Breaking News
Home / Segnalazioni libri / “Il ladro di fiori”: il nuovo romanzo di Stefania Jade Trucchi

“Il ladro di fiori”: il nuovo romanzo di Stefania Jade Trucchi

Il ladro di fiori, edito da Bertoni editore, è il nuovo romanzo di Stefania Jade Trucchi.

L’autrice nata e cresciuta a Roma, è una psicoterapeuta, terapeuta EMDR, specializzata nel campo del Disturbo post traumatico da stress e delle conseguenze psicologiche della Violenza e del Lutto. È inoltre autrice di alcuni romanzi quali Un uomo di vetro,  Mosaico di donna e Il candore di un’anima pubblicato da Sperling & Kupfer. Ha scritto racconti come Un tuffo nella vita, Una voce da lontano, Cibo in parole e Il circo errante  in cui è descritto il Ciclo della violenza, una storia narrata attraverso gli occhi di un bambino. Ha vinto con le sue opere molti premi letterari. Alcune di queste sono state presentate in occasioni di giornate dedicate alla lotta contro la violenza.

Nel 2022, in occasione dell’evento, da lei stessa organizzato, dal titolo “L’arte denuncia la violenza” sono stati letti brani dell’autrice, poesie di giovani poeti ed esposti quadri e sculture di diversi artisti. Il devoluto dell’evento è andato all’Associazione Salvamamme per interventi a favore del popolo ucraino.

Il ladro di fiori: Sinossi

Il ladro di fiori

È tarda sera, sono già in pigiama con i capelli sciolti sulle

spalle, sarei voluta andare a dormire presto, ma poi tutto è

precipitato. Entro rapidamente in bagno e mi chiudo dentro,

le mie mani premono sulle mattonelle gelate, mentre il mio

viso bagnato di lacrime si avvicina al pavimento, bagnandolo di

umido dolore. Le ginocchia sorreggono il mio busto che si piega

in avanti per schiacciare il peso della rabbia.

Inizio a sentire la cute della testa bruciare forte, un sordo

dolore sotto la scapola destra, il labbro inferiore pulsa sempre

di più.

Tengo gli occhi chiusi, stringo le mani a pugno, spengo la

luce del bagno dopo essermi chiusa la porta dietro le spalle.

«Respira», mi dico nella mente. «Non trattenere il respiro, ok

ok ignora il battito rapido del cuore, non stai per morire ok,

respira Lara e se vuoi piangi. Non è una vergogna piangere».

Batto i pugni per terra e singhiozzo. Un colpo alla porta mi fas sussultare

Stefano e Lara sono due fiori recisi spezzati. Una donna forte, un ragazzo apparentemente debole. Due storie di violenza familiare, una subita da moglie, l’altra da figlio. Le loro vite non si incontreranno mai, se non agganciate da un unico elemento che le tiene insieme. Una storia di resilienza, di elaborazione del dolore e di rinascita; di ripristino della fiducia quando le persone a noi più vicine ci hanno tradito. Ci sono poi Ambra, Piero, Damiano e le loro storie di sofferenza, di rivalsa, di prepotenza, di rabbia, di violenza. Vite schiacciate dal dolore, che di fronte a una serie di porte chiuse forse riusciranno a trovare il modo di aprirne almeno una. Sullo sfondo la pandemia globale di Covid che ci ha colpiti nel 2020. La solitudine amplificata, l’isolamento e la costrizione, il senso di soffocamento costante. Dolore che confluisce in altro dolore, che dovrebbe far crescere ma invece sembra rendere i protagonisti ancora più piccoli.

“Questo mio nuovo romanzo nasce dal bisogno, purtroppo sempre crescente, di dare voce alla sofferenza di tante donne vittime di violenza e dei loro figli, vittime involontarie di violenza assistita, altrettanto grave e pericolosa. In queste pagine narro la storia di tre donne e dei loro tre figli, degli effetti del maltrattamento nel loro animo. Narro la crudeltà di alcuni uomini e al tempo stesso la voglia di altri uomini di affrancarsi dalla violenza. Cerco di spiegare il valore da dare ai sentimenti e ai legami affettivi e familiari. Racconto le vite difficili delle tante persone arrivate nel mio studio di Psicoterapia con la richiesta di dare loro la forza e il coraggio non solo di fuggire dai soprusi, ma anche di costruire una nuova vita all’insegna del rispetto e della tanto meritata serenità”.

Il libro di Stefania Jade Trucchi mi ha colpito dal primo momento, fin dalla prima pagina – ha dichiarato Jean Luc Bertoni, Titolare della Bertoni Editore. È un argomento quello degli abusi, in particolare domestici e familiari, purtroppo sempre attuale, delicato e urgente.

Noi, come casa editrice, siamo impegnati con molte nostre pubblicazioni sul tema del contrasto agli abusi e alla violenza, fisica e psicologica e del femminicidio. Il ladro di fiori entra per noi a buon diritto nella scuderia Bertoni delle opere che hanno un forte potere sociale in tal senso”.

La violenza peggiore è quella subdola, priva di gesti plateali ma ricca di parole crudeli, sottili, fuorvianti e umilianti, capaci di confondere, raggirare e manipolare fino a farci dubitare della nostra stessa identità. Essa appartiene anche a chi sa apparire insospettabile, perciò riconoscerne i segnali può salvarci dalla sofferenza dell’abuso e dalla successiva frustrazione di essere riconosciuti e creduti come vittime.

Il ladro di fiori di Stefania Jade Trucchi ci porta in un viaggio doloroso e profondo, e ci insegna il valore della tutela dell’infanzia. Sempre.

 

https://www.bertonieditore.com/shop/it/libri/1194-il-ladro-di-fiori.html

 

 

 

 

About Redazione

Check Also

la data giusta

“La data giusta” di Mariaelena Porzio, quando la fuga è un atto di coraggio

Una mattina il giovane Nikolay si alza e come ogni giorno si prepara per andare a scuola. Prima di scendere in cucina, guarda l'ora e strappa dal calendario il foglietto del giorno precedente. Ecco fatto, ora segna la data giusta: è il 24 febbraio 2022. Ma quella mattina, non appena scende in cucina per fare colazione, si rende conto che non potrà andare a scuola e non potrà farlo nemmeno nei giorni successivi. È successo qualcosa che manderà all'aria tutta la sua vita: è scoppiata la guerra" spiega Mariaelena Porzio, autrice del romanzo La data giusta, Collana Lifebooks - PubMe, il diario di un ragazzo costretto a lasciare tutto per scappare dalla guerra.