ricomporre l’armonia perduta; non è difficile capire da quali fonti abbia attinto il poeta romano: principalmente ai mistici e agli esoterici. Alla base vi è sempre il celebre mito della caverna di Platone, da cui, a sua volta nasce una mistica. Giorgio Vigolo si sente un mistico toccato dalla Grazia e più che un mondo “organico”, egli disegna un movimento: le vicende di un’attesa e di un raggiungimento, segnati da momenti ispiratori. Afferma lo stesso Vigolo a proposito della propria arte poetica:

Facciamo che quel mito della caduta sia proiettato nel tempo: e i millenni appariranno come un varco cieco, che un attimo, un attimo solo, quello del ritrovamento, cioè della poesia, per miracolo abolisce, e riscatta.

Il poeta romano cerca la nascita di una determinata poesia, di quella che, come dice lui stesso, ritrova la misura e la schiera, l’agmine dei segni primieri e li restituisce al dettato antico. A rappresentare quell’ansia di ricerca dell’armonia, non basta più un simbolo esterno e oggettivo, come nota Giacomo Debenedetti; occorre invece una figura che abbia l’intima esperienza della caduta, che senta la sofferenza e il richiamo a quell’ordine supremo. C’è quindi bisogno della forma umana, “da oscuri segni e silente eternità”, calata “alle feste del sangue”:

…s’equilibra in me l’arcano

albero conoscente; e, se la luca

beve dall’aria, un più profondo filtro

trae dalla terra e lo nutrisce morte.

Ed è proprio la figura del corpo che rievoca quell’armonia dalla quale esso proviene; in questo modo il corpo è assunto dal poeta a simbolo inconscio ed oscuro delle corrispondenze in cui Vigolo cerca la poesia. Impossibile quindi che il corpo non crei arcani e fantasiosi messaggi: i sogni, protagonisti assoluti di questa epoca, atti a svelare i misteri più occulti della nostra vita; e non è casuale che Vigolo abbia intitolato una sua raccolta di poesie Conclave dei Sogni, sogni spiegati in immagini e melodia. Per quanto riguarda l’ambientazione, il poeta petrarchizza i paesaggi e l’arte con cui compie questa operazione deve una buona parte del suo ascendente ad una esperta abilità di illustratore.

La presenza del corpo inoltre consente che nella realizzazione dei personaggi interiori, il poeta debba mettere in relazione ogni cosa con una testimonianza del corpo stesso, una sorta di contatto fisico:

Malinconia d’esistere con questo
volto remoto che ci esprime l’anima
e la sua storia e i giorni alti e perduti,
senza più averne la memoria e il senso.

Scruti meglio la pietra; in selve amare
più domestica lingua hanno le foglie
e i paesi si leggono; s’intende
l’innocenza dei monti. Ma l’umano
viso, il tuo stesso, che ti senti in carne
fitto all’essenza, che vuol dire?
Indaghi
inutilmente questa tua persona
che sempre hai teco e nei notturni vuoti
s’ingrandisce di sogni, apre il suo libro
su figure dolcissime e tremende.

E’ allora che prendendo del tuo buio
una rapita conoscenza, credi
finalmente di leggerti; decifri
lettere e i nomi sciogli.
Illuso! in altro
specchio t’appari. O dispieghi in vaste
epoche d’astri e spaziati cosmi
o stringi i tempi in questi sensi d’uomo,

solo saprai di non saper chi sei.

Vigolo ci offre una classicità corposa, sensuale, barocca in conflitto con amori terreni come dimostrano anche le prose  La città dell’anima, (1923), Canto fermo (1931), Il silenzo creato (1934), che hanno spesso il rigore del poemetto. Oltre ad un’ottima antologia dei Sonetti di G.G. Belli, Vigolo ha curato la traduzione di liriche di Hölderlin e del Meister Floh di Hoffmann.

Giorgio Vigolo ci fa capire come dignità e bellezza formale siano elementi indispensabili per sostenere una poesia, per dare vita all’incanto letterario e ad una tensione conoscitiva.

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Joyce Lussu

‘Un paio di scarpette rosse’ di Joyce Lussu, una poesia per non dimenticare

La poesia Un paio di scarpette rosse di Joyce Lussu, ruota attorno ad un paio di scarpe rosse numero ventiquattro nelle cui suole interne si vede ancora la marca di fabbrica "Schulze Monaco". Un paio di scarpette normalmente utilizzate per i giorni di festa, ed ancora nuove, che un bambino di soli tre anni e mezzo calzava a Buchenwald, un campo di sterminio nazista, in Germania. Quelle scarpette erano in cima ad un mucchio di altre scarpette appartenenti a bambini che in quel luogo hanno trovato la morte. I nazisti facevano entrare genitori e bambini nelle camere a gas, con la scusa che li avrebbero sottoposti ad una doccia con successiva disinfestazioni per farli entrare in un campo-gioco. Invitarono per altro i genitori a far avvicinare i bambini ai bocchettoni, per farli lavare meglio, ma da quelle aperture non usciva acqua, ma solo gas. Prima però, i bambini venivano fatti spogliare e rasare. La poetessa italiana infatti scorge anche un mucchio di riccioli biondi, di ciocche nere e castane. Joyce Lussu cita poi un altro sistema di morte usato dai nazisti: l'utilizzo dei forni crematori, infatti dice che probabilmente non riusciremo ad immaginare di che colore erano gli occhi di quel bambino bruciati dal forno, ma che riusciremo ad immaginare il suo pianto; un pianto che nessuno riuscirebbe a sopportare, che nessuno vorrebbe sentire e che io spero di cuore che nessuno in futuro dovrà sentire mai. Questa poesia apparentemente dedicata ad un solo bambino è in realtà rivolta a tutti i bambini che furono gasati, lo conferma il fatto che quelle scarpette erano in cima ad un mucchio di altre scarpette.