Breaking News
Home / Pensieri&frammenti / ‘Lo spirito del Natale’, la silloge inedita di Valeria Serofilli
Natale

‘Lo spirito del Natale’, la silloge inedita di Valeria Serofilli

Pubblichiamo di seguito l’inedita poesia di Valeria Serofilli, Lo spirito del Natale, augurando ai nostri lettori un sereno Natale 2019 all’insegna della ricerca del vero spirito natalizio, da rinnovare in maniera autentica e con lo spirito piuttosto che con addobbi e abeti di plastica, come ci suggerisce l’autrice toscana, mettendo in contrapposizione il materialismo quasi mortifero del Natale consumistico al Natale vitale e luminoso da coltivare tutto l’anno.

LO SPIRITO DEL NATALE

Lo spirito del Natale bussava bussava:
è qui che mi avete cercato
mentre farcivate panettoni in stanze ammuffite
impastando uova rancide per stanchi creme caramel?
È qui che mi avete cercato
mentre confezionavate surgelati bouquet
dagli steli già morti
addobbando abeti di plastica con spente candele?
O appendendo distratti
scoloriti cotillon
tra luci già fulminate
imbastendo scontati presepi?

Bussava bussava lo spirito del Natale:
è qui che mi avete cercato
mentre riciclavate regali in carte sgualcite
confezionando bambole
d’incrinati biscuit?

È qui che mi avete cercato
per i vostri usurati natali?

Eccomi, arrivo:
ad accendervi il cuore
ad addobbarvi la vita
illuminandovi
in questo giorno non soltanto.

Valeria Serofilli, poesia inedita sul Natale
17 dicembre 2019

Tutti i diritti riservati. Legge sul diritto d’autore (L. 633/1941)

Batale
Casa Serofilli

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Serofilli

Racconti brevi della scrittrice Valeria Serofilli

Ride l'americana di colore in sovrappeso sotto al mio balcone.  Una risata sana, grassa come lei, orgasmica, che dire? Il primo passo verso la felicità. Di fronte a lei un'altra americana, altrettanto grossa ma bionda. Risate che suonano anacronistiche in questo periodo di pandemia ma che è come se salissero al cielo, lame di luce a penetrare le nubi per poi ricadere salvifiche su reparti asettici, o almeno dovrebbero, di ospedali, e a rischiarare il grigiore dell'asfalto di strade semivuote.  E' il primo racconto breve di Valeria Serofilli