Breaking News
Home / Altri mondi / ‘In guerra per amore’, il nuovo film di Pif dal 27 ottobre nelle sale
In guerra per amore, il nuovo film di Pif

‘In guerra per amore’, il nuovo film di Pif dal 27 ottobre nelle sale

Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, torna al cinema il 27 ottobre con la sua opera seconda, In guerra per amore, pellicola che ha per protagonisti lo stesso Pif e Miriam Leone. Questa la sinossi del film, che ha come sfondo ancora una volta la Sicilia: Arturo e Flora, sono i protagonisti di una complicata storia d’amore nell’epoca dello sbarco degli alleati del luglio 1943. Arturo e Flora vorrebbero sposarsi, ma non possono, poiché il padre di lei, ristoratore a New York, l’ha promessa ad un mafioso siciliano e l’unico modo per impedire questa unione è arruolarsi nell’esercito e tornare nella Sicilia da dove era partito per cercare fortuna in America.

La seconda opera di Pif

Dopo il successo di critica e pubblico La mafia uccide solo d’estate (2013), film appartenente al cosiddetto filone “civile”, “impegnato” della cinematografia, in bilico tra commedia e dramma, Pif torna dietro la macchina da presa con una commedia romantica che funge da pretesto per raccontare ancora una volta la mafia e, nello specifico, la sua ascesa, sullo sfondo della seconda guerra mondiale.

A Lamezia Terme, in occasione della sesta edizione di “Trame”, Festival dei libri sulle mafie, Pif ha presentato in anteprima nazionale il trailer di In guerra per amore, prodotto da Wildside con Rai Cinema, dichiarando: <<In guerra per amore racconta lo sbarco degli americani in Sicilia del 1943, evento di cui non si sa molto, è avvenuto un anno prima rispetto allo sbarco in Normandia. Io stesso non conoscevo questa storia, ho iniziato a studiarla circa due anni fa, mentre preparavo uno speciale Rai per i 70 anni della Festa della Liberazione, condotto da Fabio Fazio. In quell’occasione – ha raccontato Pif – ho fatto un collegamento proprio dalla spiaggia dove avvenne lo sbarco, nella zona tra Gela, Licata e Scoglitti, al sud della Sicilia. Lo sbarco degli americani in Sicilia nel ’43 è un episodio storico trascurato che ha segnato la storia del nostro paese>>.

In guerra per amore in anteprima al Festival di Roma 2016

Per realizzare In guerra per amore, che sarà presentato in anteprima al Festival di Roma, il regista siciliano ha raccolto diverse testimonianze di persone che all’epoca dello sbarco degli alleati erano bambini e abitavano in quei luoghi. E proprio dai documenti dei servizi segreti americani è emerso come la mafia fosse un loro interlocutore. Pif ha poi ammesso quanto sia stato difficile ricreare quei luoghi: <<Non volevo un paese dove altri registi siciliani avessero già girato i loro film (Montalbano e Tornatore), ho deciso quindi di inventare una cittadina che non esiste e ho scelto Erice, un paesino sopra Trapani, a 700 metri sopra il mare>>. Per girare le scene ambientate a New York è stato utilizzato il Cinecittà World, parco divertimenti alle porte di Roma. Il film risulta interessante anche dal punto di vista del linguaggo adottato dagli attori, i quali parlano palermitano, messinese e catanese, una sorta di esperanto siciliano. Oltre a Pif che veste i panni di un soldato squattrinato e all’ex Miss Italia Miriam Leone nel ruolo della sua amata, gli altri attori che figurano del film sono: Stella Egitto, Andrea Di Stefano, Maurizio Marchetti e Domenico Centamore.

Un lavoro certosino dunque quello dell’ex provocatore TV ed assistente alla regia di Franco Zeffirelli e Marco Tullio Gordana che nel 2013 ha sorpreso tutti con la sua originale opera prima; siamo certi che Pif non deluderà nemmeno questa volta, con questa sorta di prequel de La mafia uccide solo d’estate.

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Cordusio_-64x34-cm-2021-olio-su-tela-740x474

Gian Marco Capraro. Da Milano a Copenaghen e ritorno con ironia e malinconia

Osservando le opere dell’artista milanese Gian Marco Capraro, vincitore dei premi Nutrire il pensiero, Accademia di Brera, Premio estate, Villa Moretti, Casaleggio Novara, Salon I, Museo della Permanente, Milano, si nota una evidente versatilità e desiderio di mostrare le varie sfaccettature della pittura e del colore, senza perdersi nelle sue visioni o inseguire nuovi fantasmi che fanno perdere la concentrazione su ciò che si sta lavorando. L’artista, laureato in filosofia e in pittura presso l’Accademia di Brera, erige la tecnica a medium ed è essa a condurlo verso l’opera finale senza lasciarsi trasportare da preconcetti o ideologie. Non a caso uno dei suoi punti di riferimento è lo scrittore Pier Vittorio Tondelli, che di ideologie proprio non voleva saperne, optando come fa Capraro per il minimalismo e l’antinaturalismo. Come il polacco Kantor, Capraro condensa diversi stili della storia dell’arte, concentrandosi soprattutto sul concetto di morte, sul degrado degli oggetti e degli esseri umani