Breaking News
Home / Segnalazioni libri / “Ethics Gym – Alleniamo l’etica della comunicazione”: il nuovo libro della giornalista e docente Mariagrazia Villa

“Ethics Gym – Alleniamo l’etica della comunicazione”: il nuovo libro della giornalista e docente Mariagrazia Villa

Ethics Gym – Alleniamo l’etica della comunicazione pubblicato con Franco Angeli , è il saggio della giornalista, autrice e docente, Mariagrazia Villa.

L’etica è la prima competenza che chiunque comunichi, soprattutto nell’ambito di una professione digitale, dovrebbe possedere. Svilupparla conferisce un fondamentale vantaggio professionale, non solo personale. Il segreto per accrescerla? Allenamento, allenamento, allenamento.

Villa è anche  presiede del Comitato etico del Constructive Network, la rete italiana dei comunicatori e professionisti dell’informazione che crede nel giornalismo costruttivo.

Dal 2014 è docente di Etica e deontologia ed Etica e media allo IUSVE di Venezia e Verona e si occupa di communication ethics coaching nelle aziende e nelle scuole. Dal 2018, insegna Giornalismo enogastronomico all’Università di Parma.

Ha pubblicato numerosi volumi – tra saggi e manuali divulgativi – sull’etica della comunicazione, il giornalismo d’impresa, la cultura enogastronomica e la food writing.

Scrive articoli sulle questioni morali inerenti al mondo della comunicazione e dell’informazione per il suo blog Amletica.

Ethics Gym – Alleniamo l’etica della comunicazione: Sinossi

Ethics Gym

Ethics Gym esce nel 2022 per la collana Professioni digitali

Introdotto dalla prefazione di Barbara Reverberi, LinkedIn Italia Top Voice 2022 e fondatrice di Freelance Network Italia, il saggio, in 31

pagine, racconta che cosa sia oggi la comunicazione e come si possa compiere una riflessione morale su di essa, e fornisce degli esercizi concreti per allenare quotidianamente l’etica nel proprio agire comunicativo.

Il testo affronta lo stato di salute della comunicazione contemporanea, mettendone in luce le difficoltà e le possibili soluzioni, e illustra i compiti della deontologia professionale dei comunicatori, da un lato, e dell’etica della comunicazione, dall’altro. Al cuore dell’intero libro, vi è il concetto di allenamento morale. Si parte dalla cura di sé nella filosofia antica per arrivare alla metodologia del coaching per sviluppare il potenziale buono dei comunicatori, attraverso esercizi di etica della comunicazione da fare individualmente e strumenti come il communication ethics report per sé e per le organizzazioni, fino ai dibattiti regolamentati e i board games a tema etico.

Il saggio ospita, non da ultimo, la testimonianza di importanti esperti del settore che, intervistati dall’autrice, esaminano l’etica della comunicazione per quello che è il loro ambito di competenza, dalla comunicazione politica a quella sociale e ambientale, dal giornalismo al brand positioning, dalla big data analytics alla didattica, dalla pubblica amministrazione alle aziende.

“In questo momento storico, l’etica non è la ciliegina sulla torta, è proprio la torta – spiega l’autrice. Nessuno può condurre l’esistenza senza interrogarsi sul proprio comportamento e, soprattutto, sulle motivazioni che lo portano ad agire in un modo piuttosto che in un altro. Come affermava Socrate: una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta. E la nostra ricerca dovrebbe proprio essere quella di domandarci chi siamo e perché agiamo come agiamo. Vale per l’ambito della comunicazione, ma non solo: vale anche per il resto della nostra vita”.

“Abbiamo pubblicato Ethics Gym di Mariagrazia Villa perché siamo convinti che l’etica sia una vera e propria competenza professionale, forse la più’ importante per un comunicatore – ha commentato la casa editrice. Perché comunicare con un’etica è un vantaggio professionale e non solo personale? Perché significa saper costruire relazioni potenti, empatiche, durature. E un networking autentico serve ad aumentare il proprio potenziale e, pertanto, le performance, la produttività, la qualità del lavoro e il benessere individuale e di team. Sulla scorta degli antichi, che ritenevano che le virtù andassero esercitate quotidianamente sino a trasformarle in buone abitudini, l’autrice spiega – a nostro avviso magistralmente – come mandare in palestra il nostro agire comunicativo per diventare dei veri e propri campioni dell’etica”.

Fermamente convinta che la riflessione morale sia al pari di un muscolo da allenare per non lasciarlo atrofizzare e che l’etica della comunicazione, ossia il saper comunicare per scambiarsi un dono reciproco nella prospettiva di un’intesa, non sia una soft skill, Mariagrazia Villa con questo libro ha realizzato il desiderio che nutriva da qualche tempo di scrivere un testo che fosse, appunto, a tutti gli effetti una vera e propria palestra morale.

 

https://www.francoangeli.it/Libro/Ethics-Gym?Id=27474

 

 

 

 

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono una giornalista pubblicista iscritta all'ordine dei giornalisti della Campania. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense, la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano.

Check Also

Europei

Capire gli Europei: Gianni Galleri ci porta a scoprire il calcio dell’est Europa e chi tiferà per chi

Fra pochi giorni prenderà il via la diciassettesima edizione dei campionati europei di calcio organizzati dalla Uefa. Saranno 24 le rappresentative ai nastri di partenza e i Balcani saranno rappresentati da: Albania, Romania e da tre nazioni ex jugoslave, Slovenia, Croazia e Serbia.  Eppure, come sempre, non sarà tutto così chiaro. Chi tiferanno a Sfântu Gheorghe, nel cuore della Romania, a un'ora e mezzo di macchina da Bucarest? E la parte ovest di Mostar? Nel quartiere Čair di Skopje sorseggeranno tè ricordando la passata partecipazione della Macedonia del Nord oppure si infiammeranno per la nera aquila bicefala di Tirana? Ripercorrendo le pagine di "Balkan Football Club. Viaggio rocambolesco alla ricerca di utopie e rigori sbagliati" ci si può fare un'idea di quello che succederà in alcuni di questi luoghi, magari periferici, ma che fanno a pieno titolo parte di quello sterminato raccoglitore di contraddizioni che sono i Balcani.