Breaking News
Home / Segnalazioni libri / ‘Il cavaliere senz’ombra’ di Raffaele Olivieri, il viaggio di un nobiluomo nel Medioevo francese
Cavaliere libro

‘Il cavaliere senz’ombra’ di Raffaele Olivieri, il viaggio di un nobiluomo nel Medioevo francese

Il cavaliere senz’ombra è il nuovo libro di Raffaele Olivieri edito Guida Editore. Protagonista è Gualtiero, un nobile rampollo di un’antica casata, figlio di un cavaliere appartenente all’Ordine dei Templari.  La trama si svolge in Francia, nel 1295; per Gualtiero la figura del padre è un alto modello da seguire e emulare, seppur dentro di sé non sgorghi il sacro fuoco del cavalierato e della temerarietà. Quella di Gualtiero è un’anima malinconica, letteraria, ingabbiata fra spade e armature; la delicatezza dell’anima del giovane si scontra con la concretezza e l’austerità del carattere del padre.

Olivieri si potrebbe definire un antimoderno, figura presente del saggio di Compagnon sugli antimoderni francesi. Gli antimoderni non sono figure semplicemente mosse dall’eterno pregiudizio contro il cambiamento, essi hanno una data di nascita preci-sa: il 1798, l’anno in cui la Rivoluzione francese segna una rottura decisiva e una svolta fatale; hanno una casa: la letteratura. Non sono tutti i campioni dello status quo, i conservatori e i reazionari di ogni sorta, non tutti gli ipocondriaci e i delusi del proprio tempo, gli immobilisti e gli oltranzisti, ma i moderni non entusiasti dei Tempi moderni, del modernismo o della modernità. In tal senso il romanzo di Olivieri è antimoderno, alla Michon, ambientato perdipiù proprio durante il Medioevo francese dai risvolti mitologici.

Cavaliere libro

Gualtiero si emoziona di fronte a un paesaggio, seppur non sappia cosa siano le emozioni; ha con sé una lista, un prontuario per vivere secondo certi canoni, in cui l’amato padre ha scritto tutte le situazioni e le persone da cui Gualtiero deve diffidare. Il suo carattere remissivo, troppo codardo per la guerra, gli era valso anche gli scherni della comunità; tuttavia, tutto cambia quando alla morte del padre il giovane rampollo ne eredita l’armatura: una corazza che diventerà una prigione, una sorta di oggetto transazionale di Winnicottiana memoria. L’armatura avuta in eredità diviene una vera e propria fortezza in cui Gualtiero si rinchiude, senza volersi mai staccare, simbolo di una gabbia d’oro e spauracchio di un effettivo e concreto mezzo per sconfiggere i dolori, le sofferenze e le realtà della vita vera. Il giovane, per dimostrare agli altri e a sé stesso di valer pur qualcosa, decide di partire per prender parte alle Crociate; il suo scopo diventa quello di inseguire le guerre, non perché sia un cuor di leone ma perché l’armatura diventa un riflesso di quella temerarietà di cui Gualtiero manca.

La battaglia, nella concezione del protagonista, diventa così un contesto mitico: soverchiato da un alone leggendario quasi come le gesta mitologiche di eroi del calibro di Achille. Tuttavia, le crociate sono finite da un pezzo: il giovane non cede alle sue convinzioni  e, anzi, la sconfinata paura da cui è pervaso lo obbliga a utilizzare questa falsa credenza come pretesto per non abbandonare l’armatura del padre; pesante, ingombrante, ma sicura e appagante dal punto di vista emotivo. Gualtiero intraprende un folle viaggio verso le guerre, schernito da tutti: ma è proprio durante il suo viaggio in Galilea che scoprirà sé stesso, grazie agli incontri singolari con cui si rapporterà durante il suo cammino.

 

La Grande Armonia: prendere coscienza del proprio essere

Durante il suo viaggio verso la Galilea il cavaliere senz’ombra, abituato agli agi e alla comodità, inizia a scontrarsi con le prime intemperie della vita; il timore degli insetti, abili e veloci nell’insidiarsi sotto la sua armatura diventata, oramai, una vera e propria casa e, ancora, la fame, il freddo e il caldo. Ogni tanto, alla vista di qualche paesaggio o di qualche personaggio durante il suo cammino, sopraggiunge un grumo di emozioni che Gualtiero percepisce nel petto, credendo si tratti di un dolore alle costole.

Con lui il suo cavallo e un coniglio selvatico incontrato lungo la strada; un animale la cui simbologia con il protagonista appare evidente: il poco coraggio, la paura, il non lasciarsi mai andare. Durante il corso delle pagine, il lettore noterà la crescita emotiva e umana del protagonista della storia: non solo grazie a una sua graduale evoluzione ma anche, e soprattutto, grazie ai personaggi che saranno riflesso dei suoi timori e che, tramite gesti o parole, li dissiperanno. Da ogni incontro imparerà qualcosa: la calma e la quiete di una comunità che vive senza parlare, al chiarore della luna, la cui dottrina si ispira all’amore, alla cooperazione e alla solidarietà.

Nomadi legati alla terra che insegneranno al giovane il legame con la natura, o la possibilità di una  la vita condotta senza il superfluo che pur può essere serena. Ai lunatici Gualtiero dona alcuni pezzi della sua armatura affinché possano reperire dalla vendita di quest’ultima del denaro per compare cibo e viveri. Questo passaggio è emblematico: l’armatura, co-protagonista del romanzo, si sfalderà nel corso delle pagine rivelando la vera essenza del cavaliere che la indossa.

Alcune parti saranno rubate, altre donate ancora a un uomo deforme dopo aver incontrato i lunatici, altri pezzi andranno perduti. Questa progressiva perdita simboleggia, in realtà, la possibilità di ritrovarsi; ogni pezzo perduto dell’armatura coincide con l’incontro verso la sofferenza, l’empatia, l’amore e, in altre parole, verso l’umanità. Piano piano, il carattere rigido che contraddistingue Gualtiero lascia il posto a una spiritualità che sembra sempre più espandersi, nel corso delle pagine, tanto da arrivare a rifiutare il motivo primario che lo ha fatto partire: la guerra. Incontra, in seguito, Frate Girolamo che lo invita a sostare nel monastero insieme ad altri frati; qui, Gualtiero, dopo una sosta decide di andare via, ancora, per la sua strada.  Successivamente, un menestrello gli indica la via della magia per rispondere a quei quesiti che Gualtiero, nel corso del suo viaggio, si continua a porre.

L’uomo incontrato per strada lo conduce dalla maga Jolanda che, invece di preparargli una pozione, gli rivela una profezia che sconvolge il cavaliere. La stanza della maga è sinistra, gli odori di rane e lumache bollite poco invitanti, le ombre nere dell’aldilà che il giovane cerca di combattere inquietanti. Eppure, la maga, scorge qualcosa di maestoso nel cavaliere dal cuore pavido e gli predice di essere destinato alla Grande Armonia: una condizione che implica lealtà, rispetto,  coraggio ma non la guerra.

‘’Ogni volta che rinuncerete a un pezzo della vostra armatura, riceverete un segno a indicarvi che siete sulla strada giusta. […]. Dovrete imparare ad incassare i colpi della vita, non quelli delle spade. Al termine del viaggio raggiungerete la Grande Armonia’’.

Quell’armatura non è altro che una  barriera fra Gualtiero e il mondo reale che il giovane utilizza per non scendere in campo di battaglia ancor più cruento: la realtà, l’esistere e i suoi flussi. Ogni volta che Gualtiero indossa l’armatura la sua ombra scompare; come se quella ferraglia ingombrante risucchiasse il suo respiro vitale, inglobasse la sua essenza, facendolo vagare per il mondo come mero pezzo di ferro senza più un’identità. La maga Jolanda, però, gli predice un’altra profezia: ogni qual volta toglierà l’armatura riceverà un segno: una piuma bianca dal cielo.

L’archetipo del Viaggio dell’Eroe fra rinascita e autorealizzazione

Le avventure di Gualtiero proseguiranno con altri incontri determinanti: un orso che lo risparmia da morte certa spezzandogli la spada e un filosofo che gli dona gli strumenti per porsi delle domande sul senso della vita e sulla la sua di esistenza, vissuta fino a quel momento. La rinascita di Gualtiero è evidente: il primo punto di rottura con la sua vecchia vita è quando decide di sbarazzarsi della lista degli inaffidabili redatta da suo padre.

Il giovane prende coscienza della propria interiorità, acquisendo sicurezza. I personaggi che incontra lungo il tragitto  lo porteranno al raggiungimento di un nirvana vitale e, di conseguenza, all’acquisizione tangibile del proprio posto nel mondo. Rimasto con pochissime armi e con una corazza sbrindellata addosso raggiunge un’oasi: non del tutto convinto dell’effettiva fine delle guerre, vede ancora aleggiare fantasmi ombrosi di questa sua convinzione, per poi rendersi conto che, le battaglie tanto ricercate, erano solo miraggi, pretesti per non darsi alla luce.

Nell’oasi, il protagonista, si sbarazza della sua armatura-corazza e, in sogno, il Pontefice gli conferma la fine della guerra e un mondo governato dalla pace. Baratta il suo cavallo con un cammello e affida il suo fidato coniglio a una vedova per partire di nuovo ma, questa volta, libero di essere sé stesso senza essere ingabbiato da un’armatura che reprime il suo vero Io, cancellando il suo essere. L’autore riserva, a questo punto, un epilogo inaspettato ed emozionante: Gualtiero non solo troverà quello che stava cercando, ma molto di più.  Il monomito narrato ne Il cavaliere senz’ombra si conclude con i tre punti chiave che caratterizzano l’archetipo del Viaggio dell’Eroe: l’autorealizzazione, l’individuazione e l’illuminazione del protagonista.

 

 

 

About Stella Grillo

Check Also

“Il segreto inconfessabile” di Rubina E. Rossi, il terzo capitolo della tetralogia dedicata alle indagini di Tony Della Rocca

Torna in libreria con Il segreto inconfessabile (Chance Edizioni) l’investigatore privato Tony Della Rocca nato dalla penna di Rubina E. Rossi. Rubina E. Rossi è uno pseudonimo dietro cui si nascondono Barbara Capotondi e Giorgia De Luca. Il nome è un omaggio a Luigi E. Rossi, il grande grecista grazie a un lavoro con il quale, peraltro, si sono conosciute. Entrambe nate e cresciute a Roma, laureate in Lettere Classiche, amanti dei gatti, dei viaggi, del teatro e dell’arte in generale, hanno intrapreso da qualche anno un percorso che le ha portate a pubblicare tre romanzi gialli, immaginati come parte di una tetralogia incentrata sulle indagini di Tony Della Rocca. Le loro date di nascita, rispettivamente 20/11/1979 e 17/12/1983, sono state fuse per creare quelle di Rubina e di Tony (20/11/1983 e 17/12/1979).