Breaking News
Home / Segnalazioni libri / ‘Al Presente, tutto’: Luca Giuman torna in libreria con il suo terzo libro

‘Al Presente, tutto’: Luca Giuman torna in libreria con il suo terzo libro

Al Presente, tutto, edito dalla casa editrice Il Ciliegio, è il terzo libro di Luca Giuman.

Nato a Veneria, classe 1982, Giuman, ha studiato a Padova, Madrid e Parigi. Ha lavorato come esperto di sviluppo internazionale e diritti umani con le Nazioni Unite in Palestina, Nepal, Haiti e in vari paesi dell’America Latina e dei Caraibi. Ha vissuto a lungo in Honduras e in Colombia, dove risiede attualmente con la moglie e i due figli. Come consulente ha contribuito a programmi per i diritti delle donne in Messico, Guatemala ed Equador, e ha collaborato come reporter per la Revista Semana in Bolivia e Venezuela. Ha all’attivo due romanzi: Ho imparato a uccidere a vent’anni (Città del sole, 2011) e Giù dal cielo la mia anima (La Vita Felice, 2015).

Al Presente, tutto: Sinossi

Al Presente
Copertina del Libro

Al Presente, tutto esce per la collana Narrativa lo scorso 17 novembre.

Esperto di sviluppo internazionale e diritti umani con le Nazioni Unite in Palestina, Haiti e in vari paesi dell’America Latina e dei Caraibi, Giuman ci porta in Honduras, nel giugno del 2009, quando il Presidente viene arrestato e detenuto dai militari per essere poi deportato in Costa Rica.

Alzò gli occhi verso i monti; il vento aveva spinto a nord le nuvole che all’alba gli avevano fatto temere la pioggia. Il bosco non aveva ancora perduto la vivi￾dezza del primo mattino e così i fiori della jacaranda e dell’ibisco, saturi di colore, parevano di velluto. La rugiada bagnava gli stivali e i pantaloni da lavoro, le foglie vibravano argentee e le chiome frusciavano sfiorandosi. Vide come due colibrì di verde cromato, d’un tratto, sospendevano il loro volo veloce per infilare la lingua nei fiori delle campanelle, e c’erano passeri nel cuajiniquil e una coppia di tacchini silvestri volava da un pino all’altro emettendo richiami gutturali, in un gran frullar d’ali. Verso valle galleggiavano chiazze di foschia, mentre a oriente, il sole, liberatosi dalla caligine, irradiava la collina con una lucentezza che annunciava una giornata torrida. Eraun’ora ancora fresca e gentile, e il lavoro nella pineta permetteva a Davide di acquietare le sue preoccupazioni.

Davide, un italiano funzionario delle Nazioni Unite lì presente durante il colpo di Stato, è diviso tra l’amore per Gabriela, e l’infatuazione per Esther, una giornalista che da mesi sta raccogliendo materiale riguardante la crisi politica. Davide si ritrova così in mezzo alla rivolta e sarà costretto ad affrontare la ricerca disperata di Jesus, fratello di Esther e capo del movimento studentesco, arrestato e desaparecido insieme ad altri manifestanti.

Quando scrivo un romanzo è per dare una riposta a una domanda che diventa ossessiva, a una domanda che voglio investigare, e per la quale cerco risposte molteplici – ha dichiarato l’autore. È questo che permette un romanzo: avere a disposizione una pluralità di personaggi che propongono risposte diverse a una questione che mi interroga.

Nel primo romanzo, la domanda sorta dai miei anni di lavoro in Colombia era: cosa origina la violenza e perché viene ereditata da una generazione all’altra?

In Al Presente, Tutto, il romanzo risponde a una domanda politica: quando è giusto ribellarsi? Quando è giusto prendere partito? Queste domande sono relazionate con scelte morali, e la necessità di superare i propri timori, per divenire un soggetto politico, un agente. Vivere questo evento tragico nel 2009 è stato un privilegio e un’opportunità che mi ha fatto aprire gli occhi sul modo in cui la storia viene definita e narrata”.

Giuman non narra la grande storia, ma presenta dei brevi ritratti di persone comuni, la cui vita viene sconvolta dal golpe in Honduras. Attraverso queste pagine lo scrittore vuole fare un tributo al coraggio di chi si è opposto al colpo di stato. Vuole raccontare la gioventù che ha superato i propri timori e che ha lottato per il ristabilimento dell’ordine democratico. Vuole descrivere un evento significativo, avvenuto in un piccolo paese, ma che rispecchia bene una dinamica universale: come reagiscono le persone individuali davanti ai grandi eventi politici.

 

https://www.edizioniilciliegio.com/scheda-libro/luca-giuman/al-presente-tutto-9788867719365-727166.html

https://www.instagram.com/luca.giuman/

https://luca-giuman.blogspot.com/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono una giornalista pubblicista iscritta all'ordine dei giornalisti della Campania. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense, la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano.

Check Also

Peccato

‘Peccato originale’, il nuovo libro del Prof. Salvatore Di Bartolo: il conformismo dell’Occidente moderno

‘Peccato originale’ è il nuovo libro del Professor Salvatore Di Bartolo, edito La Bussola, con prefazione del giornalista Nicola Porro. Un affresco lucido e tagliente sul conformismo di cui l’Occidente moderno è sempre più permeato. L’autore sottolinea come il revisionismo sull’identità e sui valori occidentali stia sempre più espandendosi, annaspando nelle acque ideologiche del politicamente corretto.  Nell’antica Roma si chiamava damnatio memoriae, pena attuata contro i nemici del Senato Romano; probabilmente, l’antenata della moderna cancel culture sempre più dilagante nei tempi moderni.