Breaking News
Home / Rubriche / Maria Elena Boschi: da ministro perdente a sottosegretario del governo Gentiloni
maria elena bosci

Maria Elena Boschi: da ministro perdente a sottosegretario del governo Gentiloni

 

Maria Elena Boschi giura da sottosegretario del governo Gentiloni sulla Costituzione che voleva affossare. Aveva dichiarato come il suo capo Renzi, che qualora avesse vinto il NO al referendum, avrebbe abbandonato la politica. Nessuno ci ha fatto caso più di tanto alla fine, tanto siamo abituati a politici bugiardi. Una brillante carriera quella della fatina Boschi: da Madonna nel presepe di Laterina, a sottosegreterio del governo Gentiloni, passando per ministro per le riforme costituzionali e per i rapporti con il Parlamento. Non c’è limite all’indecenza.

vai al sito macrolibrarsi

About Pee Gee Daniel

Pee Gee Daniel è nato a Torino nel 1976, vive in Alessandria. Ha pubblicato i romanzi Gigi il bastardo (& le sue 5 morti), Montag, Phenomenorama, Inbooki, Il politico, Golena, Lo scommettitore, Leucotea, Ingrid e Riccione, La Gru, Sulle tracce della Ci**gna Voltaica, Twins, Il lungo sentiero dai mattoni dorati, e-piGraphe e il saggio Il riso e il comico, Montag. È librettista del musical Cogli l'attimo, con le musiche di Fabio Zuffanti. Insieme all'attore Omid Maleknia ha curato Spettacolo d'evasione, che vede alcuni detenuti del carcere Don Soria di Alessandria nella veste di cabarettisti.

Check Also

Sequestrati dal Tribunale beni e conti della Lega Nord

In questi giorni il Tribunale di Genova, in attesa della sentenza definitiva, ha proceduto alla confisca cautelativa di beni fisici e conti correnti della Lega Nord, recentemente condannata, nelle persone di Umberto Bossi e figlio, ex-tesorieri e vari altri amministratori. Il partito, attualmente capeggiato da Matteo Salvini, deve infatti restituire alle casse dello Stato una somma ammontante a 58 milioni di euro di rimborsi elettorali letteralmente volatilizzati (senza che nessuno dei principali esponenti, a partire da Maroni e dallo stesso Salvini, abbia mai saputo giustificarne l'ammanco). Ora il segretario della Lega, secondo un consueto copione da politica italiana, anziché rimanere nel merito del provvedimento, preferisce buttarla in caciara (come si dice in quel di Roma, "ladrona" secondo i primissimi slogan leghisti), parlando di una persecuzione politica e giudiziaria.