Breaking News
Home / Altri mondi / Santiago Ribeiro a Denver, Colorado e presso la Harmony Gallery Of University of Southern Indiana
Santiago Ribeiro a Denver

Santiago Ribeiro a Denver, Colorado e presso la Harmony Gallery Of University of Southern Indiana

Le opere dell’artista Santiago Ribeiro, intitolate “Butterflies” e “Surreal Mass Production”, sono state selezionate per essere esposte alla Detox Exhibition presso la Harmony Gallery della Southern Indiana University e al più grande incontro del mondo a Denver al World Mathematics alla Mathematical Art Exhibition presso il Colorado Convention Center Hall D, rispettivamente.

Santiago, mentore e promotore della più grande esposizione di surrealismo del 21 ° secolo nel mondo, International Surrealism Now, ha già numerose presenze in tutto il pianeta, come Berlino, Mosca, New York, Dallas, Los Angeles, Mississippi, Varsavia, San Pietroburgo, Nantes, Parigi, Londra, Pechino, Firenze, Madrid, Granada, Barcellona, Lisbona, Belgrado, Montenegro, Romania, Giappone, Taiwan, Brasile, Minsk, Nuova Delhi e Caltagirone in Sicilia e molte città in Portogallo a cui si unisce Denver in Colorado e New Harmony in Indiana.

La New Harmony Gallery of Contemporary Art, un programma di ampliamento dell’Università del Sud dell’Indiana, apre la mostra d’arte “Detox Exhibition”.

Detox è una mostra incentrata su arte ambientale, poesia e racconti. Si basa su aspetti di conservazione delle risorse naturali, cambiamenti climatici, riciclaggio e impronte di carbonio.

La mostra sarà compilata e pubblicata in un libro che sarà reso disponibile su Kindlee Amazon. Il ricevimento di apertura dello show è sabato 7 dicembre, dalle 16h alle 18h. L’esposizione si svolgerà dal 7 dicembre 2019 al 25 gennaio 2020. La galleria è aperta dal martedì al sabato dalle 10 alle 17. e domenica dalle 12h alle 16h.

Il più grande incontro di matematica del mondo sta arrivando a Denver! Al Colorado Convention Center Hall D.

La mostra di arte matematica è organizzata da Robert Fathauer, Tessellations Company, e Nathan Selikoff, Digital Awakening Studios, e supportata dal MAA Special Interest Group for Mathematics and Arts e dalla Bridges Organization. Una caratteristica popolare ai Joint Mathematics Meetings, questa mostra offre una pausa dalla tua giornata.

In mostra lavori di vari media di artisti e matematici di ispirazione matematica che usano l’arte visiva per esprimere il loro amore per la matematica. Topologia, frattali, poliedri e lato alato sono alcune delle idee in gioco qui. Non perdere questa opportunità unica di avere una prospettiva diversa sulla matematica. La mostra sarà collocata all’interno delle Mostre matematiche comuni e sarà aperta durante il periodo della mostra.

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Congo

Il ‘cuore di tenebra’ del Congo, tra Conrad, Conan Doyle e Gide

La morte dell’Ambasciatore Attanasio svela il dramma del Congo, terra martoriata, un incubo lì da oltre un secolo. Ne hanno scritto, con varia intensità, in tanti: da Conrad a Conan Doyle, da Gide a Pietro Savorgnan di Brazzà, il fondatore di Brazzaville. Il simbolo del Congo è l’Arcade du Cinquantenaire a Bruxelles. Commissionato da Leopoldo II nel 1880 per onorare i cinquant’anni dalla rivoluzione belga, fu realizzato nel 1905: trionfale è l’epiteto che gli calza a pennello. Che il simbolo dell’emancipazione del Belgio dal Regno Unito dei Paesi Bassi sia realizzato soggiogando uno dei paesi più ricchi dell’Africa oscura, è un paradosso crudele ed esemplare. “I profitti del Congo vennero usati per lanciare una grandiosa politica di opere pubbliche e di riqualificazione urbana. In Belgio, naturalmente. La magnifica Arcade du Cinquantenaire a Bruxelles, il famoso museo Tervuren, ampliamenti del palazzo reale, lavori pubblici a Ostenda, vari piani urbanistici: tutto fu finanziato dallo Stato libero del Congo” (John Reader, Africa. Biografia di un continente, Mondadori, 2001).