Breaking News
Home / Rubriche / Il pezzo di carta del neo-ministro dell’istruzione Valeria Fedeli

Il pezzo di carta del neo-ministro dell’istruzione Valeria Fedeli

Non si placano le polemiche sul neo-ministro all’istruzione Valeria Fedeli e sulla sua millantata laurea. Ciò che ha fatto e sta facendo discutere è stata la mancanza di sincerità da parte della Fedeli, mentendo sul suo titolo di studio. Il ministro, o meglio ministra (come piace farsi chiamare a lei) Fedeli si è scusata per aver mentito; ma viene da chiedersi: non sarebbe stato più opportuno piazzare al ministero dell’istruzione una persona che ha avuto esperienza nell’ambito scolastico, sebbene il ruolo di un ministro è quello di ascoltare i tecnici impiegati al ministero e di mediar, quando il governo propone una legge, tra gli interessi dei partiti e le informazioni dei tecnici, facilitando la creazione di una legge che abbia speranze di essere approvata dal parlamento. Se è vero che per fare il ministro non è indispensabile avere una laurea, non lo è nemmeno possedere la tessera di un sindacato.

vai al sito macrolibrarsi

About Pee Gee Daniel

Pee Gee Daniel è nato a Torino nel 1976, vive in Alessandria. Ha pubblicato i romanzi Gigi il bastardo (& le sue 5 morti), Montag, Phenomenorama, Inbooki, Il politico, Golena, Lo scommettitore, Leucotea, Ingrid e Riccione, La Gru, Sulle tracce della Ci**gna Voltaica, Twins, Il lungo sentiero dai mattoni dorati, e-piGraphe e il saggio Il riso e il comico, Montag. È librettista del musical Cogli l'attimo, con le musiche di Fabio Zuffanti. Insieme all'attore Omid Maleknia ha curato Spettacolo d'evasione, che vede alcuni detenuti del carcere Don Soria di Alessandria nella veste di cabarettisti.

Check Also

Sequestrati dal Tribunale beni e conti della Lega Nord

In questi giorni il Tribunale di Genova, in attesa della sentenza definitiva, ha proceduto alla confisca cautelativa di beni fisici e conti correnti della Lega Nord, recentemente condannata, nelle persone di Umberto Bossi e figlio, ex-tesorieri e vari altri amministratori. Il partito, attualmente capeggiato da Matteo Salvini, deve infatti restituire alle casse dello Stato una somma ammontante a 58 milioni di euro di rimborsi elettorali letteralmente volatilizzati (senza che nessuno dei principali esponenti, a partire da Maroni e dallo stesso Salvini, abbia mai saputo giustificarne l'ammanco). Ora il segretario della Lega, secondo un consueto copione da politica italiana, anziché rimanere nel merito del provvedimento, preferisce buttarla in caciara (come si dice in quel di Roma, "ladrona" secondo i primissimi slogan leghisti), parlando di una persecuzione politica e giudiziaria.