Breaking News
Home / Altri mondi / Santiago Ribeiro a Denver, Colorado e presso la Harmony Gallery Of University of Southern Indiana
Santiago Ribeiro a Denver

Santiago Ribeiro a Denver, Colorado e presso la Harmony Gallery Of University of Southern Indiana

Le opere dell’artista Santiago Ribeiro, intitolate “Butterflies” e “Surreal Mass Production”, sono state selezionate per essere esposte alla Detox Exhibition presso la Harmony Gallery della Southern Indiana University e al più grande incontro del mondo a Denver al World Mathematics alla Mathematical Art Exhibition presso il Colorado Convention Center Hall D, rispettivamente.

Santiago, mentore e promotore della più grande esposizione di surrealismo del 21 ° secolo nel mondo, International Surrealism Now, ha già numerose presenze in tutto il pianeta, come Berlino, Mosca, New York, Dallas, Los Angeles, Mississippi, Varsavia, San Pietroburgo, Nantes, Parigi, Londra, Pechino, Firenze, Madrid, Granada, Barcellona, Lisbona, Belgrado, Montenegro, Romania, Giappone, Taiwan, Brasile, Minsk, Nuova Delhi e Caltagirone in Sicilia e molte città in Portogallo a cui si unisce Denver in Colorado e New Harmony in Indiana.

La New Harmony Gallery of Contemporary Art, un programma di ampliamento dell’Università del Sud dell’Indiana, apre la mostra d’arte “Detox Exhibition”.

Detox è una mostra incentrata su arte ambientale, poesia e racconti. Si basa su aspetti di conservazione delle risorse naturali, cambiamenti climatici, riciclaggio e impronte di carbonio.

La mostra sarà compilata e pubblicata in un libro che sarà reso disponibile su Kindlee Amazon. Il ricevimento di apertura dello show è sabato 7 dicembre, dalle 16h alle 18h. L’esposizione si svolgerà dal 7 dicembre 2019 al 25 gennaio 2020. La galleria è aperta dal martedì al sabato dalle 10 alle 17. e domenica dalle 12h alle 16h.

Il più grande incontro di matematica del mondo sta arrivando a Denver! Al Colorado Convention Center Hall D.

La mostra di arte matematica è organizzata da Robert Fathauer, Tessellations Company, e Nathan Selikoff, Digital Awakening Studios, e supportata dal MAA Special Interest Group for Mathematics and Arts e dalla Bridges Organization. Una caratteristica popolare ai Joint Mathematics Meetings, questa mostra offre una pausa dalla tua giornata.

In mostra lavori di vari media di artisti e matematici di ispirazione matematica che usano l’arte visiva per esprimere il loro amore per la matematica. Topologia, frattali, poliedri e lato alato sono alcune delle idee in gioco qui. Non perdere questa opportunità unica di avere una prospettiva diversa sulla matematica. La mostra sarà collocata all’interno delle Mostre matematiche comuni e sarà aperta durante il periodo della mostra.

 

Omaggio all’artista

Facebook

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Cordusio_-64x34-cm-2021-olio-su-tela-740x474

Gian Marco Capraro. Da Milano a Copenaghen e ritorno con ironia e malinconia

Osservando le opere dell’artista milanese Gian Marco Capraro, vincitore dei premi Nutrire il pensiero, Accademia di Brera, Premio estate, Villa Moretti, Casaleggio Novara, Salon I, Museo della Permanente, Milano, si nota una evidente versatilità e desiderio di mostrare le varie sfaccettature della pittura e del colore, senza perdersi nelle sue visioni o inseguire nuovi fantasmi che fanno perdere la concentrazione su ciò che si sta lavorando. L’artista, laureato in filosofia e in pittura presso l’Accademia di Brera, erige la tecnica a medium ed è essa a condurlo verso l’opera finale senza lasciarsi trasportare da preconcetti o ideologie. Non a caso uno dei suoi punti di riferimento è lo scrittore Pier Vittorio Tondelli, che di ideologie proprio non voleva saperne, optando come fa Capraro per il minimalismo e l’antinaturalismo. Come il polacco Kantor, Capraro condensa diversi stili della storia dell’arte, concentrandosi soprattutto sul concetto di morte, sul degrado degli oggetti e degli esseri umani