Breaking News
Home / Eventi / ‘Romeo e Giulietta’ all’Anfiteatro Campano il 17 e 18 settembre
Romeo e Gulietta

‘Romeo e Giulietta’ all’Anfiteatro Campano il 17 e 18 settembre

Quando dopo il Sogno, si legge Romeo e Giulietta, par di non essere usciti da quell’ambiente poetico, al quale espressamente ci richiamano Mercutio, col suo ricamo fantastico sulla Regina Mab, e, quel che è più, lo stile, le rime e la generale fisionomia della breve favola. Tutti, parlando di Romeo e Giulietta, hanno provato il bisogno di ricorrere a parole e immagini soavi e gentili; e lo Schlegel  vi ha sentito «i profumi della primavera, il canto dell’usignuolo, il delicato e fresco di una rosa mo’ sbocciata», e lo Hegel ha pensato allo stesso fiore: alla «molle rosa nella valle di questo mondo, spezzata dalle rudi tempeste e dall’uragano»; ed il Coleridge, di nuovo, alla «primavera coi suoi odori, i suoi fiori e la sua fugacità». Tutti lo hanno considerato come il poema dell’amor giovanile, e hanno riposto l’acme del dramma nelle due scene del colloquio d’amore attraverso il notturno giardino e della dipartita dopo la notte nunziale, nelle quali è stato scorto da taluni il rinnovarsi di forme tradizionali della poesia d’amore, l’«epitalamio» e l’«alba». (Benedetto Croce)

 

I giorni sabato 17 e domenica 18 settembre, alle ore 19 e alle ore 21 (due repliche dello spettacolo), presso l’anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere, nell’arena Spartacus, si terrà l’ennesima performance teatrale che vede come protagoniste le due famiglie storicamente nemiche dei Montecchi e dei Capuleti, ossia la celebre Romeo e Giulietta. L’iniziativa, promossa per favorire il turismo culturale nel nostro territorio, è anteprima della seconda edizione del Festival della letteratura I am Spartacus. A mettere in scena l’opera sicuramente più conosciuta di William Shakespeare è la compagnia teatrale, Il Demiurgo che, in modo innovativo e del tutto originale, promuove l’approccio alla conoscenza e alla scoperta del nostro patrimonio artistico.
Proprio per questo motivo, il fondatore della compagnia, Franco Nappi, ci tiene a precisare che il costo del biglietto, pari a 15 euro, è un incentivo a partecipare a queste due serate dedicate alla cultura in un contesto più ampio che permetterà agli ospiti di vivere a trecentosessanta gradi quest’esperienza grazie anche alla presenza di Amico Bio (primo ristorante biologico nato in un sito archeologico che gestisce l’arena Spartacus) e al resto delle iniziative, enogastronomiche e non solo, collegate all’evento. Evento in cui pubblico e personaggi saranno in simbiosi, quasi come se Shakespeare accompagnasse gli spettatori e li invitasse a salire sul palco, fianco a fianco ai grandi protagonisti. Questo assieme a delle musiche scelte accuratamente e affidate alla bravura del violoncellista Luigi Visco, della soprano Ester Esposito e del flautista Antonio Ferraro. Suoni suggestivi e atmosfere che ci rimandano indietro nel tempo.
Rievoca alla perfezione questo periodo storico anche la selezione dei costumi, a cura di Monica Fiorito e della sartoria napoletana Artinà. Ci si è avvalsi, inoltre, dell’aiuto di Marco De Filippo per quanto riguarda la coreografia dei duelli.
Alessandro Balletta e Roberta Astuti sono rispettivamente Romeo e Giulietta. Andrea Cioffi, invece, è Mercuzio mentre Massimo Polito interpreta Tebaldo, in questo valido cast di attori.

A rendere ancora più entusiasmante la partecipazione del pubblico, un William Shakespeare narrante, il regista Franco Nappi, al quale spetterà il compito di narrare le vicende introducendo i personaggi.

In quest’occasione, sarà possibile visitare l’anfiteatro e l’antica Capua (dunque il museo archeologico, il museo dei gladiatori ed il Mitreo) e deliziarsi con le specialità della ristorazione biologica e biodinamica. Per gli amanti delle gite fuori porta, il bio resort La Colombaia ha pensato a convenienti pacchetti per un tour turistico, ogni week-end di settembre ed ottobre.
Null’altro d’aggiungere per presentare un evento che ci fa riflettere sul concetto di letteratura immortale grazie ad un capolavoro che, a distanza di secoli, continua ad essere letto, studiato, interpretato e continua ad emozionare il lettore da ogni punto di vista.
alessandro balletta eventi culturali franco nappi Romeo e Giulietta William Shakespeare 2016-09-12

About Anna Vitiello

Sono laureata in Lettere e Filosofia. Ho sempre scritto per diverse testate. Alcune mie poesie sono state pubblicate nell'antologia ''Di tanta rabbia''. Attualmente scrivo per il Wall Street International Magazine, dove mi occupo delle sezioni ''cultura'' e ''viaggi''. Vivrei viaggiando, con il cuore sempre ad Est e i miei quaderni.
Previous ‘Conforme alla gloria’ di Paolin: il marchio del male
Next ‘Fatti di Petra’ di Savarese: la vita romanzata di una città

Check Also

Al via il premio letterario “Città di Castello”, XV edizione

Il Premio Letterario “Città di Castello” è una manifestazione annuale riservata agli scrittori di ogni fascia d’età, che si pone l’obiettivo di promuovere e incentivare la passione per la scrittura e per la lettura fra i cittadini di ogni estrazione sociale e culturale. Un progetto di altissimo profilo e di indubbio respiro internazionale, tanto da diventare nel corso degli anni uno dei concorsi letterari di riferimento nel panorama culturale del nostro Paese, a cui partecipano centinaia di scrittori provenienti da ogni regione italiana e anche dall’estero. Fin dalla prima edizione nel 2007, il Premio Letterario “Città di Castello” ha posato le proprie basi su una giuria altamente qualificata e professionale, da sempre presieduta da Alessandro Quasimodo, critico letterario, attore e regista teatrale. Il Premio è riservato a opere inedite, che dovranno essere tali sia al momento dell’iscrizione (entro e non oltre il 30 giugno 2021) che al momento della premiazione finale (il 30 ottobre 2021), ed è suddiviso in tre sezioni: Narrativa, Poesia e Saggistica.

Exit mobile version