Breaking News
Home / Altri mondi / ‘Le confessioni’: la metafisica di Andò
Le confessioni film
Le confessione è il nuovo film di Roberto Andò

‘Le confessioni’: la metafisica di Andò

Le confessioni di Roberto Andò è un film da vedere in primis per la classe che ancora una volta dimostra il regista siciliano nello stare dietro la macchina da presa, il quale attinge alla letteratura di Sciascia e Calvino e al cinema di Tornatore e Petri. Dopo il successo dello spiazzante comico-politico Viva la libertà (2013), in questo suo ultimo film, uscito nelle sale lo scorso 21 aprile, Andò si ispira proprio a Todo modo di Leonardo Sciascia oltre che alle Confessioni di Sant’Agostino per raccontarci gli assiomi della finanza e i dubbi riguardo la fede e lo spirito.

Le confessioni: trama, contenuti e stile del film

In un resort di lusso in Germania, sul mar Baltico, a bordo di una distesa d’acqua gli otto ministri economici del G8 soggiornano in attesa dell’incontro che deciderà il futuro del mondo occidentale, incontro che ha in programma una manovra segreta che potrebbe sconvolgere l’economia mondiale cambiando la storia in maniera drastica. Alla guida del summit c’è Daniel Roché, direttore del Fondo monetario internazionale, che ha invitato anche tre ospiti estranei al mondo dell’economia: una scrittrice di best seller per bambini che sposa la causa di una onlus umanitaria, una rock star e perfino un monaco certosino italiano, Roberto Salus. Roché chiede al religioso, votato al silenzio e alla povertà, di ascoltare la sua confessione, e subito dopo viene trovato morto. Morte per un malore, suicidio o omicidio? Come comunicarla al pubblico? Gli altri partecipanti si chiedono se e come si debba proseguire con la manovra che i ministri avrebbero dovuto varare nel corso dell’incontro.

Roberto Andò avvolge il suo thriller metafisico, traendo spunto da un input narrativo originale, in una rarefatta atmosfera dai toni polanskiani nella ripresa delle inquadrature: il tragico evento rompe l’equilibrio iniziale e fasullo del film e da questo momento comincia la battaglia sulla custodia di Salus del segreto di  una confessione, sottolineata dalla notazione claustrofobica che incute un senso di inquietudine e curiosità nello spettatore. Cercando di scardinare i misteri che si celano dietro il potere, il regista costringe i suoi personaggi allo studio e all’osservazione reciproca attraverso i loculi; rifacendosi a Il Divo di Sorrentino, anche ne Le confessioni i potenti di turno si confrontano non solo tra di loro ma anche con la propria dimensione etica che stride con il loro ruolo, in uno spazio asettico. E infatti il terreno dove gioca Andò è proprio quello della morale rappresentato da Salus, monaco enigmatico e privo di sguardi e intenti inquisitore, il quale si limita solamente a raccogliere il senso di impotenza e l’incapacità dei potenti del mondo a portare i loro Paesi fuori dalla crisi.

Sospesa tra reale metafisico, la regia di Andò risulta molto poetica e purtroppo cade in un reiterato susseguirsi di metafore troppo semplicistiche, citazioni e massime ad effetto, complice anche al ritmo troppo statico della pellicola che ad un certo punto mette il freno a mano e sembra accontentarsi del pronunciare l’assunto: alla fine è tutto un complotto degli americani! Degna di nota l’interpretazione di Toni Servillo nel ruolo del certosino di bianco vestito accanto a Pierfrancesco Favino, Connie Nielsen, Marie-Josée Croze, Moritz Bleibtreu, Daniel Auteuil, Julian Ovenden e Lambert Wilson.

 

 

cinema italiano Le confessioni Roberto Andò Toni Servillo Viva la libertà 2016-04-27

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.
Previous La ragazza che toccava il cielo, di Luca Di Fulvio
Next Valeria Serofilli e il suo Ulisse atipico

Check Also

Gian Marco Capraro. Da Milano a Copenaghen e ritorno con ironia e malinconia

Osservando le opere dell’artista milanese Gian Marco Capraro, vincitore dei premi Nutrire il pensiero, Accademia di Brera, Premio estate, Villa Moretti, Casaleggio Novara, Salon I, Museo della Permanente, Milano, si nota una evidente versatilità e desiderio di mostrare le varie sfaccettature della pittura e del colore, senza perdersi nelle sue visioni o inseguire nuovi fantasmi che fanno perdere la concentrazione su ciò che si sta lavorando. L’artista, laureato in filosofia e in pittura presso l’Accademia di Brera, erige la tecnica a medium ed è essa a condurlo verso l’opera finale senza lasciarsi trasportare da preconcetti o ideologie. Non a caso uno dei suoi punti di riferimento è lo scrittore Pier Vittorio Tondelli, che di ideologie proprio non voleva saperne, optando come fa Capraro per il minimalismo e l’antinaturalismo. Come il polacco Kantor, Capraro condensa diversi stili della storia dell’arte, concentrandosi soprattutto sul concetto di morte, sul degrado degli oggetti e degli esseri umani

Exit mobile version