Breaking News
Home / Segnalazioni libri / ‘Come una santa nuda’, il romanzo postumo di Alessandra Saugo edito da Wojtek da non perdere
Santa nuda libro

‘Come una santa nuda’, il romanzo postumo di Alessandra Saugo edito da Wojtek da non perdere

Come una santa nuda esce a sei anni dalla scomparsa della sua autrice Alessandra Saugo, edito da Wojtek il 20 settembre 2023. Alessandra Saugo, con questo romanzo, plasma molto più di un testamento spirituale: ci lascia una voce narrante immersa in tutti gli intrecci di una vita irriducibile a un significato unitario (le figlie, il compagno, i “colleghi“ scrittori, lo psicoanalista, la malattia, i programmi tv, il supermercato-Eden); eppure quella voce è già distante, misteriosamente trascende. Una frammentata esperienza di vita e di scrittura viene così riversata nell’andamento urgente di uno scavo che non risparmia nessuno, preludio alla morte cui arrivare finalmente nudi e santi… ma non al modo dei santi.

Santa nuda libro

Con le parole di Antonio Moresco: «Una voce femminile indomabile, intollerabile, inclassificabile, politicamente scorretta, scatenata, delicata, traumatizzata, comico-disperata, delirante, perturbante, urticante, unica».

Talmente unica e politicamente scorretta che quest’opera molto probabilmente, almeno nell’immediato, non avrà la visibilità che merita. Ardita e feroce, Alessandra Saugo è una voce critica a tutto campo, spigolosa e inascoltabili per molti scrittori e scrittrici di oggi e soprattutto per molti editori. Come una santa nuda non risparmia niente e nessuno, nemmeno la psicoanalisi; secondo l’autrice infatti lo psicoanalista è perennemente in contatto con l’idea di infinità dei mondi o canaletti, catapultato a scatti in eterogeni spruzzi psichici, come aveva già affermato nel libro Metapsicologia rosa.

La scrittura di Saugo è sperimentale come lo è ogni lingua che non si limiti a testimoniare ciò che è stato già razionalizzato e addomesticato, e si avventura in un territorio off limits di conoscenza. La sua è una voce delicata e dura al tempo stesso, piena di accostamenti spiazzanti, da scrittrice che si è dovuta inventare se no non avrebbe potuto dire e vedere quello che ha detto e visto.

Alessandra Saugo mostra anche il rovescio della medaglia anche nella parte femminile dell’umanità, ci fa vedere anche l’introiezione, perciò è crudele e impietosa non solo con i maschi ma anche con le femmine, di conseguenza è scomoda è guardata con sospetto, anzi come nemica dalle femministe di oggi, quelle che magari protestano contro Woody Allen perché quello del Festival del cinema di Venezia è una vetrina importante, dove non si può passare inosservate. Saugo è ribelle a 360 gradi, perché non semplifica, perché non è manichea, perché è coraggiosa.

 

Alessandra Saugo è nata il 14 gennaio 1972 a Valdagno (Vicenza) ed è scomparsa il 22 settembre 2017. Ha pubblicato Bella pugnalata (Effigie, 2010) e Metapsicologia rosa (Feltrinelli, 2017).

About Annalina Grasso

Giornalista e blogger campana, 29 anni. Laurea in lettere e filologia, master in arte. Amo il cinema, l'arte, la musica, la letteratura, in particolare quella russa, francese e italiana. Collaboro con una galleria d'arte contemporanea.

Check Also

Europei

Capire gli Europei: Gianni Galleri ci porta a scoprire il calcio dell’est Europa e chi tiferà per chi

Fra pochi giorni prenderà il via la diciassettesima edizione dei campionati europei di calcio organizzati dalla Uefa. Saranno 24 le rappresentative ai nastri di partenza e i Balcani saranno rappresentati da: Albania, Romania e da tre nazioni ex jugoslave, Slovenia, Croazia e Serbia.  Eppure, come sempre, non sarà tutto così chiaro. Chi tiferanno a Sfântu Gheorghe, nel cuore della Romania, a un'ora e mezzo di macchina da Bucarest? E la parte ovest di Mostar? Nel quartiere Čair di Skopje sorseggeranno tè ricordando la passata partecipazione della Macedonia del Nord oppure si infiammeranno per la nera aquila bicefala di Tirana? Ripercorrendo le pagine di "Balkan Football Club. Viaggio rocambolesco alla ricerca di utopie e rigori sbagliati" ci si può fare un'idea di quello che succederà in alcuni di questi luoghi, magari periferici, ma che fanno a pieno titolo parte di quello sterminato raccoglitore di contraddizioni che sono i Balcani.