Breaking News
Home / Pensieri&frammenti / ‘Vigore’, il giogo dell’omissione
Vigore poesia di Donatella Conte

‘Vigore’, il giogo dell’omissione

Vigore 

Si trascorre un pomeriggio tra la sensazione del non detto
e quella fiera del
detto tardi.
Un caffè è un sintomo di resistenza
e la pioggia,
quella non riesce proprio a farmi avvincere.
Tu che ti aggrappi alla mia fuggevole
sicurezza d’onda
io di vigore esalto
la tua viltà.
Di me, chi sei?
deuteragonista
mercenario dell’ovvio,
l’antagonista del giogo?

donatella conte lirica contemporanea poesia contemporanea poesia del '900 vigore 2016-05-05

About Donatella Conte

Previous ‘Le lacrime di Nietzsche’, di Irvin Yalom
Next Augias e i boccoli di Fortuna

Check Also

‘La ciambella rosa’. Un breve racconto di Valeria Serofilli per l’inizio dell’estate

Proponiamo per l'inizio dell'estate 2021 un racconto breve dell'autrice pisana Valeria Serofilli, dal titolo "La ciambella rosa"

Exit mobile version