Breaking News
Home / Opere del '900 / Leonel Rugama, il poeta bandito di Dio, ucciso a vent’anni
Rugama

Leonel Rugama, il poeta bandito di Dio, ucciso a vent’anni

Preferì la via della giungla, e iniziò a scrivere versi. La storia di Leonel Rugama affascina per disparità: non aveva il fisico del guerrigliero, la postura del rivoluzionario, l’estro per la violenza. Al contrario, lo ricordano sorridente ma pudico, gentile; se si trattava di giocare alla guerra, deponeva l’arma giocattolo, rifiutava.

Aveva un certo talento nel gioco degli scacchi; curava il corpo perché fosse teso come una corda; correva ripetendo i Salmi; aveva una Bibbia in tasca e la fede nella lotta. O meglio, come disse, più tardi, redigendo una sorta di agiografia, il suo direttore spirituale, “la fede si era accresciuta nella lotta”.

Nato nel 1949 a Estelí, Nicaragua, da un falegname e da una maestra, Rugama si fa grande nel seminario di Managua. La tonaca non gli piaceva: un amico ricorda che più che un prete pareva un karateka. Non disse mai alla famiglia perché avesse scelto di lasciare il seminario. Il giovedì si recava all’adorazione del Santissimo. Leggeva il Vangelo a messa, la domenica. Camminava con la Bibbia, il solo libro che portò con sé, in clandestinità”, ha scritto di lui Ernesto Cardenal, il poeta, il teologo, il presbitero.

Per Rugama la poesia era un contributo alla lotta, la Bibbia l’attributo del guerriero. “Poco prima di morire, Rugama disse di voler formare un gruppo di poeti guerriglieri”, scrive Antiniska Pozzi, che alla Vita breve e poesia del rivoluzionario Leonel Rugama dedica un servizio nell’ultimo numero di “Poesia” (Luglio/Agosto 2021). 

Insegnava matematica, pubblicò le prime poesie su “La Prensa Literaria”: una di questa, La Tierra es un satélite de la Luna, risuonò come un inno. In quella poesia, Rugama ragiona su una disparità ai suoi occhi devastante: la spesa per costruire i razzi del “programma Apollo” e atterrare sulla Luna, in contrasto con la fame, crudele, patita dalla sua gente; la feroce distanza tra il Sud dell’America e il Nord.

“Beati i poveri perché sarà loro la luna”, canta Rugama, in versi convenzionali, che hanno l’impeto dell’invettiva, il tono da profeta nella giungla. Le poesie in cui rievoca la sua infanzia sono più riuscite, scorrono, come acqua tra le dita:

“A volte facevo cadere la matita o il quaderno per guardare le gambe della maestra/ (La maestra leggeva i fiumi del Guatemala/ o spiegava la divisione a tre cifre)…/ Tutti amavano la maestra/ ma la maestra ha sposato un uomo”. In questo ha ragione Cardenal, “Mi sembra il solo poeta al mondo che scriva come un ragazzino, perché è stato ragazzino fino alla morte”.

La morte, appunto, è la ragione per cui si ricorda Rugama, il rivoluzionario poeta, più che il poeta rivoluzionario. Arso da un candido senso di giustizia, brandiva il Vangelo come un fuoco, Rugama: si affiliò al Fruente Sandinista de Liberación Nacional, credeva che tra fare il sacerdote e il bandito non ci fosse differenza, entrambi, in effetti, lottano contro il mondo, si ribellano ai cesari, ai poteri della terra, al mondano e all’immondo. I sandinisti, d’altronde, avevano bisogno di esaltati.

Dormiva dove lo portava la provvidenza rivoluzionaria, senza timore di schiacciare il muso alle stelle; mangiava da chi gli dava ospitalità; si riteneva un autentico discepolo, di quelli che guariscono dal male, portano la buona novella, traducono il veleno in miele.

Il 15 gennaio del 1970, a Managua, Leonel Rugama e due compagni furono beccati dalla Guardia Nacional del Presidente Somoza. Rugama era il più anziano, aveva vent’anni; i compagni Róger Núñez Dávila e Mauricio Hernández Baldizón avevano 18 e 19 anni. Morirono rifiutando la resa. “Erano circondati da un battaglione scelto: jeep, mitraglie, carri armati, fucili di precisione, c’erano anche un elicottero e un aereo, a intercettare una possibile fuga”.

Un esercito contro tre ragazzi. Secondo l’agiografia, il seminarista rivoluzionario Rugama, quando il generale della guardia somozista gli intima di consegnarsi, risponde, “Che si arrenda tua madre!”. Segue il frastuono dei colpi, cicaleccio di morte.

 

Epitaffio

Qui giacciono

i resti mortali

di chi in vita

ha cercato senza sollievo

a uno

a

uno

il tuo volto

su tutti

gli autobus urbani.

 

Fonte

https://www.lintellettualedissidente.it/controcultura/letteratura/leonel-rugama-ritratto-poesie/

Ernesto Cardenal La Prensa Literaria Leonel Rugama Nicaragua poesia sudamericana 2021-07-30

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.
Previous ‘Némésis Médicale’ di Ivan Illich. “L’eliminazione del dolore, dell’infermità, delle malattie e della morte è un obiettivo nuovo che fino ad ora non aveva mai servito come linea di condotta per la via di una società”
Next Ritrovamenti eccellenti. Nella Real Biblioteca di Madrid rinvenuti Madrigali autografi di Torquato Tasso a Carlo Gesualdo dallo studioso italiano Diego Perotti

Check Also

‘L’Angelo veste sado’: il giallo di Silvia Alonso finalista al Premio Nabokov 2020-2021

L’Angelo veste sado, edito da Brè Edizioni, è il secondo romanzo di Silvia Alonso, pseudonimo di Silvia Aonzo. La scrittrice è un avvocato civilista milanese. Dopo la brillante formazione umanistica e una borsa di studio Erasmus a Parigi si specializza in diritto internazionale ed abbraccia giovanissima la carriera forense.

Exit mobile version