Breaking News
Home / Opere del '900 / Best seller / John Grisham: “Il momento di uccidere”
immagine copertina il momento di uccidere

John Grisham: “Il momento di uccidere”

“Il momento di uccidere” (del 1989) è l’opera prima dell’autore statunitense, John Grisham, ambientato nello stato del Mississippi nella Ford County intorno agli anni ottanta e che costituisce un classico esempio di legal thriller, ovvero un giallo giudiziario dove particolare importanza rivestono avvocati e giudizi, avendo a che fare con crimini e quindi processi.

“E se qualcuno violentasse vostra figlia? Cosa fareste? Quale sarebbe la vostra giustizia?”  Questa è  la domanda che avvolge tutto il romanzo. Pagine e pagine, parole forti e ancora attuali, lo saranno sempre. Una bambina indifesa, sogni raccolti in un volto tumefatto, in un’ innocenza strappata, portata via, rubata senza alcuna colpa.

Grisham, nel suo romanzo d’esordio, ci porta tra razzismo, desiderio di vendetta, una rabbia che brucia l’anima, che non lascia scampo, che non lascia possibilità di decidere. Perché la strada da percorrere  è una, non potrebbe essere altrimenti. Un padre che sceglie da se la propria giustizia, un padre, Carl Lee Hailey, che non può restare in silenzio, nell’attesa di quella giustizia che, forse, non si compirà mai.

E allora? Ancora quella domanda. “E se due neri violentassero vostra figlia? Cosa fareste?” Una domanda che, ancora oggi, non avrà mai una risposta giusta o sbagliata.

Una domanda che lascia nella mente una paura che ruba sonni tranquilli, il desiderio di proteggere un volto innocente. E se fossimo stati Carl Lee, e se fosse stata nostra figlia?

Il dibattito sulla pena di morte, il pregiudizio razziale, il sottile e spinoso confine tra giustizia e vendetta, “la giustizia fai da te” il ruolo dei mass media, l’importanza dell’opinione pubblica:  ono tutte tematiche care a Grisham e che svilupperà anche nei suoi successivi best seller: “Il socio”, “Il rapporto Pelican”, ” L’appello”, “La giuria”. Lo scrittore è uno spettatore neutrale, ed effettua un’attenta riflessione su tutti gli aspetti che riguardano una delle pagine più scottanti e contraddittorie dell’ America del sud attraverso  scontri verbali tra gli avvocati ed evoluzione dei caratteri e degli atteggiamenti dei personaggi. Ne risulta un libro avvincente e coinvolgente, in cui il lettore si immedesima, l’autore dà grande prova di conoscere la materia (sebbene la maggior parte delle pagine del romanzo siano occupate dai pensieri e dalle emozioni  dei personaggi) essendo laureato in legge ed avendo praticato la professione di avvocato penalista per nove anni. La soluzione del giallo è nelle sue ultime pagine (come ogni romanzo di Grisham del resto). Intrigante e brutale, tra tutti spicca anche la personalità brillante ed ambiziosa dell’avvocato della difesa.

La giustizia privata può riparare il fallimento delle giustizia legale?La questione è sempre più attuale e problematica quando si mettono di fronte l’austerità, il diritto, la razionalità e la freddezza della legge e il sentimento, l’emotività  delle persone coinvolte che purtroppo molto spesso vedono i colpevoli delle vittime restare impuniti.

About Gabriella Monaco

Check Also

Le due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329, € 18). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati. Ma l’infanzia finisce e l’adolescenza stravolge tutto, Lila non può proseguire gli studi perché i genitori sono troppo poveri. Solo Lenù continuerà la scuola e sarà l’unica sua ricchezza, l’unica forza. E se per un po’ Lila tenta di starle dietro studiando latino e greco sulla panchina del giardino pubblico, e divorando romanzi presi in prestito nella biblioteca della scuola, ben presto comincerà a infuocarsi per altro, ad esempio per la politica che sembra finalmente dare “motivazioni concrete, facce comuni al clima di astratta tensione” che avevano respirato nel quartiere. “Il fascismo, il nazismo, la guerra, gli Alleati, la monarchia, la repubblica, lei li fece diventare strade, case, facce, don Achille e la borsa nera, Peluso il comunista, il nonno camorrista dei Solara, il padre Silvio, fascista peggio ancora di Marcello e Michele, e suo padre Fernando lo Scarparo, e mio padre, tutti tutti tutti ai suoi occhi macchiati fin nelle midolla da colpe tenebrose”. Quelle di Lila sono passioni brucianti che si consumano in un baleno. Ma se la scuola non è più per lei un modo per mostrare al mondo quel suo stile da fuoriclasse nel frattempo Lila è diventata bella, sensuale e corteggiatissima, sempre al centro dell’attenzione, immischiata più che mai nei meccanismi violenti del rione, tra spasimanti, fidanzati, fratelli, progetti imprenditoriali per arricchire la famiglia e un matrimonio ambiguo tra amore e convenienza. Questa è la storia dell’evolversi della vita attorno a quella stretta di mano nata durante l’infanzia. Le bambine crescono, cambiano, si osservano, si invidiano, si stimano, si amano. Sono l’una l’amica geniale dell’altra, lo specchio dentro cui osservare se stesse e la povertà di Napoli. Contro ogni aspettativa Lila, ribelle e fulminante, sembra affondare sempre più le sue radici tra i palazzi del quartiere, Lenù invece, nella sua insicura pacatezza comincia a desiderare di diventare altro, volare via. Non è questo un romanzo dalle grandi rivelazioni, di quella violenza del sud incancrenita e tramandata di generazione in generazione s’è già parlato molto, da Sciascia fino a Saviano. Eppure la scrittura luminosa di Elena Ferrante imbriglia la lettura e la trascina. E la storia è viva più che mai, le due ragazzine crescono sotto i nostri occhi con tutte quelle sfumature psicologiche che danno un’impronta profonda alla narrazione. La casa editrice e/o ha annunciato per i prossimi mesi altri volumi di Elena Ferrante sulla giovinezza, la maturità e la vecchiaia delle due amiche ‘geniali’. Sarà un raro esempio di romanzo di formazione italiano?

‘L’amica geniale’: il romanzo del ricordo sulle età della vita, di Elena Ferrante

Due bambine si tengono la mano su per la scala buia e polverosa della vita. Il loro mondo è quello di un rione povero di Napoli, pare un paese sperduto, la città è appena dietro la collina ma sembra già un’altra realtà. Nelle strade, fra i palazzi la voce della violenza impesta l’aria, memorie di tempi lontani che affondano le radici ben prima della nascita delle due protagoniste di quest’ultimo libro di Elena Ferrante, L’amica geniale (edizioni e/o, pp. 329). L’infanzia di Lila e Lenù è un’infanzia di brutalità, di pietre in faccia, di sangue, di urla contro i genitori, di voli fuori dalla finestra scaraventate da padri imbufaliti. I bambini riproducono i comportamenti degli adulti, delle proprie famiglie, l’odio si rigenera nei figli eppure una strada alternativa sembra spalancarsi di fronte alle due ragazzine: la scuola, se sei bravo, se brilli la maestra ti apprezzerà e così l’intero rione, e chissà, forse potrai andare via, scrivere un romanzo e diventare ricco e famoso. E Lila era bravissima, aveva imparato a leggere da sola, sapeva fare i conti a mente a una velocità fulminea, pur essendo ribelle e fastidiosa in classe. Noi la guardiamo crescere attraverso gli occhi dell’amica Lenù, voce narrante, che la trova talmente intelligente che i suoi sentimenti d’affetto si mescolano spesso all’invidia e a un senso d’inferiorità e d’impotenza. Lenù è la ragazzina buona e diligente che non ha nulla di quel demone geniale che scorge così potente nella sua amica. Tenta di starle dietro, studia solo per cercare di superarla. Tutto inutile, Lila è troppo. Almeno Lenù si sente bella, è bionda e paffuta, Lila invece no, è così magra che sembra rachitica, con quei capelli neri sempre arruffati.