Breaking News
Home / Eventi / Premio Procida Isola di Arturo Elsa Morante, XXIX edizione
Premio Procida edizione 2016

Premio Procida Isola di Arturo Elsa Morante, XXIX edizione

Il Premio Procida è giunto alla XXIX edizione. Nel febbraio 1986 a pochi mesi dalla scomparsa di Elsa Morante, il Comune di Procida istituiva il Premio Procida Isola di Arturo Elsa Morante. L’iniziativa è nata dall’impegno dell’Assessorato alla Cultura dell’isola ispirato dalla potessa e scrittrice romana Gabriella Sica, assidua frequentatrice dell’isola, dal critico letterario Walter Pedullà, da Paolo Volponi, scrittore, poeta e politico e da Jean Noel Schifanò, traduttore della Morante in Francia.

Il Premio del comune di Procida è andato avanti con alterne vicende per due decenni ospitando nomi importanti della cultura letteraria ma anche del cinema, della musica, del giornalismo come Mario Martone, Carlo Verdone, Cristina Comencini, Riccardo Muti, Uto Ughi, Nicola Piovani, Alberto Asor Rosa, Paolo Mieli. Nel 2015, dopo alterne e avverse vicende, è stato recuperato lo spirito originario del Premio. Il Premio Procida Isola di Arturo Elsa Morante giunto quest’anno, nella sua rinnovata veste, alla XXIX edizione vuole essere un riflettore sui nuovi talenti e su quella letteratura che, pur meritandolo, resta a volte ai margini.

Nella sua XXIX Edizione il Premio ha deciso di istituire oltre alla sezione narrativa, un premio “Mare” da assegnare ad un’opera monografica di stampo storico, antropologico, sociologico, o un saggio giornalistico, un reportage inerente alla conoscenza e/o alla rappresentazione della vita di mare in generale nel Mediterraneo o nelle sue isole in particolare.

Quest’anno la giuria tecnica del premio viene rinnovata con otto nuovi membri: professori universitari, studiosi della scrittrice romana critici, saggisti, giornalisti, librai. Tra i nomi Gabriele Pedullà in qualità di presidente, Giovanna Rosa, Silvia Acocella, Loredana Lipperini, Filippo La Porta, Paolo Peluffo, Salvatore Di Liello, Fabio Masi e Gilda Policastro. Una giuria esperta che ha proposto nomi ed autori del recente panorama letterario italiano. Quest’anno il Premio Procida si avvale inoltre di una partnership prestigiosa: la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, punto di riferimento per i manoscritti di Elsa Morante. Alla giuria tecnica verrà affiancata una giuria popolare a cui si dovrà la selezione del vincitore del premio.

A metà Settembre le due giurie, quella tecnica e quella popolare, sceglieranno il vincitore per la sezione Narrativa tra gli autori della terna dei finalisti :

Il grande animale, di Gabriele Di Fronzo edizioni Nottetempo (primo romanzo dell’autore)

-Il cinghiale che uccise Liberty Valance, di Giordano Meacci edito da Minimum fax (già nella cinquina finalista del Premio Strega 2016)

Neve, cane, piede, di Claudio Morandini edito da Exòrma

Non resta che augurare buona fortuna ai tre finalisti e aspettare la serata della proclamazione.

 

 

 

cane Elsa Morante eventi culturali Il cinghiale che uccise Liberty Valance Il grande animale Neve piede Premio Procida 2016 2016-08-16

About Michela Iovino

Le parole aiutano la "coraggiosa traversata" della realtà, così scrisse una volta Elsa Morante. Lo credo anche io, fermamente, per questo scrivo. Amo l'arte, la musica classica, il cinema e in particolar modo la letteratura, che è essenziale punto d'appoggio. Nei frattempo della vita colleziono storie, forse un giorno ne scriverò qualcuna!
Previous ἐλπίς, l’eco maledetto della Speranza, di Federica Marcucci
Next Addio ad Arthur Hiller, regista di ‘Love Story’

Check Also

Mostra museale d’arte sacra a Castiglione Olona dal 12 dicembre al 9 gennaio

Dodici opere d'arte antiche che ripercorrono i fasti e la maestria dei grandiosi Maestri italiani dal 1400 al 1750 sulla tematica della natività, della famiglia e la nascita di Cristo. Opere cariche di patos, atmosfera e colori sfumati o cangianti che donano magia all'osservatore che si perde con il suo sguardo e la propria anima nel vortice delle emozioni legati al tema del sacro che lo porterà a completare tale percorso artistico grazie al gemellaggio con i 600 anni della Basilica della Collegiata sita a poche centinaia di metri sulla cresta della collina che l'accoglie ove il Geniale Masolino Da Panicale affrescò la vita di San Giovan Battista e come in un virtuale passaggio dello scettro dell'arte attraverso i secoli il pubblico potrà ammirare l'unica opere contemporanea del Maestro italiano Milo dal titolo “Omaggio alla Vergine delle Rocce” unico dipinto scelto a livello nazionale per rappresentare tale prezioso evento.

Exit mobile version