Breaking News
Home / Segnalazioni libri / ‘Il Gentiluomo’ di Andrea Perego, romanzo ispirato dai protagonisti della rivoluzione francese

‘Il Gentiluomo’ di Andrea Perego, romanzo ispirato dai protagonisti della rivoluzione francese

Il Gentiluomo, pubblicato da Supernova Edizioni, è il nuovo romanzo di Andrea Perego.

Il giornalista e scrittore italo-australiano attualmente è stanziato a Berlino. Dopo aver collaborato con diverse testate italiane, tra il 1999 e il 2004 lavora a Sydney come broadcaster-journalist per SBS Radio, con cui collabora ancora saltuariamente, occupandosi prevalentemente di politica, musica e cultura.

Rientrato in Italia nel 2004, a Venezia collabora con Filippi Editore curando una serie editoriale a soggetto veneziano, fra cui la ristampa aggiornata delle Curiosità veneziane di Giuseppe Tassini (prima edizione: 1863). Intanto collabora al settore editoriale di diverse mostre ed eventi. È autore del testo della guida breve della mostra Mantegna a Mantova inaugurata il 15 settembre 2006 a Mantova.

Scrive il testo dell’atlante della mostra Caravaggio e l’Europa. Il movimento caravaggesco internazionale da Caravaggio a Mattia Preti, inaugurata il 14 ottobre 2005 a Palazzo Reale, a Milano, e il testo della guida breve della mostra Il Male – Esercizi di pittura crudele  inaugurata il 25 febbraio 2005 a Torino, presso la Palazzina di Caccia di Stupinigi. I tre volumi sono editi da Skira editore, Milano.

Nel 2009 è sua la voce di Cristo nell’allestimento di Peter Greenway Le nozze di Cana (”The Wedding at Cana”, versione italiana).

Nel frattempo Perego si diploma in Archivistica, Paleografia e Diplomatica presso l’Archivio di Stato di Venezia.

La sua prima raccolta di racconti brevi, intitolata Racconti in cornice, contenente racconti suoi e di Daniela Biscontin, è pubblicata nel gennaio 2014 da Supernova Edizioni.  L’edizione inglese del libro esce nel marzo 2015 col titolo Red Moons and Cornflowers.

Dopo un lavoro durato tredici anni, Andrea Perego pubblica il suo primo romanzo nell’ottobre 2016, con Supernova. Le leggi del tempo è un articolato giallo storico ambientato a Venezia, che si svolge nel corso di una giornata, il 9 novembre 1730. Tra i protagonisti del romanzo compaiono anche la pittrice Rosalba Carriera e il musicista Antonio Lotti. L’edizione inglese del romanzo, The Laws of Time, esce nel 2019.

Nel marzo 2018 Andrea Perego pubblica, sempre con Supernova, Casanova a Berlino, che racconta i due mesi trascorsi da Giacomo Casanova nella capitale prussiana nell’estate del 1764. Il libro esce in quattro lingue. L’edizione francese è la trascrizione critica dal manoscritto autografo di Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, realizzata da Andrea Perego che cura l’intero progetto editoriale, con le edizioni in tedesco e in inglese, e si occupa personalmente della nuova traduzione in italiano.

Dopo oltre due anni di ricerche negli archivi di Berlino, Venezia, Parigi e Parma, nel 2020 pubblica con Supernova Barbara – Un affare di Stato, la storia della ballerina Barbara Campanini (1719-1799) ricostruita sulla base dei documenti originali. Il libro è pubblicato con il patrocinio del Comune di Parma e nella primavera del 2022 esce anche l’edizione inglese.

Il Gentiluomo: sinossi

Il Gentiluomo di Andrea Perego

Il Gentiluomo  esce nel settembre 2022

Nel corso delle ricerche legate a un mio lavoro precedente, mi trovai su un’isola della Scozia, in un archivio
privato, a sfogliare delle antiche carte collocate piuttosto
disordinatamente in alcune scatole di cartone. nes suno
ci aveva mai messo mano ed erano introdotte solo da un
inventario sommario: non descriveva il fondo, non ne
tracciava la storia. era un elenco che individuava il contenuto di ogni scatola con le date delle carte incluse e una
sintetica descrizione come “Fascio di corrispondenza a *** o
a sua moglie”, oppure “Fasci di carte e altri Memorandum”,
o ancora “Fascio di carte miste (trovate sciolte) su vari soggetti (necessita di essere analizzato più in dettaglio)”.
Come sempre succede in questi casi, bisogna armarsi
di grande pazienza e di occhi attenti.

Il protagonista è un nobiluomo francese che, dopo una giovinezza dorata a Versailles, durante la Rivoluzione deve scappare da Parigi per sfuggire al patibolo. Spinto dal terrore e senza denaro, con un plico di lettere che contengono i segreti della regina Maria Antonietta, raggiunge finalmente la salvezza a Londra dove, a trentatré anni, inizia la sua nuova vita non più come aristocratico ma come modesto cittadino straniero. Il suo carisma e la sua intraprendenza lo aiutano a farsi strada. Eliza, una vecchia amica dei tempi di Versailles, lo presenta al suo nuovo marito inglese, Henry Austen, che introduce il gentiluomo nel mondo della finanza londinese, dominato da corruzione e contrabbando. La nuova vita del gentiluomo si svolge nella brillante alta società di Londra. A Bath conosce la sorella di Henry Austen, Jane, che non ha ancora pubblicato i suoi romanzi e con la quale comincia a intrattenere una gustosa corrispondenza epistolare.

Il passato torna a bussare all’improvviso alla sua porta e a riaprire le ferite, quando un suo grande amore dei tempi di Parigi, mai dimenticato, gli rivela il mistero delle lettere di Maria Antonietta che gli aveva consegnato molti anni prima. La passione, quasi ossessiva, non si è mai spenta e il gentiluomo è chiamato nuovamente a prendere una decisione difficile.

Giunto a ottant’anni trova il coraggio di raccontare una vita avventurosa, divertente e spregiudicata.

Una giovinezza dorata alla corte di Versailles, un amore assoluto, un plico di lettere che incriminano la regina di Francia, Marie Antoinette, mentre la Rivoluzione infiamma Parigi cambiando il corso della storia e la vita del protagonista, costretto a fuggire in circostanze rocambolesche dalla Francia e dal suo passato per ricominciare una seconda vita a Londra. Sono gli elementi da cui si sviluppa questo romanzo di viaggio e d’avventura nato proprio dalla lettura delle memorie autentiche di alcuni protagonisti della Rivoluzione francese, nobiluomini e nobildonne che vissero gli anni che cambiarono la storia della Francia e dell’Europa.

 

Tempo fa cominciai a leggere le memorie di persone vissute durante la Rivoluzione francese. Persone che c’erano passate attraverso, l’avevano osservata coi propri occhi e sentita sulla loro pelle; nobildonne e gentiluomini francesi scampati al patibolo in un modo o nell’altro. Le trovai interessantissime – racconta Andrea Perego. Ho un debole per questo tipo di storia, la storia vista e raccontata. Pensai che sarebbe stato curioso dare vita a un personaggio che narrasse le sue vicende proprio da quella prospettiva. È un modo di raccontare la storia ‘da dentro’, cioè da un punto di vista pienamente umano; però è anche un’angolazione che presta il fianco a osservazioni assolutamente corrette: perché si dovrebbe provare simpatia per un personaggio nato e cresciuto nel lusso e fra i privilegi? Uno di quei fortunati che i princìpi della Rivoluzione volevano colpire e abbattere? La domanda e la sua risposta, tutt’altro che seducente, sono all’origine di questo romanzo che – spero – ha per protagonista un personaggio tutto sommato simpatico, un eroe-non eroe che si pone le stesse domande, che è consapevole delle contraddizioni di cui è intessuta la sua vita, e che in fondo non è meglio né peggio di gran parte degli altri uomini che incontra sul suo cammino.

Così, trovata la cornice, occorreva creare la storia, il soggetto romanzesco, la vicenda da inserire su quello sfondo. Il carattere del protagonista, l’episodio delle lettere di Maria Antonietta e la storia d’amore con il suo Pensiero Immortale sono il fil rouge, l’ordito su cui s’intreccia la trama del romanzo, da cui conseguono le peripezie e le avventure del gentiluomo, fortunose, rocambolesche e talvolta da lui anche accortamente cercate.

Pure per la seconda parte del racconto, quella londinese, ho inserito la narrazione in un contesto storico assolutamente reale. La figura di Henry Austen era una chiave curiosissima per aprire la porta a Jane, sua sorella. Le lettere di Jane e della sua ‘stravagante’ cugina Eliza – l’altra vera protagonista –, lette con la cura del ladro, mi hanno fornito la traccia reale su cui inserire un disegno di fantasia. Perché i veri romanzi storici, i più avvincenti, sono quelli in cui nella storia reale si inserisce l’imprevedibile, affascinante variante umana”.

“Ho conosciuto Andrea Perego all’Archivio di Stato di Venezia. Ero bloccato su un’antica scrittura e ho visto che lo studioso al mio fianco procedeva con una discreta velocità a leggere e ad annotare qualcosa su un suo quaderno. Gli ho chiesto se potesse aiutarmi leggendo un paio di righe del mio documento. Con grande cortesia si dichiarò disposto, lesse il documento e mi risolse il problema – ha dichiarato Giovanni Distefano.

Ecco come sono stato ‘catturato’ da Andrea Perego e quali sono gli inizi del nostro rapporto editoriale: l’ho invitato a scrivere per il nostro periodico Nexus (fondato nel 1993) e la sua prosa mi intrigava; poi ho scoperto che aveva vissuto in Australia, il continente che avevo nel cuore perché nel 1978 vi avevo trascorsi molti mesi in quanto mi era stato assegnato l’Australian-European Award per i lavori che conducevo all’Università Ca’ Foscari nell’ambito della cattedra di Letteratura del Commonwealth del prof. Bernard Hickey. Ho appreso quindi che era stato giornalista di una radio australiana e che amava scrivere.

La sua prosa asciutta e ricca allo stesso tempo, le parole scelte con grande cura e appropriatezza, l’eleganza e il ritmo del suo periodare mi indussero a dirgli che se in futuro avesse pensato di scrivere un libro, Supernova, la casa editrice di cui sono amministratore unico, fondata nel 1987, avrebbe gradito molto pubblicarlo.

Sono passati anni da allora e Supernova ha pubblicato diversi lavori di Andrea Perego, uno degli scrittori più presenti e apprezzati nel catalogo della casa editrice.

Sono così stati pubblicati Racconti in cornice (un libro del 2014 che raccoglie i suoi racconti e quelli di Daniela Biscontin); Le Leggi del Tempo (2016); Casanova a Berlino (2018, in quattro lingue: italiano, inglese, francese, tedesco); The Laws of Time (2019); Barbara – Un affare di Stato (2020); Barbara – An Affair of State (2022); Il Gentiluomo (2022). Tutti libri pregevoli, presenti anche nei Bookshop di Musei Civici di Venezia a dimostrazione che essi sono apprezzati in primis da coloro che li propongono ai lettori.

Un’altra piacevole qualità del nostro scrittore è la sua capacità di eloquio che amplifica la sua personalità la quale si manifesta appieno, come ho potuto constatare di persona, nelle presentazioni dei suoi libri che finiscono per diventare, sempre, un evento”.

 

Nelle pagine di Andrea Perego la Storia con la s maiuscola si fonda, quindi, nella storia con la s minuscola e ognuno dei ventotto capitoli del romanzo si conclude con un corsivo in cui il protagonista si astrae dalle vicende storiche narrate e lascia scorrere la coscienza con un procedimento che nel 1840 sarebbe stato assolutamente innovativo.

In queste sezioni, che costituiscono quasi un romanzo nel romanzo, il Gentiluomo racconta le parti più intime di sé, spesso in forma di sogno, di memoria, di libere associazioni che narrano in altro modo la sua crescita di uomo. Il nobiluomo francese è, del resto, ormai un English gentleman quando il passato torna a bussare alla sua porta in maniera inaspettata.

“Ma sì, la mia vita è stata divertente”, riconosce egli stesso scrivendo un’autobiografia in cui s’intrecciano storia e sentimento, ricordi e pragmatismo, realtà e sogno.

 

https://supernovaedizioni.it/catalogo

 

About Melania Menditto

Mi chiamo Melania Menditto. Sono laureanda in Lettere presso l'Università Federico II di Napoli. Amo la Letteratura, il Teatro, la Poesia, la Scienza forense,la Musica. Da sempre ammaliata dal Mondo di carta, sogno di farlo esplorare ai tanti, grandi o piccoli che siano.

Check Also

Graziani

‘La voce del crepaccio’: il thriller nordico dello scrittore altoatesino Matthias Graziani

«La voce del crepaccio» è il terzo thriller scritto da Matthias Graziani, noto scrittore altoatesino quarantatreenne, già acclamato dalla critica per «Sottopelle»: il suo primo romanzo investigativo. In quest’ultimo – «La voce del crepaccio» - uscito il 17 ottobre, si respira un’atmosfera prettamente nordica e carica di suspense. Ambientato nel novembre del 1989 a Feldberg, in Alto Adige, dove divampa un’ondata di terrore: il mostro, il leggendario Gletschmann, alias l’uomo del crepaccio, è tornato e con lui anche un’inspiegabile scia di sangue.