Breaking News
Home / Altri mondi / ‘Downtown Abbey II – Una nuova era’. Spazio a un duplice intrigo
Downton Abbey

‘Downtown Abbey II – Una nuova era’. Spazio a un duplice intrigo

Sette anni dopo la sesta e ultima stagione –piangono ancora milioni di fan- la saga tv “Downton Abbey” prolunga il suo exploit sul grande schermo. Infatti al film di tre anni fa, impostato sui frenetici preparativi per la visita del Re e la Regina alla magnifica magione dei Crowley, segue adesso un secondo capitolo dedicato al duplice intrigo che coinvolge la più famosa (nella fiction) famiglia aristocratica inglese e la sua servitù.

La trama è ambientata alla fine degli anni Venti e la prima, eclatante novità è costituita dalla buona novella portata a Lady Violet dal notaio di famiglia: l’ineffabile contessa, che ha ereditato a sorpresa dal marchese di Montmirail una sontuosa villa nel sud della Francia, pensa subito di girarne la proprietà alla nipote Sybbie. Mentre i congiunti cercano invano di convincerla a svelare il perché del munifico regalo, magari frutto di un passato imbarazzante, la vedova francese vuole impugnare il testamento facendo sì che i Crowley piombino in massa in Costa Azzurra decisi a fare rispettare la volontà del defunto.

Scelta assai opportuna perché il cinema sta bussando alle porte di Downton Abbey, con un celebre regista pronto a girare in quell’ineguagliabile scenario il suo nuovo film muto… Si cambia, come si sarà capito, qualcosina nel ritmo e le locations affinché non cambi nulla nelle atmosfere, lo spirito, i dialoghi, la sottile vena di humour che il creatore e sceneggiatore della serie Julian Fellowes ha mantenuto così a lungo ad alto livello: come se si trattasse di un cappotto o una giacca fuori moda ma di ottima stoffa, il piacere sta nell’abitudine, nel comfort di ritrovare gli amatissimi personaggi/interpreti (a cominciare dall’indomabile Smith) e imbattersi nei nuovi

arrivati d’oltremanica. Fin qui tutto bene, però dopo avere gustato la gradevolezza del sequel, ci si può anche accorgere che al film –al contrario di quanto succedeva nella serie- manca il tempo necessario per sviluppare in profondità le svariate sotto-trame, le ellissi non sono il punto forte della nuova sceneggiatura e quasi tutte le sequenze sembrano scremate, asciugate e in fin dei conti impoverite facendo assumere ai personaggi una dimensione puramente riepilogativa (la senilità di Violet, la solitudine di Mary, le ambasce di Robert, il segreto di Cora, l’indecisione di Molesley, ecc).

Fa piacere salutare –nel corso della stessa settimana della troppo lunga cerimonia dei David (bravi registi, alcuni buoni film, qualche bluff e un solo capolavoro)- due esordi italiani che confermano la ventata d’ottimismo che –se non sulle presenze in sala- sta soffiando sulle produzioni autoctone, come Settembre della Steigerwalt, sceneggiatrice di punta della Groenlandia Film nonché compagna del suo patròn Rovere.

 

 

Downtown Abbey II – Una nuova era (Gran Bretagna)/Settembre (Italia) – Valerio Caprara – Blog ufficiale

2022-05-30

About Redazione

Check Also

‘Autobiografia di mio padre’, l’esordio narrativo della poetessa Gloria Vocaturo

“Autobiografia di mio padre” è l’esordio nella narrativa della poetessa Gloria Vocaturo, che ha voluto offrire ai lettori un’opera emozionante in cui ricorda l’amata figura paterna e in cui allo stesso tempo omaggia la sua intera famiglia, il perno attorno a cui ruota la sua esistenza. Il romanzo è narrato in prima persona dal padre dell’autrice, Romeo, anche se in realtà è lei stessa a donargli il fiato, le memorie e a riempire gli spazi vuoti; nonostante ciò è come se fosse proprio lui a parlare, mentre si trova in una dimensione trascendente molto vicina ai suoi cari, e anche a noi.

Exit mobile version